QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Da quando mettiamo i cubetti di ghiaccio nelle nostre bevande?

Da quando mettiamo i cubetti di ghiaccio nelle nostre bevande?

In passato, le persone raccoglievano la neve in inverno per conservare il cibo in estate. Alcuni furono conservati in depositi di ghiaccio sotterranei e altri rimasero utilizzabili. Ma l’usanza di mettere dei cubetti di ghiaccio nella bevanda risale a tempi recenti.

Commercio del ghiaccio

Durante una gita di famiglia nel 1805, l’uomo d’affari americano Frederick Tudor notò come nei paesi più caldi fossero gelosi dei rinfreschi freddi. Era un commento casuale, ma non lo lasciò andare. Un anno dopo, inviò la sua prima nave, carica di blocchi di acqua ghiacciata del fiume, in Martinica.

Missione sul ghiacciaio Tudor

Non ebbe successo, ma ciò non impedì a Theodore di convincere il mondo della sua idea. Viaggiava tra le città e la campagna per vendere il suo prodotto. Dopo un lungo periodo di attività, alla fine ci riuscì, perché dal 1821 poteva contare su una clientela affidabile di caffè e ristoranti nazionali che acquistavano i suoi blocchi di ghiaccio. A proposito, hanno un aspetto diverso da quelli nel congelatore. Perché i cubetti di ghiaccio nei bar hanno spesso dei buchi?

Puoi leggere le risposte a molte domande (estive) nella sezione speciale Q&A. Andrai presto in vacanza? Allora prepara il tuo libro Summer Quest!

Acquista qui le offerte estive di Quest

ricerca

READ  Jordi ha preso l'HIV mentre aspettava una pillola per l'HIV e non è solo