QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Di nuovo partita con Lamkel: Zé accenna alla legge ’78 per imporre il trasferimento | Jupiler Pro League

È di nuovo un gioco con Lamkel: sarebbe stato il titolo di un pezzo disegnato dall’ormai chiuso Echt Antwaarps Teater. All’inizio di questa settimana è successo di nuovo. Dopo che Lamkel Zee in precedenza aveva indicato che non voleva più allenarsi con la squadra A di Anversa perché stava cercando un trasferimento, ha cercato di rafforzare quel messaggio a modo suo.

Lunedì Lamkel ha mandato Zé via Instagram Dialoghi civettuoli con i tifosi dell’Anderlecht Al mondo, per far capire ancora una volta che è aperto alle offerte di altri club. Non molto tempo dopo, il centrocampista offensivo Bosuil ha ribaltato le cose. Quando Lamkel Zee ha messo in chiaro che non era più il benvenuto nello spogliatoio della prima squadra – si allena in questi giorni con promesse – il camerunese non poteva riderne. Come vendetta, Lamkell ha messo il suo nome sul muro dello spogliatoio. Reazione infantile, che ovviamente non andava d’accordo con Anversa.

Poi, Lamkel Zee, sempre tramite Instagram, ha alimentato un po’ di più il fuoco alludendo alla famigerata legge del 1978. Questa legge consente agli atleti professionisti di rescindere anticipatamente il loro attuale contratto. In tal caso dovrà essere corrisposta un’indennità pari alla retribuzione che il calciatore normalmente percepirà ancora tra il momento della risoluzione e la prevista scadenza del contratto. Cordiali saluti: Lamkel Zé rimane stabile in linea di principio fino all’estate del 2023. La FIFA può anche imporre un divieto temporaneo quando si utilizza la legge ’78. Quindi la possibilità di un’effettiva rottura in futuro sembra piuttosto ridotta. Ma Lamkel Zee può, ovviamente, usare la Legge 78 come leva.

READ  "Sportivo, scegliere Benzema è la stessa logica, ma non la capisco bene". Campionato europeo di calcio 2020