QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

È stata trovata una relazione tra la quantità di sonno attivo e lo sviluppo del cervello nei bambini prematuri

È stata trovata una relazione tra la quantità di sonno attivo e lo sviluppo del cervello nei bambini prematuri

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding 1 gennaio 2024 – 20:10

I ricercatori del cervello dell'ospedale pediatrico Wilhelmina dell'UMC di Utrecht hanno scoperto un legame tra un sonno più attivo nei bambini prematuri e un migliore sviluppo della materia bianca nel loro cervello. Questo è importante perché lo sviluppo del cervello in questi pazienti giovani e vulnerabili è spesso ritardato, il che può portare a vari problemi. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Neuroscience.

Molti bambini prematuri sono particolarmente a rischio. Sono a rischio di tutti i tipi di problemi di sviluppo, inclusi problemi di concentrazione, problemi comportamentali e difficoltà nelle abilità motorie. Di conseguenza, i bambini spesso hanno difficoltà a restare a scuola. In ospedale il sonno di questi bambini è spesso disturbato da tutti i tipi di procedure mediche che altrimenti potrebbero essere rinviate. Nel grembo materno, questi bambini dormono fino a 22 ore.

Sulla base di precedenti ricerche condotte sui topi, i ricercatori si aspettano che un “buon” sonno abbia un effetto positivo sullo sviluppo cerebrale dei bambini prematuri. In particolare il “sonno attivo”, in cui i bambini si muovono, ridono o addirittura emettono suoni, sembra essere essenziale per lo sviluppo del cervello. Tuttavia, nessuna prova di ciò è stata trovata negli esseri umani. I ricercatori dell’UMC Utrecht volevano cambiare questa situazione e ora hanno studiato adeguatamente per la prima volta il ruolo del sonno nello sviluppo del cervello dei bambini prematuri.

Analisi dei ritmi del sonno dei neonati prematuri

Lo studio condotto dai ricercatori Xiaowan Wang ed Ellen de Groot ha utilizzato Apprendimento automatico Analizzare i modelli di sonno nei bambini prematuri. Il gruppo Ho sviluppato un algoritmo Che riconosce la fase del sonno in cui si trova il bambino. Questo algoritmo utilizza i dati della frequenza cardiaca e della frequenza respiratoria regolarmente monitorati nelle unità di terapia intensiva neonatale (UTIN). “In effetti, abbiamo trasformato il nostro sistema di monitoraggio esistente in una sorta di orologio intelligente in grado di monitorare le funzioni del corpo”, spiega il ricercatore del sonno e neonatologo Jeroen Dudinck dell'UMC Utrecht.

READ  Il bambino di Lachlan ha la sindrome dei capelli arruffati: "Nemmeno i medici lo sanno"

Lo studio ha incluso due gruppi di neonati prematuri che erano stati precedentemente trattati nell'unità di terapia intensiva neonatale. I ricercatori hanno utilizzato i dati del primo gruppo per addestrare il loro algoritmo. I dati del secondo gruppo, composto da 58 bambini, sono stati analizzati per determinare la relazione tra sonno e sviluppo cerebrale. I ricercatori hanno scoperto che sembra esserci una relazione tra una maggiore percentuale di sonno attivo nei bambini prematuri e un aumento della materia bianca nel cervello. Il momento della misurazione era l'orario previsto per i bambini. Nel reparto di terapia intensiva neonatale della WKZ, nei bambini nati molto prematuri viene spesso eseguita di serie una risonanza magnetica cerebrale.

Integrare il monitoraggio del sonno nelle cure di routine

I ricercatori sono soddisfatti di questa prima indicazione concreta che il sonno svolge un ruolo importante nello sviluppo precoce del cervello delle persone. “La materia bianca è cruciale nell'elaborazione delle informazioni e nel collegamento di diverse regioni del cervello, che a loro volta sono essenziali per le funzioni cognitive e motorie”, afferma la ricercatrice Elaine De Groot. “Ci aspettiamo quindi che un buon sonno possa avere molti benefici a lungo termine per questi bambini vulnerabili”.

In futuro il team di ricerca intende monitorare meglio il sonno dei bambini prematuri nell'unità di terapia intensiva neonatale, utilizzando il monitoraggio avanzato del sonno da loro sviluppato. “Speriamo che in futuro garantiremo che gli interventi medici differiti vengano eseguiti solo in un momento in cui il bambino non è in sonno attivo”, spiega Jeroen. In questo modo, il team vuole verificare se un buon sonno garantisce effettivamente un migliore sviluppo del cervello in questo gruppo vulnerabile di pazienti. Tutto questo con l’obiettivo finale di dare ai bambini prematuri il miglior inizio possibile alla vita.

READ  Come sbarazzarsi del grasso della pancia?

Laboratori di intelligenza artificiale per la salute presso l'UMC Utrecht
L'intelligenza artificiale (AI) fa parte della strategia dell'UMC Utrecht. In questo modo, stiamo lavorando per fornire l'assistenza sanitaria del futuro, che sia innovativa, sostenibile, conveniente e “occupabile”. Tutte le iniziative di IA sanitaria presso l’UMC Utrecht e l’Università di Utrecht sono riunite per promuovere un’applicazione più ampia e più rapida dell’IA nella sanità, nell’istruzione e nella ricerca. Attualmente ci sono cinque laboratori di IA sanitaria all’interno dell’UMC Utrecht.

Fonte: UMC Utrecht

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding

Siamo specializzati in notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che gli operatori sanitari siano informati ogni giorno sulle notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Entrambi presentano storie e notizie specifiche per operatori sanitari e prescrittori. Social media, salute delle donne, tutela dei pazienti, empowerment dei pazienti, medicina personalizzata, assistenza sanitaria 2.0 e social sono alcuni dei punti chiave a cui dovrei prestare maggiore attenzione.

Ho studiato fisioterapia e gestione aziendale sanitaria. Sono anche un difensore dei clienti indipendente registrato e un intermediario di sponsorizzazione informale. Ho molta esperienza in diverse posizioni nei settori sanitario, sociale, medico e farmaceutico a livello nazionale e internazionale. Ho una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. e le leggi sanitarie in base alle quali l’assistenza sanitaria è regolata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per aggiornare le mie conoscenze e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto conseguendo la laurea magistrale in psicologia applicata.

I miei messaggi su questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione del mio datore di lavoro, né sono gestiti da o per un cliente o datore di lavoro.

READ  1,5 milioni di colpi di richiamo, un rapporto di pesanti contraccolpi