QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cosa fa questo telefono sul tavolo?

C’è qualcosa di meglio che sedersi a tavola con gli amici la sera? Un po’ di cibo, un po’ di bevanda e nessun problema nella vita che non può essere risolto – o almeno messo in prospettiva, e questa è metà della battaglia. Sfortunatamente, sempre più ospiti indesiderati sono seduti al tavolo della mia cucina. E poi anche quelli maleducati: non prestano attenzione agli altri ospiti, non riprendono la conversazione e attirano l’attenzione tutto il tempo. “Posso mettere una sedia per il tuo telefono?” Ovviamente non lo dico ad alta voce, ma penso di sì a volte.

Quando il telefono si apre sul bancone, oso chiedere nei giorni meno clementi di spegnere lo schermo. E se è davvero una brutta giornata, a volte oso chiedere se il telefono può essere nascosto (voglio dire: se qualcosa di veramente urgente, diciamo ragazzo alla porta senza chiave, puoi ancora chiamare alla vecchia maniera. Diventa, vero? ?).

Sono solo io che anche il telefono di qualcun altro sembra occupare una parte del mio cervello, anche quando non succede nulla su di esso? Con un telefono sulla scrivania, sento che qualcosa vacilla, l’azienda è in standby e diffida dei messaggi in arrivo. O peggio: controlla il telefono al primo interruzione della conversazione per controllare velocemente il telefono, anche se necessario per scorrere Facebook o Linkedin. Di conseguenza, c’è meno ascolto e più conversazioni rimangono in superficie: aprirai il tuo cuore solo quando arriva un messaggio di Messenger. Anche se il destinatario ignora il messaggio, l’atmosfera viene temporaneamente interrotta.

La regola dei tre

Tuttavia, sembra gradualmente normale che i nostri telefoni scivolino sul tavolo. Portare il tuo smartphone e/o laptop alle riunioni è diventata la norma. E nessuno guarda più o meno dal telefono agli eventi sociali. Inviare un messaggio o controllare Facebook sta diventando rapidamente accettabile, soprattutto nei gruppi più grandi in cui si applica la “regola 3” casuale: finché almeno due persone ascoltano chi sta parlando, puoi concederti una pausa con lo smartphone al tavolo.

READ  Collaborazione più intensa per la cura delle donne in gravidanza affette da diabete | Notizie Zeewold

Durante il lavoro sul campo nel ristorante per studenti, i ricercatori di UGent hanno dimostrato che un telefono è stato portato in 61 conversazioni su cento. “È parecchio, ma l’intensità e la durata differivano notevolmente”, afferma Marek Vanden-Abele, professore di cultura digitale all’Università di Ghent e iniziativa di ricerca sui cittadini On/Off. “In un buon terzo dei casi, il telefono è stato utilizzato socialmente, per cercare qualcosa che è apparso o per visualizzare immagini”. Gli appunti sono durati dieci minuti.

Sherry Turkle, promotrice del progetto di ricerca About tecnologia e sé Al MIT si preoccupa da anni della qualità delle nostre conversazioni. Ne ha scritto nel suo libro, tra le altre cose Ripristina la conversazione (2017). Sospetta anche che la nostra capacità di empatia si sia deteriorata dall’arrivo dello smartphone, nonostante tutti i social media. 75 minuti delle oltre tre ore che trascorriamo in media sui nostri smartphone ogni giorno, trascorriamo sui social media e sulle app di chat (“quindi nell’ecosistema Meta”, ha aggiunto Vanden Abeele quando mi ha detto).

La domanda è: ci sentiamo davvero più connessi l’uno all’altro di conseguenza? Riesci a costruire relazioni attraverso post e messaggi? Questo è uno dei principali temi di ricerca del progetto Citizen On/Off, lanciato insieme dall’Università di Ghent e da questo giornale. Sono molto curioso dei risultati e, nel frattempo, sono anche curioso di sapere come l’hai provato. In quali circostanze lasci il telefono da parte? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dello smartphone nella tua vita sociale? Avete accordi in merito con amici, parenti e partner? Diamo il benvenuto a tutte le tue esperienze all’indirizzo eva.berghmans@standard.be.

READ  Omicron "ancora un virus pericoloso"

Zeitgeist. De Standaard si concentra su una ricerca giornalistica approfondita su ciò che definisce e sconvolge le nostre vite attraverso generazioni e confini. Perché la comprensione dei problemi di oggi inizia con la realizzazione dello spirito dei tempi.