QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Addio a Kirsten Flipkens: ‘Con un tiro come questo, ora puoi ritirarti’ | Wimbledon

Il nostro giornalista di tennis Dirk Girlo ha assistito ieri all’ultima partita di singolare di Kirsten Flickins (36). Riflette sui successi di Flipkens nel tennis belga. “Negli ultimi 20 anni, onestamente non conoscevo cinque giocatori che potessero evocarlo intuitivamente con una racchetta”.

Un lontano ricordo, Wimbledon 2003. Kim Clijsters e Justin Henin partecipano al World Summit.

Hanno raggiunto le semifinali dove sono state eliminate dalle sorelle Venus e Serena Williams. Una delusione, perché il duo belga aveva giocato la finale qualche settimana fa a Parigi.

Ma Guarda, c’è ancora un contributo belga alla fase finale del torneo. Kirsten

Flipkins, 17 anni, si è qualificato per la finale juniores.

E sabato, davanti a 12.000 spettatori sulla prima pista, inclusa la “sorella maggiore” Kim Clijsters, Flickins ha battuto la russa Anna Tsjakvetadze in 3 set.

Flipkens diventa così il quarto belga a vincere il Wimbledon Junior Championships.

Ricordo l’intervista rilasciata dopo la partita, al piano di sopra, nella cabina di commento nel cortile principale. Flipkens ha già avuto una chiacchierata sobria, ma soprattutto tranquilla.

“Non paragonarmi a Kim o Justin”, ha detto Flickins in quel momento. “Sarei felice se potessi diventare uno dei primi 100 giocatori permanenti in pochi anni”.

Con cuore e anima per la nazionale

Nel 2003, Flickens ha vinto lo US Junior Open ed è stato nominato campione n. 1 del mondo. abbastanza.

Ma più di quel premio, ricordo le sue travolgenti lacrime e delusioni durante le semifinali della Fed Cup a Mosca. Il Belgio ha giocato in quella semifinale contro l’America.

L’allenatore Ivo van Aken aveva convocato Kirsten dopo la perdita della coppia Clijsters/Heenen.

I Flipkens giocarono contro Megan Shaugnessy, una delle prime 20 all’epoca, una partita improbabile. Non è stata in grado di utilizzare il match point nel secondo set e ha perso di poco dopo più di 3 ore di competizione.

La foto di Flipkens, con tutto e lacrime al fianco di Coach, resta con me. Fino a quando Corona non lo ha reso impossibile, Flipkens aveva sempre giocato per la nazionale con il cuore e l’anima.

Ingegno e creatività

Kirsten Flipkens ha più che realizzato il suo sogno. Perché i numeri sono come
Rendere tangibile una carriera: 50 volte nel tabellone principale del Grande Slam, 14 volte
Melbourne e Parigi 12 volte, Wimbledon 12 volte e New York 12 volte.

In totale, più di 1000 partite di competizioni vinte di oltre il 60%. È consentito anche il primo titolo sul circuito WTA in Quebec, Houston. 5 indirizzi doppi.

Nelle semifinali qui a Wimbledon nel 2013, i titoli dei giornali britannici parlano di ‘la ragazza con gli occhiali’, l’ottavo di finale di quell’anno anche a Melbourne. Si è classificata tredicesima nella classifica mondiale quell’anno e fa sport quest’anno.

Cosa mi resta? Che, ovviamente, rimane con molti. Incredibile maestria. Le sue creazioni, il tennis che a volte è salito al livello di “arte”. Negli ultimi 20 anni, onestamente non conoscevo cinque giocatori che potessero evocare una tale intuizione con una racchetta.

C’era un filo conduttore di infortuni. Fin dalla tenera età è apparsa la schiena, quindi il polso è apparso più volte, con un intervento chirurgico. Spalla e ginocchio, l’anno scorso È un grave infortunio alla caviglia.

E, naturalmente, nell’aprile 2012 con coaguli di sangue che avrebbero potuto essere pericolosi per la vita se non rilevati. Flipkens ha combattuto più e più volte. Di certo nel 2012 è precipitato molto nelle classifiche mondiali, attraverso tornei minori, è risalito da solo e ha vinto il titolo WTA in Quebec, poco dopo gli US Open.

Ricordo l’intervista telefonica dopo quel primo grande discorso. Flipkens da sola nella sua stanza d’albergo. Ho sentito che Flipkens è davvero orgoglioso, ma anche un po’ arrabbiato senza di lui Un sacco di supporto avrebbe dovuto rendere il suo ritorno un successo.

“Era sempre pronta a parlare, nel bene e nel male”

Qual è il prossimo ? Non come giornalista ma come spettatore del Gruppo 2 in tribuna. Rio 2016, Olimpiadi e match di primo turno contro l’ex campionessa Venus Williams.

Dopo aver perso il primo set, i Flipken hanno avuto il pubblico dalla sua parte con i suoi punti spesso sbalorditivi che hanno portato la Williams allo sconforto.

Nell’ultimo set, ha affrontato il suo deficit di 3/5 prima di vincere il tiebreak dopo mezzanotte e sdraiarsi sulla schiena sugli anelli olimpici. Mentre si faceva selfie con i fan belgi, il canto risuona ancora.

Cosa non si può dire di tutti i giocatori, Kirsten Flipkens era sempre pronta a parlare, se le cose andassero bene o male in campo.

Ha detto in modo più ampio su questo: “Non ho mai avuto il collo duro prima. Ero in contatto con tutti. I tifosi, la stampa, gli altri giocatori, gli allenatori, i parenti. Ho potuto cantarla a lungo. tempo perché potevo varcare la porta con tutti”.

Ma adesso è finita, già nei singoli e all’epoca e nel luogo si è scelta lei stessa. Flipkens ha viziato il pubblico un’ultima volta Con “Scatola dei trucchi”.

Gli spettatori e l’avversaria Simona Halep le hanno regalato una standing ovation per un minuto. Rafael Nadal era sulla pista di allenamento accanto ai Flipkens qualche giorno fa quando ha tirato un potente tiro in rete.

Nadal la vide e la chiamò: “Kirsten, con una palla del genere, ora puoi ritirarti!”

Questo è quello che è successo.

Dirk Gerloo

READ  Timori per Spagna o Portogallo: i Red Devils sanno...