QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Consiglio Superiore di Sanità: “Una dieta vegana ha molti vantaggi …

Una dieta vegetariana ha molti benefici per la salute. Ma quanto più limitata è la scelta del cibo, tanto maggiore è il rischio di carenze nutrizionali e maggiore esposizione a sostanze indesiderate. Questo è il motivo per cui è importante diversificare le tue scelte alimentari: questo è il consiglio del Consiglio Supremo della Salute (SHC).

Man mano che le nostre abitudini alimentari si evolvono e sempre più persone scelgono di limitare il consumo di prodotti animali o di sostituirli completamente con prodotti vegani, il Comprehensive Health Care Committee ha pubblicato ampi consigli per i consumatori e gli operatori sanitari interessati al vegetarianismo.

Il professor Daniel Brasor del Center for Comprehensive Health Care spiega che “una dieta vegetariana, anche nella sua forma più varia, può soddisfare le esigenze nutrizionali di diversi gruppi di popolazione”. “Tuttavia, la complessità varia notevolmente a seconda del tipo di impianto scelto e delle fasi di vita coinvolte”.

Il rapporto contiene informazioni pratiche e consigli per garantire una dieta completa e fornisce strumenti per ridurre o evitare i rischi esistenti. La consulenza si concentra anche sui settori più sensibili della popolazione.

Vegetariano

Esistono diverse forme di diete a base vegetale. Ad esempio, i vegetariani escluderanno una serie di alimenti di origine animale. Con una dieta vegetariana, l’utente consuma solo prodotti vegetali. Una dieta vegetariana varia può fornire tutti i nutrienti necessari durante l’intero ciclo di vita. Tuttavia, poiché si evitano più gruppi di alimenti, aumenta il rischio di carenze e una maggiore esposizione a sostanze indesiderate “, sottolinea Brasor, presidente del gruppo di lavoro. Secondo lui, è particolarmente dannoso per neonati, bambini piccoli e adolescenti durante la gravidanza e l’allattamento. e per gli anziani.

READ  Groen vuole colmare il divario di protezione tra lavoro permanente e temporaneo - Belgio

Se la scelta della dieta è limitata, il corpo è più a rischio di carenza parziale o completa di una serie di importanti nutrienti, secondo SHC, gli scienziati indicano alcune proteine, acidi grassi omega-3, minerali e oligoelementi come calcio, ferro , zinco, iodio e / o vitamine come la B12. E D.

“Per compensare, è meglio scegliere quante più varianti e buone combinazioni possibili”, afferma Brasor. Si consiglia ai consumatori di mangiare spesso legumi (compresa la soia), ad esempio, semi oleosi, cereali integrali, uova arricchite con omega-3, olio di colza o di noci e prodotti lattiero-caseari o fortificati.

Ridurre il rischio

Per i vegetariani, secondo Prause, è fondamentale utilizzare cibi fortificati (vitamine D e B12, calcio e iodio) o anche integratori alimentari se la carenza non può essere compensata attraverso la dieta.

Brasor osserva inoltre che seguire una dieta prevalentemente o esclusivamente vegetariana può paradossalmente portare a una maggiore esposizione a sostanze indesiderate che possono essere dannose per la salute. Fornisce alcuni esempi: sostanze naturalmente presenti negli alimenti (come i fitati), inquinanti ambientali (come i metalli pesanti), contaminanti microbiologici e agenti di protezione delle colture.

Per ridurre questo rischio, puoi, ad esempio, prestare particolare attenzione all’origine del cibo, al modo in cui viene preparato (pelare, marinare, lavare, fermentare, germogliare e cuocere) e conservarlo. Con un maggiore consumo di alcuni prodotti vegetali, come soia, alghe e riso, non è necessaria una maggiore vigilanza, afferma Brasor.

Il documentario Netflix “Piracy” ti farà mangiare meno pesce?

Per alcuni gruppi target o in determinate fasi della vita, gli scienziati affermano che ci sono rischi di carenza o squilibrio. Si riferiscono a quattro gruppi: neonati e bambini piccoli, scolari e adolescenti, donne incinte e che allattano e anziani. Durante queste fasi della vita si verificano importanti cambiamenti fisiologici con esigenze specifiche che devono essere soddisfatte in modo ottimale.

READ  "Sostituzione della terapia con cellule staminali per un piccolo gruppo di pazienti con sclerosi multipla"

Pertanto, i vegetariani rigorosi non sono raccomandati nei neonati e nei bambini sotto i 3 anni di età e per le donne incinte e che allattano. Se tuttavia si sceglie una dieta vegetariana per questi gruppi, è essenziale una consulenza nutrizionale mirata da parte di un professionista sanitario competente. Inoltre, anche gli scolari, gli adolescenti e gli anziani meritano un’attenzione speciale, afferma Brasor.