QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il comune si rimbocca le maniche con quartieri importanti

Informazioni più personalizzate, discussione e rimozione degli ostacoli ove possibile e pubblicazione di figure chiave nei quartieri, come genitori, allenatori sportivi e imam: il comune dell’Aia sta facendo tutto il possibile per massimizzare il desiderio di vaccinazione tra gruppi target specifici. Il comune lo fa con vari partner della città, come le organizzazioni ideologiche. Questo non è solo il caso del Programma nazionale di vaccinazione per bambini e giovani, che fornisce protezione contro 12 malattie infettive contagiose, ma anche con le vaccinazioni contro Corona. Il comune si concentra principalmente su un gruppo di età compresa tra 18 e 60 anni.

La partecipazione al National Immunization Program (RVP) mostra grandi differenze a L’Aia, come ad Amsterdam, Rotterdam e Utrecht, tra bambini e giovani provenienti da famiglie di immigrati e non immigrati. Le differenze sono maggiori tra i 14 anni, il cancro cervicale (HPV) e il meningococco (MenACWY). I giovani di origine turca e marocchina sembrano essere i meno immunizzati contro l’HPV e le malattie meningococciche. Seguono giovani provenienti dal Suriname, dall’Europa, dalle Antille e da altri contesti di immigrati. La partecipazione al PIN è più alta tra i giovani provenienti da famiglie senza un background di immigrazione. Questa è la prima volta che viene condotta un’analisi della copertura vaccinale per diversi background di immigrati, a seguito delle preoccupazioni del sistema sanitario giovanile sulla mancanza di copertura vaccinale tra i diversi gruppi di migranti.

Conoscenza dei gruppi target
Il comune è responsabile del NIP, che protegge bambini e giovani da 12 malattie infettive contagiose. A L’Aia, giovani medici e giovani infermieri di 9 CJG (Centri giovanili e familiari; uffici di consulenza esistenti) stanno implementando RVP. Il comune non ha alcuna influenza sull’approccio e sulla politica in materia di vaccinazione contro Corona. Questa è la responsabilità del Ministero della Salute, del Welfare, dello Sport e del RIVM. Il Comune dell’Aia ha molte conoscenze sui diversi gruppi target della città e collabora con GGD Haaglanden per quanto riguarda i siti di iniezione e la comunicazione per questi gruppi target.

READ  Nella lotta ai bassi tassi di vaccinazione, GGD e Schiedam vanno nei quartieri: scatto gratis senza appuntamento

Durante il mese di maggio sarà la volta del gruppo di vaccinazioni 18-60 anni contro Corona. RIVM è preoccupata per il fatto che questo gruppo – con un aumento del tasso di vaccinazioni tra gli anziani, gli operatori sanitari e le persone a rischio medico – avrà meno probabilità di essere vaccinato. Le maggiori preoccupazioni riguardano gli immigrati e i poveri di alfabetizzazione, che spesso sono difficili da raggiungere per il governo. Per gruppi target specifici all’interno di una vasta gamma di età compresa tra 18 e 60 anni, è in fase di sviluppo all’Aia un approccio separato, oltre alla campagna del governo centrale.

A partire dal 17 maggio, ad esempio, saranno organizzati vari incontri su piccola scala in cui questi gruppi target riceveranno informazioni sulle vaccinazioni appositamente progettate da VIP chiave, come genitori del vicinato, allenatori sportivi e leader religiosi. GGD Haaglanden fornisce supporto medico. Fornendo informazioni affidabili, obiettive e accessibili, il comune ei partner che collaborano sperano di massimizzare la preparazione per la vaccinazione.

La salute prima di tutto
“I motivi religiosi non giocano un ruolo reale nella vaccinazione nei nostri confronti. Il presidente della Federazione delle organizzazioni islamiche dell’Aia, Darwish A. Madu”, dice l’Islam mette al primo posto la salute umana. Il problema della scarsa vaccinazione tra gli immigrati ha molto ha più a che fare con l’ignoranza. Spesso non sono in grado di distinguere miti e fatti sulla vaccinazione Allo stesso tempo, gli immigrati spesso hanno difficoltà a ottenere informazioni dal governo, o perché non le capiscono, non riescono a trovarle o non si fidano di esse. Ecco perché È così importante collaborare con i principali personaggi dei quartieri. Salutiamo il fatto che il Comune ci stia lavorando ”.

READ  Centinaia di migliaia di persone con problemi immunitari non sono immuni dopo la vaccinazione

Il reverendo Ad van der Helm, presidente di Zorgzaam uit Overtuiging, la piattaforma per le organizzazioni filosofiche dell’Aia, è lieto che il comune ei partner si stiano spostando in quartieri per comunicazioni appositamente progettate con gruppi target specifici, sebbene Corona lo farà spesso in digitale. “È bene concentrarsi sulle organizzazioni che sono attive nei quartieri; lasciare che lavorino con professionisti medici, come pediatri, infermieri e medici generici. E formare i volontari in quelle organizzazioni con un focus sull’accessibilità. In definitiva, la vaccinazione riguarda la cura di ciascuno altro e solidarietà “. Ha detto il Rev. Ad van der Helm, che è anche il presidente della Comunità delle Chiese dell’Aia,” Pensiamo che questo sia un messaggio meraviglioso da condividere con tutti in città “.

Nel mezzo della vita di quartiere
Alla fine dello scorso anno, l’assessore Kavita Parbhudayal Welfare, Youth and Public Health ha tenuto i primi colloqui con Maddoe e Van der Helm; A quel tempo si parlava ancora del programma nazionale di vaccinazione per bambini e ragazzi contro le dodici malattie infettive. Ora sono stati aggiunti i vaccini Corona. Le comunità religiose come i signori Madou e Van der Helm sono partner importanti nei nostri sforzi per aumentare la preparazione alle vaccinazioni. Sono al centro della vita di quartiere a L’Aia e godono di grande fiducia tra i residenti del quartiere “, dice Kavita Barbudayal, che lo scorso anno ha fornito personalmente informazioni sulla vaccinazione ai giovani medici del Centro per la gioventù e la famiglia del tempio indù Asan Mandir a The Hague. “Inoltre, stiamo esaminando anche le collaborazioni con organizzazioni ombrello di medici generici, come SHG, Arts & Care e Hadoks.

READ  Contaminazione da PFOS: "Niente panico" (tossiologi) - Belgio

Grazie all’analisi dei dati per NIP da GGD Haaglanden, la copertura vaccinale a livello di quartiere è nota, a vantaggio dell’approccio orientato agli obiettivi. Il tasso di vaccinazione è più alto nel distretto di Leidschenveen-Ypenburg e il più basso nella regione del Centrum. In media, nel 2019 (i numeri del 2020 saranno annunciati la prossima estate) i primi punti luminosi della copertura vaccinale sono apparsi all’Aia. “È un piccolo ma piacevole passo avanti”, afferma l’Assessore Kavita Barbudayal, che ha lanciato il piano di attacco vaccinale nel 2019. “Ma non ci siamo ancora. La vaccinazione è la norma e una responsabilità condivisa. Non lo fai solo per te stesso, lo fai l’uno per l’altro. Questo messaggio deve risuonare in tutti i quartieri dell’Aia”.