QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Chi diventerà il nuovo presidente della Camera è ancora tutt’altro che certo

Chi succederà a Nancy Pelosi come nuovo presidente della Camera dei Rappresentanti? Questo non è ancora chiaro. Il repubblicano Kevin McCarthy ha le migliori possibilità, ma allo stesso tempo deve affrontare una resistenza significativa da parte dei lealisti di Trump all’interno del suo stesso partito. C’è speranza anche per i democratici.

Maral Naushad Sharifi

Il giorno in cui si insedierà la nuova Camera dei Rappresentanti sarà festivo. I nuovi membri del Parlamento di lunga data portano i loro amici e la loro famiglia e i bambini corrono per i corridoi del Campidoglio. Ci sono prelibatezze di vari circoli americani. Un’antica tradizione – ma ora è diversa dal solito.

Anche il presidente deve essere eletto martedì. È stato un gioco da ragazzi per cento anni: in un round, vince il candidato scelto in precedenza. Il repubblicano Kevin McCarthy (57) avrebbe dovuto essere un tale candidato. Ma se potesse davvero mangiare il martello è altamente discutibile.

I repubblicani si combattono dalle elezioni di novembre. Hanno ottenuto la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti e possono quindi presentare il “Presidente della Camera”. McCarthy ha bisogno di voti sufficienti: 218 per l’esattezza. E questo è un problema.

I repubblicani hanno solo 222 seggi alla Camera dei Rappresentanti: se ci sono cinque disertori, non funzionerà. Quindi i nemici di McCarthy hanno molto potere in questo voto – ei suoi nemici ne hanno molto.

Non abbastanza conservatore

Un gruppo di circa nove ultraconservatori fedeli a Trump aveva messo gli ostacoli fino alle ultime ore. “Non voterò per Kevin McCarthy”, ha detto lunedì Bob Good della Virginia. Fox News. “Centinaia dei miei elettori mi hanno detto di non farlo”.

I membri del cosiddetto Freedom Caucus, un gruppo repubblicano di estrema destra, non pensano che McCarthy sia abbastanza conservatore. I politici di estrema destra come Lorraine Boebert del Colorado e Matt Gates della Florida sono disposti a sostenere McCarthy solo a caro prezzo. Stanno premendo McCarthy per cambiare le regole alla Camera dei Rappresentanti in modo che il presidente possa essere rimosso più facilmente. Ora solo un membro del Congresso in una posizione di leadership può esprimere un voto di sfiducia, e i membri di base del Congresso chiedono che facciano lo stesso.

Nancy Pelosi con il martelletto all’apertura della nuova legislatura della Camera il 3 gennaio 2019.foto Reuters

Parquet duro

Kevin McCarthy è in una situazione difficile. Se accetterà la più grande richiesta degli ultraconservatori, la sua presidenza sarà appesa a un filo per i prossimi due anni. La parte radicale del suo partito minaccerà di metterlo sotto accusa in ogni momento. Poi il Partito Repubblicano diventa completamente ostaggio di quelli che i moderati, spesso a porte chiuse, chiamano “pazzi”.

McCarthy ha trascorso tutto il Natale chiamando e supplicando. Ha aggiunto sempre più acqua al vino ed è ora disposto ad estendere le regole sull’impeachment del presidente a cinque membri del Congresso, una concessione importante. Ha avvertito gli avversari: “Se ti ritiri ora, non riceverai un’offerta migliore”.

Tuttavia, continuano a non essere d’accordo. Se continuano a farlo martedì, McCarthy potrebbe non diventare presidente, un desiderio che i repubblicani nutrono da anni. Quello che accadrà dopo è incerto.

Con meno supporto è ancora la maggioranza

C’è la possibilità che un altro repubblicano appaia improvvisamente sul palco. Qualcuno che si presenta come un eroe per riportare la pace dopo mesi di litigi. Steve Scales (57), un membro del Congresso della Louisiana, potrebbe essere una persona del genere. Scalise attira sia la destra che i moderati. Sebbene avesse sempre affermato di non avere tali ambizioni, poteva comunque sentirsi chiamato in causa.

C’è un’altra pista di capra. McCarthy ha bisogno del sostegno di almeno la metà dei voti: più sì che no. I delegati che non votano non vengono conteggiati. Se un certo numero di repubblicani ribelli si astenesse invece di dire un deciso “no”, McCarthy potrebbe comunque ottenere la maggioranza con meno sostegno.

Lo stesso McCarthy teme che le cose vadano male: avverte di un colpo di stato democratico. “Dobbiamo parlare con una sola voce”, ha detto ad Al-Yamin TV. newsmax. “Se i giochi vengono giocati, i Democratici possono abbandonare la presidenza”.

Anche i democratici hanno una possibilità

I democratici possono anche nominare qualcuno. Normalmente questa non è un’opportunità per il partito di minoranza. Tuttavia, con una sufficiente opposizione tra i repubblicani, questo non era più fuori questione. I repubblicani moderati stanchi dei litigi nel loro stesso partito possono scegliere di farlo. Questo scenario è il meno probabile, ma il più doloroso per i repubblicani.

Martedì mattina presto, il GOP si riunirà di nuovo. Questa è l’ultima possibilità di McCarthy. Se fallisce la sua chiamata, il primo giorno del Congresso cadrà nel caos per la prima volta in cento anni.

READ  La città cinese mette in isolamento 13 milioni di persone | Corona virus quello che c'è da sapere