QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Colonna |  Radicato su un'isola remota

Colonna | Radicato su un'isola remota

La luce alla fine dell'anno era piuttosto brillante, non brillante d'estate ma brillante d'inverno, un bagliore giallo profondo e triste. Volevo assorbirla, quella luce, trattenerla e poter illuminare io stesso qualcosa, se necessario. A metà strada, mentre camminavamo lungo il sentiero fangoso lungo l'acqua verso l'arcobaleno, arrivò la grandine. Piccoli chicchi di grandine morbidi, come se i chicchi di grandine stessi non ci credessero del tutto. E poi si è fatto buio per un po', finché non è tornata la luce. Ho sentito di nuovo gli uccelli e anche gli alberi sembravano gioire. Alla fine, non siamo diversi.

ci ho pensato Geografia dell'isolamento, un documentario su Zoe Lucas, l'unica persona che vive a Sable Island, un'isola nel Canada sudorientale. Conduce ricerche su cavalli, foche, uccelli e insetti. Sa come si formano le dune di sabbia e pulisce la plastica. Poiché l'isola è così lontana dalla costa, è un buon indicatore della salute dell'oceano e per conoscere l'inquinamento.

Lucas tiene traccia di tutto su quaderni e file Excel. Prende i dati sui cavalli con la stessa serietà con cui prende i dati sulla plastica. Tutto ha più o meno lo stesso peso, compresa la sua vita privata. Era troppo tardi per andarsene, ha detto alla regista Jacqueline Mills. C'era così tanto da scoprire e da fare che non era possibile tornare sulla terraferma e ora questa era la sua vita. Appartiene all'isola, è accudita e accudita. Sfiora anche ragni, scarafaggi ed erba spagnole. I cavalli che nascono lì e dopo la morte tornano a far parte del suolo, permettendo agli insetti e agli uccelli di vivere e alle cavalle gravide di mangiare la ricca erba.

READ  Trapela anche Arma Reforger, in arrivo per la prima volta su console

Anche la natura è coinvolta come artista, con spezzoni di film sviluppati in acque algali o illuminati dalla luna. Le coccinelle fanno la colonna sonora. Il vento gioca uno dei ruoli principali che muove il mare e la sabbia per bilanciare le persone. Lo spettatore capisce che siamo stati tutti spazzati via da qualche parte e possiamo solo vivere la vita che ci appartiene nel miglior modo possibile.

E' un bel titolo. Geografia dell'isolamentoMa dove non è: Lucas è meno sola di molte persone perché è radicata sull'isola e nell'isola. E lì trovi la libertà. Il filosofo Richard McDonough scrive di un modello di libertà animale e vegetale. Il modello animale, che trova in Platone, riguarda l'essere separati dagli altri e l'essere in grado di fare quello che vuoi quando lo vuoi. Il modello vegetale, che collega al Taoismo, riguarda specificamente il radicamento nella terra e il percorso delle cose: vivere in armonia con la vita. Alla fine entrambi i modelli sono corretti, perché vivere in armonia con la propria vita implica anche il movimento umano.

Scrivo questo al culmine del vecchio anno nel nuovo anno. Un anno in cui mi sono alzata molto perché stavo male. Chi sta fermo vede meglio i piccoli movimenti. Dalla panchina ho visto i piccoli cambiamenti di colore delle foglie di frassino nero nel giardino che accompagnano l'autunno fino all'inverno. Ho prestato attenzione all'atmosfera delle piante della casa e all'aspetto del cane Doris. Ho sentito tutti i piccoli suoni. Cosa e chi sembra calmo spesso non lo è. Ma vedere e ascoltare richiede tempo.

Il segreto della vita non può essere rivelato dall'esterno, ma solo dall'interno. Da quel silenzio che non tace.

READ  Apple si immerge nella musica classica

Per il nuovo anno auguro ai miei compagni pazienti forza e movimento, e a chi si muove molto auguro quanto basta silenzio. Ecco un po' della luce che ho visto, conservata in parole, per tutti voi.

Eva Major è una scrittrice e filosofa. Scrive una rubrica ogni due settimane.