QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

ArcelorMittal deciderà presto il destino dello stabilimento di Gent

ArcelorMittal deciderà presto il destino dello stabilimento di Gent

ArcelorMittal deciderà entro la fine dell’anno sugli investimenti necessari per produrre acciaio sostenibile nel suo sito di Gand. È quanto afferma il quartier generale europeo del colosso dell'acciaio. L’acciaieria di Dunkerque è un formidabile concorrente, ma ha il potenziale per diventare una storia.

ArcelorMittal conferma all'agenzia di stampa Belga che una decisione sugli investimenti nell'acciaio sostenibile nel suo sito di Gand sarà presa nel corso del 2024. Nel frattempo, gli ingegneri stanno studiando come la multinazionale può produrre acciaio sostenibile a Gand e Dunkerque, in Francia. Nessun progetto è stato interrotto.

Dal 2021 si prevede la costruzione di due forni fusori elettrici e l'installazione di un DRI presso l'acciaieria di Gand. Ma un investimento di oltre 1 miliardo di euro sarà sotto pressione perché l'acciaieria di Dunkerque, in Francia, può contare su generosi sussidi. De Tijd ha riferito all'inizio di questa settimana di dubbi sull'arrivo dell'installazione DRI. La questione è stata discussa anche nel Parlamento federale.

Leggi anche: ArcelorMittal subisce enormi perdite dopo un incidente mortale in Kazakistan

ArcelorMittal rileva che tutti i progetti sono in fase di ricerca. Nel rapporto sui risultati la società quotata ha menzionato ulteriori investimenti, tra cui un forno elettrico a Gijon, in Spagna. Il gruppo riferisce inoltre che la domanda di acciaio sostenibile sta mostrando una chiara crescita. Ad esempio, il produttore danese di turbine eoliche Vestas vuole costruire turbine utilizzando acciaio riciclato, mentre il produttore francese Schneider Electric vuole produrre applicazioni elettriche sostenibili.

Clima neutro

Gli investimenti a Gand e Dunkerque sono stati esplicitamente menzionati dal colosso dell'acciaio, che vuole essere neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Entro il 2030, le emissioni di anidride carbonica dovrebbero essere ridotte del 35%.

READ  Boston Dynamics fa causa a un concorrente statunitense per violazione di brevetto - Professionista IT - Notizie

Nel 2021, la Dichiarazione di intenti è stata firmata presso il municipio di Gand alla presenza del governo e della famiglia Mittal. Da allora, gli ingegneri hanno lavorato alla progettazione concreta. La direzione di Ghent afferma che il fatto che sia allo studio un'installazione DRI a Dunkerque non significa che l'investimento a Ghent non verrà effettuato. “Per utilizzare le risorse nel modo più efficiente possibile, diamo priorità alla fase di progettazione dettagliata del forno fusorio elettrico, al fine di sviluppare l'ingegneria di dettaglio del DRI nella fase successiva”, si legge nella nota ufficiale.

Gli investimenti che producono rendimenti più rapidi possono essere prioritari da parte del management internazionale. Il management europeo di ArcelorMittal sottolinea che “i costi dei progetti, l'accesso ai fondi e i futuri prezzi dell'energia avranno un impatto sull'introduzione dei forni a riduzione diretta e dei forni elettrici”.

Il dossier di sostegno per la filiale di Gand è stato completato nel giugno 2023, con un valore di 280 milioni di euro. Ma ArcelorMittal può contare anche su un ampio sostegno in Francia e all’inizio di quest’anno ha annunciato una partnership a lungo termine con la società energetica statale francese EDF. L’energia a basso costo è una risorsa importante per il funzionamento dei forni fusori elettrici.

Ministri preoccupati

Il ministro federale dell'Energia Ten van der Straeten (Verde) esprime le sue preoccupazioni. Il governo federale sta cercando di contrastare l’eccesso di energia nucleare nei nostri vicini del sud con un sostegno aggressivo all’energia verde. “Il Belgio ha molte risorse, compreso l’accesso all’energia verde ed economica attraverso i nostri parchi eolici offshore”, afferma van der Straeten. “Nel 2021 abbiamo introdotto anche l’Energy Standard, uno strumento essenziale affinché le nostre aziende non siano esposte ad ulteriori svantaggi competitivi”. Ma una guerra di offerte tra gli Stati membri per fornire sostegno alle multinazionali non è priva di rischi per un piccolo paese come il Belgio. “Se competiamo gli uni con gli altri a livello interno, tutti perderanno, tranne i paesi extraeuropei”, afferma il ministro Green.

READ  Netflix annuncia la prima crescita degli abbonati nel 2022 - IT Pro - Notizie

Le Fiandre investono nel sito ArcelorMittal di Ghent attraverso la partnership Finocas. “Le Fiandre stanno facendo tutto il possibile per stimolare le aziende industriali straniere a investire qui, soprattutto quando si tratta di innovazione nel campo della sostenibilità”, afferma il primo ministro fiammingo Jan Jambon (N-VA). Ma il governo fiammingo si protegge anche dai tentativi di sostegno. “Ora dobbiamo competere più spesso con paesi con tasche profonde che forniscono sussidi eccessivi a determinate aziende”, afferma Jambon. “Questo non può essere l’obiettivo del modello di cooperazione europea”. Jambon vuole rendere questo tema una priorità durante l'attuale presidenza dell'UE.