QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Buone notizie: i mercati azionari sono vicini

Mercati azionari in un batter d’occhio. I timori di una forte accelerazione dell’inflazione temperano l’ottimismo sulla riapertura dell’economia. Ma una pausa o una correzione non è una cattiva notizia per i mercati finanziari.

Mercoledì i mercati azionari sono nuovamente scesi. Il forte progresso si è concluso nei primi quattro mesi dell’anno dalla fine di aprile. Questo è accompagnato da fluttuazioni più intense. I movimenti superiori all’1% al giorno sono comuni nelle ultime settimane, con diminuzioni più pronunciate degli aumenti.

Il VIX, che riflette la volatilità di Wall Street sulla base delle opzioni dell’indice S & P500, è salito a un terzo massimo nelle ultime settimane. Il VIX è un indicatore di paura: più è alto, più gli investitori sono ansiosi. L’attuale posizione di 25 punti è paragonabile ai picchi degli anni pre-fase, ma non indica un caso eccezionale.

Per lo Stoxx600 europeo, il calo del 2% dal vertice di aprile non è ancora così negativo. Ma l’indice Nasdaq degli Stati Uniti, ricco di titoli tecnologici, è già in calo del 7%. Le aziende tecnologiche europee stanno peggiorando. Il CSI300 cinese ha perso completamente i suoi guadagni annuali.

Dal burro ai prodotti per il bucato

La ragione principale del cambiamento è inflatievrees. Sembra che tutto stia diventando più costoso a causa della scarsità di materie prime e di personale, e ora i consumatori possono e vogliono riaprire i loro portafogli e investire nuovamente le aziende. I prezzi più costosi sono lo svantaggio della riapertura del rally. Il dato più recente sull’inflazione del 4,2 per cento negli Stati Uniti è stato particolarmente sorprendente.

READ  L'espansione della portata della confraternita De Wever è diventata il più grande fornitore europeo di comunicazioni nel cloud

L’exchange Jefferies ha calcolato che le 30 materie prime più utilizzate dai produttori di alimenti e dai beni di consumo come Unilever sono, in media, il 29% più costose in un anno. Dovremo pagare di più per burro, salsicce, prodotti per il bucato o acqua in bottiglia.

l’essenza

  • I mercati azionari lottano da quattro settimane per i timori di un’accelerazione dell’inflazione.
  • Il settore tecnologico e in particolare i mercati emergenti saranno influenzati dalle aspettative di tassi di interesse elevati.
  • Tuttavia, dopo essere cresciuti di quasi il 10% dal nuovo anno, i mercati azionari erano pronti a riprendere fiato.
  • La correzione riduce gli eccessi speculativi, come il gioco d’azzardo su criptovalute o l’investimento in società di assegni in bianco.

La domanda principale è se l’inflazione più elevata rimarrà o se si tratta di un fenomeno temporaneo. Le banche centrali ipotizzano il secondo scenario. Parte dell’accelerazione dell’inflazione è dovuta a carenze temporanee causate dall’epidemia e dai singhiozzi nella catena di approvvigionamento. Se la capacità di produzione aumenta di nuovo, il problema sarà risolto. Non tutti ne sono convinti. La scarsità di manodopera può dar luogo a un meccanismo di aumento della domanda salariale, costi di produzione strutturalmente più elevati e prezzi generalmente più elevati. Il verdetto finale non è stato ancora raggiunto.

Hai finito con i soldi gratuiti?

Se l’inflazione rimane ostinatamente alta, le banche centrali dovranno aumentare i tassi di interesse e sembra che l’era del denaro gratuito sia finita. Ciò potrebbe influenzare il mercato azionario. Settori sensibili agli interessi come immobiliare e servizi di pubblica utilità hanno registrato vendite nelle ultime settimane. Il settore tecnologico soffre di più, poiché la sua valutazione elevata dipende principalmente dai guadagni futuri. A un tasso privo di rischio elevato, il mercato alloca una valutazione inferiore del reddito futuro. D’altra parte, le banche beneficiano di tassi di interesse più elevati.

READ  Panoramica. Meno ricoveri, più morti | interni

Gli alti tassi di interesse, soprattutto negli Stati Uniti, sono stati storicamente dannosi per i paesi emergenti. Spesso prendono in prestito in dollari. È meno probabile che gli investitori investano in paesi emergenti rischiosi se ottengono un buon rendimento dai titoli del Tesoro USA privi di rischio. Se a ciò si aggiunge la recrudescenza del virus in Asia, si ottiene un cocktail che colpisce i mercati azionari dei paesi emergenti. Paesi come Taiwan e il Giappone stanno ancora una volta chiudendo parti delle loro economie. L’India ottiene Epidemia fuori controllo. Si spiega perché la “riapertura di settori” come il turismo sia stata duramente colpita nelle ultime settimane.

Eccessi speculativi

Una correzione moderata non è una cattiva notizia. Le scorte non possono aumentare continuamente senza formare bolle. Dopo un aumento del 10% quest’anno, è tempo di fare una pausa. Inoltre, fa capire alla nuova folla di investitori che ci sono anche dei rischi. Il senso di rischio svanì tra molti, rivolgendosi al puro gioco d’azzardo in cerca di soldi veloci. Fortunatamente, le sostituzioni speculative sono ora contenute.

Criptovalute, che non hanno valore fondamentale, Essere colpito. a partire dal Campagna pubblicitaria SPAC Riposo. Questo alveare di società di assegni in bianco alla ricerca di prede è precipitato del 30 per cento a Wall Street negli ultimi tre mesi ed è sospeso al minimo degli ultimi sei mesi. Le bolle di sapone scoppiano meglio prima piuttosto che dopo, in modo che il danno finanziario sia limitato.


Il senso di rischio svanì tra molti, rivolgendosi al puro gioco d’azzardo in cerca di soldi veloci. Fortunatamente, le sostituzioni speculative sono ora contenute.

La maggior parte delle aziende sta ora pubblicando risultati solidi. Le turbolenze possono riportare l’attenzione sulla valutazione e sulla qualità delle singole imprese, lontano dalle massicce ondate di acquisti e vendite di interi settori che hanno segnato i mercati per mesi. Questa sarà una buona notizia. La storia mostra anche che i mercati azionari possono prosperare con un’inflazione inferiore al 3%. Se l’inflazione scende di nuovo come previsto, va bene.