QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il primo ministro indiano Modi accusato di incitamento all'odio dopo dichiarazioni in cui descriveva i musulmani come “invasori”

Il primo ministro indiano Modi accusato di incitamento all'odio dopo dichiarazioni in cui descriveva i musulmani come “invasori”

In un Paese di 1,4 miliardi di abitanti, circa l’80% si considera indù. Circa il 14% di loro sono musulmani, ma si tratta pur sempre di un gruppo di oltre 200 milioni di persone. Ciò rende l’India la terza più grande comunità musulmana al mondo.

L’India è nota da tempo come un paese in cui la libertà religiosa è molto apprezzata. Da quando Modi è salito al potere nel 2014, la discriminazione basata sulla religione è aumentata notevolmente. Il Primo Ministro persegue una politica di nazionalismo indù, che favorisce la popolazione indù del paese rispetto a musulmani e cristiani.

C’è un sentimento generale di paura tra i musulmani. Anche Van de Weghe lo vide mentre attraversava il paese. “I musulmani con cui ho parlato qui la settimana scorsa testimoniano che hanno paura perché il numero degli attacchi è aumentato notevolmente negli ultimi anni. Ci sono esecuzioni extragiudiziali, le moschee vengono demolite e interi quartieri musulmani devono essere fatti spazio”.

“Il clamore che circonda i commenti di Modi certamente si aggiunge alle tensioni già esistenti durante le elezioni”, afferma van de Weghe. “In Rajasthan (dove Modi ha pronunciato il suo discorso), Signor Dott.) Mi è stato impedito di fotografare vicino alle moschee all'interno dell'area elettorale. Non sono consentite nemmeno le interviste con i musulmani. Anche la polizia è presente in massa per reprimere eventuali rivolte”.

READ  Il presidente Biden impedisce il tempestivo "arresto" del governo: cosa sta succedendo?