QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche l’aeroporto di Charleroi rimarrà chiuso mercoledì dopo il caos: ‘Il tempo era davvero fosco’

Anche mercoledì i passeggeri in partenza non potranno entrare nell’aeroporto di Charleroi, dove il personale di sicurezza sta scioperando. Lo hanno deciso le autorità aeroportuali dopo un’altra giornata di caos. Arrivo in aeroporto domani come previsto.

Il motivo è lo sciopero in corso da parte del personale di sicurezza dei Security Masters. Ai passeggeri in partenza non sarà consentito l’ingresso mercoledì e i passeggeri in arrivo saranno “accolti” normalmente, a quanto pare in una dichiarazione rilasciata martedì notte. Chiediamo pertanto ai passeggeri in partenza di non recarsi in aeroporto. Saranno informati a breve dalle loro compagnie aeree. Nella stessa comunicazione, l’aeroporto ha già precisato di non essere responsabile per “eventuali disagi”, ma si scusa per “i disagi arrecati”.

La decisione arriva dopo una giornata ricca di eventi. Fin dal primo mattino c’erano code molto lunghe, a volte c’era molto da tirare e spingere. La polizia è stata costretta a inviare rinforzi. Poiché le persone erano bloccate in coda, molti voli sono rimasti vuoti. “Non c’è molto che possiamo fare come aeroporto”, ha affermato il CEO Philip Verdonk. “Chiediamo loro di aspettare il più a lungo possibile, in modo che quanti più passeggeri possibile possano salire sull’aereo, ma non possiamo fermarli”.

A mezzogiorno sembrava non avesse più senso scendere a Charleroi. “Non sarà possibile entrare nell’edificio del terminal martedì 18 ottobre”, ha risposto il sito web dell’aeroporto di Brussels South Charleroi. L’aeroporto è stato chiuso anche nelle prime ore di lunedì mattina a causa della partenza dei passeggeri, perché il personale temporaneamente intervenuto non aveva abbastanza per coprire l’intera giornata.

Subappaltatore

I dipendenti di Security Masters sono in sciopero perché scontenti della decisione di BSCA Security, un subappaltatore aeroportuale, di assegnare i controlli di sicurezza dei passeggeri a due operatori anziché a uno. I dipendenti temono che la decisione incida sulla sicurezza del lavoro e sulle condizioni salariali.

READ  La TV francese arriva con una "previsione del tempo" per il consumo di energia: la corrente si interrompe al codice rosso | Economia



Lo sciopero degli uomini della sicurezza ha già portato al caos lunedì.


“ruggito e ruggito”

Christophe Vercari era già in aeroporto alle 7 del mattino, per un volo decollato alle 13.15. “C’è molta attività di polizia”, ​​ha detto questa mattina nella sua testimonianza. Ogni quindici minuti facevano entrare un centinaio di persone e poi richiudevano le porte per un po’. È andato tutto bene da solo, ma solo dopo le otto le persone hanno iniziato a infastidirsi.

“Molte persone urlavano e urlavano. Qualcuno ha suggerito di spingere tutti forte per entrare. È stato davvero deprimente. Ho visto molte persone piangere, alcune di loro hanno avuto un attacco di ansia. Siamo molto grati alla polizia per il loro aiuto . È più tranquillo dentro, dice Christoph. “Più educato dentro.”

“bambino in aria”

Anche Veronique Peters-Van Hoorenbeek di Hoellart lo trova particolarmente tranquillo all’interno dell’aeroporto. Questa mattina, ha anche detto: “Sono seduta qui quasi da sola a bere caffè”. “Ma fuori è stato terribile. C’erano diverse centinaia di uomini. Stava tirando e spingendo. Ho visto persone che sollevavano una carrozzina e un bambino in aria. Ad un certo punto ho chiamato i servizi di emergenza. Lì hanno detto che erano a conoscenza della situazione .”

Sembrava anche che la signora dietro di me stesse per svenire, iniziò a respirare. Ho subito fatto riferimento agli agenti di polizia che l’hanno aiutata. Poi hanno fatto entrare anche me. Sono troppo presto ora. Il mio volo per Stoccolma non è prima delle 12:55.

reindirizzato

Per precauzione, TuiFly ha dirottato i suoi tre voli programmati per martedì verso Oujda, Palma di Maiorca e Rabat verso l’aeroporto di Bruxelles.


I passeggeri devono ancora una volta fare la fila per molto tempo e rischiare di perdere il volo.

Foto: BELGA

Paura della cancellazione

Il CEO Verdonk teme che le compagnie aeree cancelleranno i voli da Charleroi nei prossimi giorni a causa dello sciopero. Lo ha detto martedì la mattina A Radio 1. “Tui ha già deciso che gran parte dei suoi voli partirà da Bruxelles. Stiamo discutendo con altre compagnie aeree come Ryanair per vedere quali potrebbero essere i piani per i prossimi giorni. Alcuni di loro potrebbero cancellare tutti i voli in i prossimi giorni».

“Speravo che i colloqui di ieri sera avrebbero portato qualche causa, ma non è così”, ha detto il capo dell’aeroporto. Ho parlato con i sindacati e dicono “non ci muoviamo”. Si aggrappano all’idea che perderanno il lavoro. È da stamattina presto che cerco qualcuno della gilda che lo spieghi ai passeggeri, ma niente. Ora siamo deboli. (…) Non posso accettare che il personale ei passeggeri che lavorano con me siano vittime di queste discussioni, afferma Verdonk.