QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Biliardi da investire in infrastrutture” – D-Standard

La nostra industria ha bisogno di nuove infrastrutture per l’energia e l’anidride carbonica in modo da poter passare a una produzione completamente priva di CO2. Sarebbe senza il nucleare. Il CEO di Electrabel ha confermato che è troppo tardi per espandere le centrali nucleari.

La terza discussione sul clima di ieri di De Standaard ha riunito le quattro aziende belghe che rappresentano un quinto delle emissioni totali di CO2 del nostro Paese: l’acciaieria ArcelorMittal Gent, BASF Antwerp, Total ed Electrabel. Gli ultimi tre rappresentano la metà delle emissioni totali di anidride carbonica nel porto di Anversa. Ma insieme forniscono anche più di 14.000 posti di lavoro diretti e diverse migliaia di altri tramite subappaltatori.

I CEO hanno già fatto del loro meglio per convincere il pubblico che sono seriamente intenzionati a rendere più ecologiche le loro attività. Geert van Polford, CEO di tutte le acciaierie ArcelorMittal, ha svolto un ruolo di primo piano. Ha recentemente annunciato un importante investimento ecologico in un’acciaieria nella regione del canale di Gand.

Il gas naturale è ancora necessario

Jack Bucklers di TotalEnergies Antwerp ha affermato che mentre la sua azienda è impegnata a produrre più energia rinnovabile, ha anche affermato che continuerà a investire apertamente nell’espansione della produzione di gas naturale. Secondo lui, il gas naturale resterà necessario nei prossimi anni per la rapida sostituzione del carbone che attualmente viene utilizzato per produrre elettricità. Considera le dichiarazioni dell’Agenzia internazionale per l’energia, ad esempio, secondo cui la perforazione di nuovi giacimenti di petrolio e gas dovrebbe cessare immediatamente “non saggia”.

“Se seguiamo questo consiglio, l’energia diventerà più costosa nei prossimi anni”. Conclude che in futuro saranno necessari molto più gas naturale e petrolio.

READ  Egbert Lachart rischia una causa nonostante la decisione parlamentare

• Rivivi la Grande Trasformazione | Espansione delle centrali nucleari? troppo tardi”

I CEO hanno anche chiarito che sono necessarie enormi quantità di energia verde per rendere le loro fabbriche più rispettose dell’ambiente. Sono stati sollevati punti interrogativi sul ruolo dell’idrogeno verde. Questa è davvero una leggenda dell’industria siderurgica, ha affermato Van Bolford. Per far funzionare l’acciaieria di Gand utilizzando interamente l’idrogeno verde, sono necessarie enormi quantità di elettricità verde per produrre questo idrogeno. Ha stimato che ciò equivale a un quarto del consumo energetico totale attuale nel nostro Paese.

Nessuna capacità di infrastruttura

Saranno inoltre necessarie opere infrastrutturali particolarmente grandi per rendere più verde l’industria belga. Thierry Seigmann, CEO di Electrabel, ha osservato che la capacità di produzione di energia rinnovabile nazionale non sarebbe sufficiente, nonostante il recente annuncio che la capacità di un prossimo impianto eolico nel Mare del Nord sarà notevolmente aumentata.

Si stima che entro il 2050 dovrà essere importata il triplo dell’energia importata oggi. Dovrebbe quindi provenire dai continenti dove spesso splende il sole e dove ci sono molti venti. Electrabel ha unito le forze con diverse altre società per essere in grado di introdurre grandi quantità di idrogeno verde entro il 2035. Inoltre non sarebbe sufficiente costruire diversi parchi eolici offshore, o fornire grandi navi cisterna piene di idrogeno verde ai porti o catturare carbonio biossido su larga scala ampio nelle aziende. Jan Remisen di BASF-Anversa ha sottolineato che anche l’anidride carbonica, l’idrogeno e l’elettricità verde devono essere trasportate da e verso le aziende. Ciò richiede condutture e linee ad alta pressione. La sua costruzione incontrò una grande resistenza sociale.

READ  Gli olandesi rimangono i più grandi al mondo, ma si riducono...

Gli amministratori delegati hanno anche chiarito che i costi per la creazione e il finanziamento di nuove infrastrutture energetiche non possono essere pagati. Dovrebbe essere uno sforzo congiunto che coinvolga molti partner. Compreso il governo. Negli anni ’60, il governo fece importanti investimenti nei porti, che portarono alla creazione di molte imprese ea una grande prosperità. Ora è di nuovo necessario un tale sforzo, afferma Jan Remaison. Per questo bisognerà stanziare miliardi. E non si tratta solo del governo fiammingo o belga. La nuova infrastruttura necessaria per l’idrogeno, l’elettricità e l’anidride carbonica non si ferma alle frontiere. “Servono infrastrutture europee”.

Infine, i dirigenti delle maggiori società industriali belghe non hanno potuto nascondere il fatto di osservare con crescente stupore le discussioni in corso nel nostro paese sulla futura fornitura di energia elettrica del nostro paese.

Gert van Bulvoord: “Ci viene sempre detto quello che non vogliamo. Non ci sono centrali a gas, centrali nucleari, centrali eoliche. È tempo di capire cosa vogliamo. Altrimenti decideranno fuori come realizzare la nostra elettricità”.

Tuttavia, è semplice per Jan Remeysen. Tutto ciò che conta è la sicurezza della consegna, la durata, il prezzo stabile e ragionevole. Il mio messaggio alle autorità è: confrontare le opzioni in base a questi tre criteri e prendere una decisione.

E poi il CEO di Electrabel Thierry Seigman ha chiarito che l’energia nucleare non era più ammissibile. “L’estensione delle centrali nucleari arriverà troppo tardi per garantire l’approvvigionamento energetico dal 2025”. Ritiene che la costruzione di centrali elettriche a gas sia uno scenario più realistico. “Costruire una centrale elettrica a gas è come correre per 100 metri, per estendere una centrale nucleare a un’altitudine di 3.000 metri”.

READ  I prezzi di Bitcoin, Ethereum e Cardano stanno recuperando un po ', ma quale criptovaluta si sta riprendendo più velocemente? Insider sulla crittografia

Guarda la discussione completa qui: