QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Brian Rimmer: “Nessun giocatore riceve promesse di giocare all’Anderlecht” |  Lega professionistica Jupiler

Brian Rimmer: “Nessun giocatore riceve promesse di giocare all’Anderlecht” | Lega professionistica Jupiler

In occasione del suo 45esimo compleanno, Brian Rimmer ha rilasciato dichiarazioni chiare sulla questione dei portieri dell’Anderlecht. Maxime Dube dovrebbe cedere il posto da titolare in porta a Kasper Schmeichel? Il danese ha confermato: “Prima o poi prenderemo una decisione”. “Ma se la decisione sul suo trasferimento fosse già stata presa, smetterò di lavorare come allenatore”.

Kasper Schmeichel. L’elefante nella stanza è stato subito nel piatto di Brian Rimmer e non un gioco da ragazzi nel giorno del suo 45esimo compleanno.

“Kasper si è allenato di nuovo questa settimana”, ha detto del suo acquisto danese, che lo scorso fine settimana era in tribuna a Kortrijk a causa di un malore.

“Lui è in campo ed è monitorato tutti i giorni. Non è un infortunio che può aggravarsi giocando. Quindi aspettiamo gli allenamenti”.

Remer ha ammesso di aver risposto “in modo poco chiaro” quando gli è stato chiesto se Schmeichel poteva giocare o se avrebbe giocato.

“Capisco la tua domanda, ma a volte ci concentriamo troppo su un giocatore. Un giocatore internazionale come Diawara ha giocato sia nella Roma che nel Napoli, ma mi arrivano alcune domande su di lui quando non gioca. Molte altre domande sui portieri”.

Prima o poi sceglieremo il nostro portiere. In questo momento è stato facile perché Maxime era il primo portiere e Kasper era infortunato.

Brian Rimmer

“La concorrenza è buona”, ha ripetuto più volte il danese T1. “Questo spinge i nostri portieri a migliorare. Guarda anche Bart Verbruggen la scorsa stagione: doveva superare Hendrik van Crombrugge”.

“Scegliamo tatticamente e in termini di prestazione il portiere che riteniamo adatto per una determinata partita e per la nostra squadra. In questo modo sappiamo che Kasper ha un tiro potente e Maxime (Dubey) è molto calmo. Sono tipi diversi”.

READ  Club e Al-Ittihad condividono punti su Jan Breidl dopo un altro calcio di rigore discutibile e il cartellino rosso di Morris negli ultimi secondi | gli sport

“Ma prima o poi faremo una scelta”, ammise finalmente Rimmer. “È stato facile in questo momento, perché Maxime era il nostro portiere titolare e Kasper era infortunato”.

Maxime Dube non è stato rilasciato contro il Kortrijk.

Quando dalla sala stampa è arrivata la dichiarazione secondo cui si aveva la sensazione che la decisione sul portiere titolare fosse già stata presa al momento della nomina di Schmeichel, Remer ha continuato il suo discorso.

“Se sarà davvero così, smetterò di lavorare come allenatore. Se prendo questa decisione in anticipo, non ci sarà più concorrenza. Questo vale per tutti i giocatori e in tutte le posizioni”.

“Guarda Augustinsson, un nazionale con esperienza in Inghilterra e Germania. Ma è comunque superiore a N’Diaye? O che dire di Thorgan Hazard?”

“Nessuno qui ha garanzie sul tempo di gioco. Ve lo posso assicurare. Jesper Friedberg (CEO) sta chiaramente dicendo ai giocatori, agli agenti e a me stesso che a nessuno viene promesso il tempo di gioco. Non potrei essere più chiaro”.

Kasper Schmeichel sugli spalti durante la partita KVK-Anderlecht.

“Spero di aver rispettato la mia regola delle 24 ore.”

Come sempre, Brian Rimmer è stato un gentiluomo durante questa chiacchierata con la stampa. Ma sembra che qualcosa sia cambiato per il festeggiato. Alla comunicazione positiva è sempre stata data una patina realistica.

Ciò è stato particolarmente evidente domenica scorsa. Rimmer è stato punto come da una vespa dopo il pareggio di Courtrai. Anche dopo 5 giorni, poteva essere ancora così eccitato.

“I tanti errori individuali mi hanno dato fastidio. Di conseguenza, ci siamo messi le cose davvero in difficoltà. Abbiamo perso la partita contro noi stessi. Se arrivi in ​​testa, devi escludere qualcosa del genere”.

“Puoi perdere contro una squadra che rende meglio in diversi ambiti, ma se sbagli tu stesso mi arrabbio. Volevo che i giocatori lo sentissero”.

“Ma ho anche una regola delle 24 ore: se vinci, puoi essere felice per 24 ore, e se perdi, puoi essere arrabbiato per 24 ore. Poi guardi avanti. Vorrei aver rispettato anch’io quella regola .”

Per chi ancora non lo sapesse: domenica ci sarà una partita di calcio contro il Club Brugge. “Abbiamo vinto solo uno dei nostri ultimi 15 incontri. Questo è sufficiente. Domenica è una nuova opportunità per dimostrare a che punto siamo”.