QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Bambini, anziani e musica (KOM) a Schijndel

Bambini, anziani e musica (KOM) a Schijndel

Schijndal- Il nuovo anno è iniziato. Desiderano informarvi su una nuova iniziativa a Schijndel: Bambini, anziani e musica (KOM). È sempre più riconosciuto che cantare e fare musica insieme ha un impatto su tutti.

Cantare e fare musica insieme è il mondo quotidiano dell'insegnante di musica Margery van Gestel. Come direttore del coro di bambini Tof! e un coro in chiave pop, non sono certamente estranei a Schijndel. Nel 2024 a Schijndal inizierà qualcosa di nuovo: gli anziani (con demenza) canteranno e suoneranno musica con i bambini piccoli (e un genitore) a Villa Rosenberg.

La ricerca scientifica dimostra che la musica ha un impatto su tutti e che i bambini piccoli, gli studenti delle scuole elementari, gli adolescenti, gli adulti e gli anziani affetti da demenza traggono beneficio dal cantare e dal fare musica insieme.

Margery van Gestel ha risposto con eLe ho fatto alcune domande:
Qual è il motivo di questa iniziativa?
Vivo a Schijndal da 8 anni e da tempo avevo in mente l'idea di avviare un altro progetto KOM (Bambini, Anziani, Musica). Ho già organizzato questi incontri musicali nella mia ex città natale Zevenhuizen e a Rotterdam in “de Magistraat”. È sempre stato un enorme successo. Genitori, bambini piccoli e anziani si sono divertiti e non vedevano l'ora che arrivasse quell'ora di canto e musica insieme ogni settimana. L'apertura della nuova sede “Villa Rozenburg” in Hoofdstraat 190 a Schijndel è stata una grande opportunità per parlare con la location manager Jolanda van Overdijk e discutere se potevamo mettere insieme le nostre spalle al volante. E ha funzionato.

Cosa stai facendo durante questo momento musicale dei KOM?
Ogni incontro inizia con un costante canto di saluto in cui vengono accolti non solo i bambini ma anche gli anziani. Uso sempre una marionetta perché è un modo divertente e sicuro per comunicare. Tutti vengono accolti personalmente. I bambini vengono a stringere la mano o ad alzare la voce a squarciagola, e gli anziani naturalmente seguono l'esempio. Poi cantiamo, ascoltiamo, suoniamo, ci muoviamo, lavoriamo con strumenti musicali e spesso ripetiamo canzoni e giochi. Le persone anziane sono sempre coinvolte nelle attività in modo che possano partecipare attivamente. Quindi non sono lì solo come spettatori. Concludiamo l'incontro con il brano “Farewell”. Poi beviamo insieme caffè/tè e per i più piccoli c'è una limonata.

READ  Cosa sono quelle macchie bianche sui denti (calcificazione)?

Quali canzoni usi in una lezione come questa?
Le canzoni utilizzate sono un mix di vecchi brani musicali conosciuti dalla nostra cultura come “Zagen saw wiede wiede waggon” e “1 2 3 4 hat made of Paper”, ma anche nuove canzoni come “Raindrops” che usiamo anche Rain tubi per imitare il rumore della pioggia. Giochiamo davvero insieme durante le riunioni. Genitore e figlio insieme, ma anche anziani con figli. Inoltre vengono utilizzati materiali diversi per stimolare bambini e adulti al gioco e al movimento. Pensa a sciarpe, tamburi e uova strapazzate. E se potessimo, anche noi ci muoveremmo e danzeremmo nello spazio.

Quando inizieranno le lezioni di musica?
Il primo incontro è la mattina di mercoledì 10 gennaio 2024, dalle 10.30 alle 11.30, a seguire caffè e tè e qualcosa da bere per i più piccoli. Genitori e anziani ricevono una copia di tutte le canzoni in modo che possano creare il proprio libretto musicale. In questo modo potrete cantare anche con i bambini a casa. Le immagini che accompagnano le canzoni assicurano che i bambini piccoli e piccoli riconoscano rapidamente la canzone e servono come gentile promemoria per gli anziani.

Quali sono i costi e dove possono registrarsi i genitori?
I genitori pagano € 45,00 per 5 lezioni in 5 mercoledì consecutivi (con caffè/tè/ranga e poi qualcosa di delizioso) comprese tutte le canzoni.
Puoi registrarti tramite: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per visualizzarlo.
Foto di Jose van Schendel