QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Storico della medicina: “Non abbiamo ancora vaccinato un singolo gruppo importante” – Salute

L’influenza spagnola si è estinta in tempi relativamente brevi dopo tre ondate 100 anni fa, mentre il Covid-19 è già entrato oggi nella sua quarta ondata. Infausto o no? Lo storico della medicina Robert Van Hee non fu sorpreso. “Non abbiamo ancora vaccinato un singolo gruppo importante”.

Il mondo ha sempre saputo di epidemie ed epidemie e una cosa è certa: vengono fuori tutte. ma come? La SARS-CoV-2 dovrebbe essere stroncata sul nascere, come SARS-1, Ebola e poliomielite. Oppure stiamo dando al virus la stessa sorte del virus del vaiolo che è stato completamente debellato.

Il mondo ha sempre saputo di epidemie ed epidemie e una cosa è certa: vengono fuori tutte. ma come? La SARS-CoV-2 dovrebbe essere stroncata sul nascere, come SARS-1, Ebola e poliomielite. Oppure stiamo dando al virus la stessa sorte del virus del vaiolo che è stato completamente debellato. O anche: il COVID-19 si trasformerà in una condizione che ritorna ogni stagione invernale, con o senza sovraccaricare il nostro sistema ospedaliero, come l’influenza in Belgio che uccide circa 1.000 persone o talvolta di più ogni anno? Non abbiamo una sfera di cristallo, ma possiamo guardare al passato. È notevole quanto siano sorprendenti le somiglianze tra la ben documentata pandemia di influenza spagnola di oltre un secolo fa e l’attuale coronavirus. Da un campo militare in Kansas, negli Stati Uniti, il nuovo virus respiratorio H1N1 ha attraversato l’Oceano Atlantico nella primavera del 1918 e si è diffuso a macchia d’olio in tutto il mondo attraverso le popolazioni indebolite dalla prima guerra mondiale. , seguita da una seconda ondata più ampia in autunno. Poi una terza ondata più piccola arrivò nella primavera del 1919, quando molti soldati tornarono a casa dopo la guerra. Entro l’estate, l’epidemia era finita. “I grafici delle ondate epidemiche nel 1918-19 e nel 2020-2021 sono praticamente identici”, afferma lo storico medico Robert Van Hee (UAntwerp). Ma ci sono anche differenze importanti. Con l’influenza spagnola, le persone non hanno mai saputo di avere a che fare con un virus, quindi non c’era un vaccino disponibile. La globalizzazione limitata ha anche causato una transizione più lenta di quanto non sia oggi. Ma l’impatto sociale dell’influenza in Europa in particolare è stato molto meno pronunciato che in altre parti del mondo perché gli europei erano così allarmati dagli orrori della guerra che l’influenza non era un problema per loro. Virus dell’influenza invece del virus corona. Sfortunatamente, si sa molto poco sull’origine dei quattro coronavirus umani preesistenti. Uno studio del virologo Mark van Ranst sul Journal of Virology ha collegato l’epidemia di “influenza russa” del 1889 al coronavirus OC43, che ha causato la perdita dell’olfatto e del gusto. Ma non ci sono prove conclusive per questo. Sfortunatamente, il team di Van Ranst non è stato nemmeno in grado di calcolare quanto tempo ha impiegato l’influenza russa a mutare nell’attuale virus del raffreddore. Pertanto, l’influenza spagnola, conosciuta anche come la “madre delle pandemie”, è la risposta più vicina possibile alla domanda su come si è sviluppato il Covid-19. “L’influenza spagnola è finita in tempi relativamente brevi”, afferma Van Hee. Ciò può essere dovuto a una combinazione di circostanze. Un presupposto è che ci fossero così tanti morti e malati che il virus non riusciva più a trovare un pubblico da infettare e morire. Un’altra spiegazione è che il virus è mutato in una forma meno virulenta. Un’ultima possibilità è che medici e infermieri abbiano imparato a gestire meglio la malattia entro due anni attuando quarantene e utilizzando maschere per la bocca. Queste sono le procedure che applichiamo ancora oggi. “Anche se stiamo ancora usando le stesse procedure e abbiamo anche miliardi di vaccini contro la corona, dovremo sopportare questa epidemia molto più a lungo di quanto non facessero i nostri antenati 100 anni fa. Secondo gli esperti, il Covid-19 può essere contenuto solo quando il 90-95% della popolazione mondiale ha raggiunto una qualche forma di immunità attraverso un vaccino o un’infezione. Ma molte persone nel mondo non sono ancora state infettate dal covid-19 o dal vaccino oggi. Gli ultimi dati mostrano che quasi tre miliardi di persone sono state completamente vaccinate. Aggiungete a questo le persone che sono state infettate e forse solo la metà della popolazione mondiale è stata infettata. La velocità potrebbe essere aumentata diffondendo vaccini in tutto il mondo. Secondo Fan He, c’è un ulteriore problema. I vaccini non sono ancora stati in grado di funzionare adeguatamente perché non abbiamo ancora vaccinato un singolo gruppo importante. Con la variante originale di Wuhan, i bambini non si sono ammalati su larga scala. La variante delta più contagiosa ha invertito questa tendenza. I bambini sembrano essere il motore della quarta ondata. Nel frattempo, possono trasmettere il virus il più rapidamente possibile per gli adulti. Al momento non conosciamo l’effetto, ma potremmo non avere una quarta ondata oggi se vaccinassimo bambini di sei anni. Anche il morbillo e il vaiolo sono malattie contro le quali si vaccina e si rivaccinano i bambini piccoli. Non sarei sorpreso se questo inverno emergesse una nuova specie contro la quale i vaccini funzioneranno ancora, ma forse non in tutte le fasce d’età. Non è mai scomparso, ma si è sviluppato in un fenomeno endemico. Il termine “endemico” significa che il virus si diffonde nella comunità in modo stabile e prevedibile. La malattia non ingoia il nostro sistema, ma non scompare. Fortunatamente, la moderna variante H1N1 non uccide più milioni di persone oggi come nel 1918-19. Questo perché, nella maggior parte dei casi, il sistema immunitario umano è in grado di scongiurare complicazioni potenzialmente fatali. La maggior parte degli esperti prevede uno scenario simile per Covid-19. Se l’immunità al coronavirus è abbastanza forte e il virus non muta molto, le onde alla fine si stabilizzeranno. O per dirla con un altro fenomeno naturale: un incendio boschivo viene spento solo finché tutto il legno non è bruciato. Van Hee è anche convinto che in futuro dovremo convivere con il coronavirus, con o senza le variabili. Anche se non si può dire con certezza se il COVID-19 sarà un innocuo virus del raffreddore o un pericoloso COVID invernale entro l’inverno del 2022. L’imprevedibilità è ciò che significa un virus. Ma la lezione più importante per Fan è andare oltre il virus stesso. La pandemia ha mostrato quanto il mondo fosse impreparato alle crisi sanitarie, nonostante gli avvertimenti che le grandi pandemie erano inevitabili. La nostra assistenza sanitaria merita più riconoscimento finanziario e migliori condizioni di lavoro. Alle infermiere è stata data una piccola ricompensa e il messaggio che dovevano dare adesso. Se non ci adattiamo al nostro sistema di assistenza e non possiamo garantire cure più adeguate nei centri di assistenza residenziale, la storia si ripeterà. Perché la prossima pandemia sta arrivando. di certo.’

READ  Influenza aviaria rilevata in una piccola fattoria ad Assendelft | notizia