QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Avvicinarsi al vaccino contro l’HIV attraverso anticorpi specifici

Avvicinarsi al vaccino contro l’HIV attraverso anticorpi specifici

I ricercatori hanno compiuto un passo importante nello sviluppo di un vaccino efficace contro l’HIV. Il candidato vaccino consente all’organismo di produrre anticorpi specifici che eliminano parzialmente il virus in rapida mutazione.

Il candidato vaccino fa sì che l’organismo produca un basso livello di anticorpi specifici contro l’HIV. Quando testati in una capsula di Petri, questi anticorpi sembravano neutralizzare parzialmente il virus. Lo hanno dimostrato i ricercatori del Duke Human Vaccine Institute (DHVI) negli Stati Uniti in uno studio clinico condotto su un piccolo gruppo di persone. Hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista scientifica cellula.

Approccio ampio

Il nostro sistema immunitario ci protegge dai virus producendo anticorpi. Questi si aggrappano alle strutture riconoscibili del virus, chiamate antigeni, in modo che il virus non possa entrare nelle cellule e infettare. Il vaccino aiuta il nostro sistema immunitario mimando il virus senza essere effettivamente pericoloso. In questo modo l’organismo pratica la produzione di anticorpi adeguati, ancor prima che si verifichi l’infezione vera e propria.

Leggi anche

File: Il segreto dell’uomo

Il nostro corpo contiene molti segreti. Esaminiamo quelli più sorprendenti e discutiamo le intuizioni speciali a cui portano.

Il motivo per cui non esistono vaccini contro l’HIV è perché questo virus muta in modo incredibilmente rapido. L’HIV adatta i suoi antigeni così rapidamente che il sistema immunitario non riesce a tenere il passo. Quando il corpo impara a produrre un nuovo anticorpo, è già inutile perché non si lega agli antigeni ora modificati. A causa di questi rapidi cambiamenti, l’HIV presenta molte varianti diverse, i cosiddetti ceppi del virus. Un vaccino efficace dovrebbe essere in grado di eliminarli tutti.

Per questo motivo i ricercatori si stanno concentrando sui cosiddetti anticorpi ampiamente neutralizzanti, ovvero sullo sviluppo di un vaccino contro l’HIV bnAbs. Questi anticorpi speciali si legano agli antigeni che rimangono invariati sullo strato esterno del virus, anche se il virus muta. Il problema è che i nostri corpi difficilmente producono bnAb da soli. Anche dopo un’infezione virale, potrebbero essere necessari diversi anni affinché il nostro sistema immunitario produca una risposta.

Ago in un pagliaio

I ricercatori sono guidati da immunobiologi WiltonWilliams E Barton F. HeinzDHVI ha ora sviluppato un candidato vaccino che stimola il corpo a produrre questi bnAb unici. Il vaccino è costituito da un antigene attentamente progettato che stimola una risposta immunitaria dopo l’iniezione. Ciò include cellule immunitarie specifiche, chiamate cellule B, che producono anticorpi.

Nello studio sono state arruolate venti persone sane senza HIV. Dopo le vaccinazioni, i ricercatori hanno filtrato le cellule B dal sangue per esaminarle in laboratorio. Lì hanno scoperto l’ago nel pagliaio: alcune cellule B hanno prodotto bnAbs. I bnAb prodotti sembrano neutralizzare diversi ceppi di HIV in una capsula di Petri. Questa è la prima volta che un vaccino stimola anticorpi neutralizzanti su larga scala negli esseri umani.

Ingredienti sul tavolo

Tuttavia, i bnAb non sono stati in grado di neutralizzare tutti i ceppi del virus. Inoltre, solo due delle 20 persone testate hanno prodotto questi anticorpi. “Quindi non possiamo ancora assolutamente parlare di un vaccino efficace”, afferma il virologo. Roger Sanders Da Amsterdam l’UMC, che sta anche sviluppando vaccini contro l’HIV. “Non mi è ancora chiaro come i ricercatori vogliano migliorare questo vaccino in futuro in modo che i bnAbs possano essere prodotti su scala più ampia”.

Tuttavia, Sanders è diventato più positivo che mai riguardo allo sviluppo di un vaccino efficace contro l’HIV. “Lavoro in questo campo da 25 anni e ora vedo che tutti gli ingredienti necessari sono sul tavolo per il successo. Molti gruppi di ricerca, compreso il nostro, si stanno concentrando sull’addestramento delle cellule B per produrre bnAb con una frequenza e una qualità più elevate Non oso dire quanto tempo ci vorrà prima che venga messo in una bottiglia e possa fare il giro del mondo.

READ  Professore su una pillola contro il Corona: non c'è alternativa alla vaccinazione