QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche quelli senza malattia polmonare da Covid fanno male dopo l’infezione.

Una ricerca britannica su 81.300 persone ha mostrato che i pazienti guariti dal coronavirus ottengono punteggi significativamente peggiori rispetto a quelli non infetti.

Nell’anno di Corona 2020, la BBC ha invitato i residenti a svolgere online il “Great British Intelligence Test” per determinare i loro punti di forza cognitivi individuali. Il contatto non è stato collegato alle possibili conseguenze dell’infezione da SARS-CoV-2 sul cervello. Ma ai partecipanti che si sono sottoposti a tutte e nove le serie di test cognitivi – inclusi test di memoria di lavoro, capacità di attenzione e capacità di valutare correttamente le emozioni degli altri – sono state poste domande sulla loro storia medica, livello di istruzione e background. Circa 81.300 persone hanno risposto a tutte le domande. Più di 500 di loro sembravano aver avuto in precedenza un’infezione confermata da corona.

Da un’analisi statistica completa pubblicata tramite bisturiOra, sembra che le persone che hanno contratto la corona abbiano ottenuto risultati significativamente peggiori nei test cognitivi rispetto ad altri partecipanti della stessa età e profilo socioeconomico.

Con l’intensificarsi del decorso dell’infezione da corona, le prestazioni dei partecipanti sono peggiorate. Coloro che hanno dovuto utilizzare un ventilatore in ospedale a causa del Covid hanno visto diminuire le proprie capacità cognitive più dei partecipanti che hanno dichiarato di aver avuto un ictus o dei partecipanti che hanno riportato difficoltà di apprendimento ma anche coloro che sono stati in grado di curare il COVID-19 a casa hanno segnato (leggermente) peggio. ) di coloro che non hanno l’infezione da corona.

Le differenze più evidenti sono state nei test che misurano la capacità di pensiero dei partecipanti, la capacità di risoluzione dei problemi e la consapevolezza spaziale.

READ  Presentazione del piano di dosaggio per neonati di vitamina K pronto

Sorprendentemente, anche le persone che hanno affermato di non avere sintomi duraturi (“Covid lungo”) hanno ottenuto risultati peggiori. Nel gruppo che ha detto di non avere più problemi, non importava quanto tempo fosse passato il contagio. La ricerca a lungo termine dovrebbe mostrare se c’è un effetto reale che dura per anni.