QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Apparentemente “Voglio un bambino” e non “Cosa vuole un bambino?”: la polemica su uno show televisivo sulla co-genitorialità

Al CRC, si sono strozzati con il caffè al mattino quando hanno letto i piani per il nuovo programma VTM. “Ho una serie di preoccupazioni circa lo stato futuro del bambino coinvolto”, afferma il commissario per i diritti dei bambini Caroline Frigins. “Si comincia dal solo titolo: ‘Voglio un figlio’. Tutti comprendono il desiderio delle persone di avere figli, ma qui viene presentato quasi come se il bambino fosse un oggetto legale. Mentre il bambino è come un soggetto giuridico, ha i suoi diritti».

Commissario per i diritti dei bambini Caroline Frijns.Bild Foto Notizie

Intenzione Voglio un bambino Sta illuminando la co-genitorialità consapevole. Si tratta di una forma familiare in cui i genitori non hanno un rapporto d’amore, ma collaborano con il bambino – ad esempio mediante inseminazione artificiale – e lo allevano. Il programma lancia anche un invito ai “potenziali genitori di una potenziale serie che sarà poi trasmessa su VTM”. L’obiettivo sarà quello di seguire i (potenziali) genitori durante l’intero processo, sotto la supervisione di quattro esperti.

“Ci sono programmi sull’acquisto cieco di case o sul matrimonio”, dice Vrijens. “Ma una volta che c’è un bambino, è fondamentalmente irreversibile, ovviamente.” Anche il ministro fiammingo della gioventù e dell’informazione Benjamin Dahl (CD&V) è stato associato a programmi come cieco comprato a partire dal sposato cieco. “Avere un figlio è diverso che comprare una casa o trovare un partner”, dice. “L’interesse superiore del bambino deve sempre venire prima di tutto e temo che questo non sia possibile in questi tipi di formati”.

L’educazione come progetto

“È chiaro che ‘Voglio un bambino’ e non ‘Cosa vuole il bambino?'”, afferma Philip Nines del Knowledge Center for Family Science (Odisee). “Questo è indicativo del culto dell’attitudine in cui ci troviamo oggi: l’idea che l’educazione sia un progetto in cui le persone scelgono come e quando iniziare”.

Anche se Noens ha una mano nella mano. “Tutto dipende dalla finalità del programma”, afferma Nuwens. “Se i creatori dello spettacolo documentano solo la storia di poche persone che vogliono diventare co-genitori, puoi avere un’opinione in merito, ma quelle persone sono proprio lì. Cambia quando i creatori iniziano a creare la storia da soli. I non pensare che sia questa l’intenzione. Sembra che tu miri ad avere un figlio per uno spettacolo. Sono le persone che fanno i bambini, non i programmi TV. ” A causa del titolo da un lato e del lavoro con la cosiddetta “consegna delle chiamate” dall’altro, il VTM dà poco di quell’impressione.

Rompere il tabù

Una cosa è molto chiara: Voglio un bambino “Non è un gioco o un programma di appuntamenti”, afferma la portavoce di VTM Tyne Dancheter. Tuttavia, il programma si è posto l’obiettivo di rompere il tabù che circonda la co-genitorialità consapevole. “È essenziale”, dice Dancheter. “Alla fine, la forma familiare esiste, ma chiunque la scelga o la contempli, purtroppo si trova di fronte a una mancanza di informazioni, guida e supporto. Attualmente non esiste un quadro giuridico per la co-genitorialità informata. Di conseguenza, i potenziali genitori sono talvolta non sufficientemente consapevole dei rischi e dei pericoli di questo tipo. della famiglia».

La professoressa Ann Boyce, presidente del Family Psychology Research Group (UGent) sta collaborando al programma.  Immagine VTM

La professoressa Ann Boyce, presidente del Family Psychology Research Group (UGent) sta collaborando al programma.Immagine VTM

VTM conferma che sta lavorando a stretto contatto con quattro esperti che supervisionano il programma. Uno di questi è la professoressa Ann Boyce, presidente del Family Psychology Research Group (UGent). Dice di capire le domande che vengono sollevate sul programma. Tuttavia, pensa ancora che sia una buona idea dedicarle un programma. “La co-paternità esiste già”, dice Buysse. “Spesso si tratta di persone che si incontrano online”, dice. “Oppure vediamo persone che visitano una clinica per la fertilità con un donatore noto senza descriverlo come co-allevamento intenzionale. Quindi è lì. Quindi mi sembra che forniamo una guida professionale alle persone che prendono la decisione. ”

Secondo Buysse, non vi è alcun intento esplicito di incoraggiare le persone ad avere figli attraverso il programma. “Vogliamo dare alle persone che ci hanno già pensato o che hanno piani per farlo un canale attraverso il quale possono farlo”.

pedigree

“Penso che sia positivo che questo programma incoraggi la discussione”, afferma Vrijens. “Sicuramente nel nostro Paese c’è ancora un dibattito sulle proporzioni: la nostra legislazione è sempre stata incoerente con la realtà. Ma non credo che questo programma se ne occuperà. Se questo fosse un programma di interpretazione in cui esperti esperti hanno detto la loro ed esperti fornire l’interpretazione, avremmo affrontato molto meno problema in questa materia.”

Anche il professore di etica dei media Bart Patten (KU Leuven) si chiede se focalizzare la telecamera su questo fenomeno sia il modo per rompere i tabù. “Se ai suoi creatori interessasse davvero, avrebbero raccolto fondi per creare una società di consulenza per le persone che stanno prendendo in considerazione la co-genitorialità. Ora stanno capitalizzando l’emozione di rompere un tale tabù nel loro spettacolo. Guarda cosa ci hanno insegnato gli informatori di Facebook questa settimana: che c’è un mestiere dietro il risentimento”.

READ  Elke Clijsters sta iniziando una relazione a sorpresa con Wesley Sonck? | Calcio 24