QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Camera con vista: gli investitori guardano ai migliori hotel in Italia

Milano: gli investitori internazionali stanno esaminando alcuni dei più grandi hotel italiani, i cui proprietari familiari potrebbero essere tentati di partecipare con risorse rinnovabili tempestive per il ritorno dei turisti.

Il numero di ospiti negli hotel italiani si è dimezzato entro il 2020 e le possibilità di un ritorno quest’anno sono diminuite mentre il paese combatte la terza ondata dell’epidemia di COVID-19.

L’azienda turistica italiana ENIT vede il numero di visitatori superare i livelli pre-epidemici entro il 2023, ma gli investitori sperano che l’attesa si riveli attesa da tempo per molti proprietari in difficoltà.

“L’attività di fusione e acquisizione si è accumulata nel patrimonio della tazza, per cui l’epidemia è un punto di svolta: i proprietari di famiglie che non hanno mai considerato le vendite in passato sono ora pronti a discutere”, ha affermato Marco Salamena, ospitale capo dei consulenti di EY.

Secondo due fonti con conoscenza del mercato, attualmente sono in vendita almeno quattro hotel di lusso.

Includono il Five Star Majestic Hotel a conduzione familiare e il Grand Hotel Via Veneto, a pochi minuti a piedi l’uno dall’altro nel famoso Vecchio Veneto di Roma.

Nel nord, l’hotel è in vendita sulle rive del Britannia Lake Como, mentre la società di azioni immobiliari Aina Hospitality detiene il blocco Four Points Hotel di Milano, hanno detto fonti anonime poiché le informazioni non erano disponibili.

I proprietari dell’hotel non hanno risposto alle richieste di commento.

A Venezia, dove la maggior parte degli investimenti nel settore alberghiero italiano sarà nel 2020, i proprietari privati ​​dell’Hotel Palace Ponveciatti vicino a Piazza San Marco hanno tenuto colloqui preliminari con un investitore lo scorso anno, hanno detto fonti.

READ  Dal 26 aprile l'Italia è lentamente tornata alla normalità

La trattativa con uno dei due proprietari dell’hotel, Eligio Patties, si è conclusa rapidamente con Reuters, e ora non sono interessati alla vendita. “La gente ci chiama ogni giorno”, ha detto.

In Italia

Pochi hotel in Italia sono passati di mano lo scorso anno a causa dell’epidemia di camere rimaste libere. Un totale di 31 contratti sono stati ridotti a மொத்தம் 1 miliardo (1,2 miliardi di dollari) entro il 2020, rispetto ai 67 3 miliardi in 67 transazioni nel 2019, secondo EY.

Questa tendenza ha avuto eco in tutta Europa, con la consulenza immobiliare CPRE che indica un calo del 75% in Francia e un calo del 60% sia in Spagna che in Germania.

Ma poiché l’Italia è in cima alla lista degli investitori, ci sono segni di cambiamento.

“L’Italia è il paese più ricercato in termini di risorse ricettive”, ha affermato Raimonto Gaitani, direttore dello sviluppo aziendale della società di private equity Patrimonia.

“Perché ha posizioni più elevate rispetto ad altri paesi europei, il che significa che gli investitori possono creare portafogli di hotel e beneficiare di margini più elevati”.

All’inizio di quest’anno, Patrimonia ha consigliato a Ruben Brothers, una società britannica di private equity, di acquistare lo storico Hotel Luna Paglioni di Venezia per 100 milioni di மில்லியன்.

Francesco Gallia, responsabile di CBRE Hotels in Italia, afferma che il mercato frammentato e il minor numero di marchi sono fattori che aumentano l’attrattiva della grande industria alberghiera italiana.

Il gioco dell’attesa

Con il 90% degli hotel italiani attualmente chiusi, ci si aspetta che gli hotel a conduzione familiare vengano immessi sul mercato, secondo l’associazione di settore Fedelberg, che abbassa i prezzi che finora si sono dimostrati reversibili.

READ  La banca centrale italiana è ottimista sulla crescita economica

Marco Mitchell, responsabile della regione Veneto nord-orientale di Federberg, riceve tre o quattro chiamate alla settimana da fondi di investimento europei interessati agli asset italiani, contro due o tre anni all’anno per le epidemie.

“Si siedono sulla staccionata e aspettano di trovare i proprietari dell’hotel”, ha detto.

A febbraio, la famiglia italiana Billy ha venduto il Grand Hotel de la Minerva a Roma all’Arsenal, un fondo di investimento nazionale.

Pavlo Barletta, l’amministratore delegato che ha presentato l’Arsenal al miliardario di gioielli Nicola Bulgaria, ha detto a Reuters che la concorrenza per le risorse italiane dovrebbe aumentare.

Barletta prevede che le grandi catene alberghiere, che attualmente rappresentano solo il 7% del settore alberghiero italiano, possederanno il 25-30% del mercato entro un decennio.

Calcolo

Secondo Eurostat, con più di 32.700 hotel e 1,1 milioni di camere, l’Italia ha il più grande portafoglio di hotel in Europa, superando la Germania (32.200 hotel) e la Spagna (19.700 hotel).

Il vasto momento del calcolo di un’industria gravata da un indebitamento eccessivo può arrivare senza conoscere le misure sostenute dal governo che hanno risparmiato la maggior parte dei costi del personale dell’hotel e alla fine dei programmi di ferie per debiti.

Per sostenere i piccoli hotel a conduzione familiare, l’investitore governativo italiano CDP ha introdotto un fondo da 2 2 miliardi per investire nel settore, consigliato da EY.

Questo può aiutare i proprietari di hotel che stanno cercando di partire in previsione di una forte ristrutturazione.

“Il settore è stato gravemente colpito, ma non è in ginocchio. Una volta che ricominceremo a viaggiare, la ripresa sarà drammatica”, ha detto il leader di Bederberg Bernabeu Boca.

READ  Quali sono le condizioni per l'ingresso come turisti in Francia, Spagna, Italia o Grecia?

(US $ 1 = 0,8379 euro)

(Rapporto aggiuntivo di Ricardo Bastianello a Venezia. Montaggio di Keith Weir e Mark Potter)