QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Diagnosi di ADHD in età avanzata: “ Troppi pezzi del puzzle sono andati a posto ”

Melissa Cantres, 31 anni, sa dal mese scorso di avere l’ADHD. Da bambina sognava già e diceva che viveva nel suo mondo. Nessuno ha pensato all’ADHD. Dopotutto, questo è spesso associato all’iperattività, non a una Melissa introversa. Quindi lei stessa è rimasta sbalordita dalla diagnosi. “Non mi riconoscevo in esso, ho pensato: eh, non sono affatto occupato? Non volevo avere l’ADHD e avevo troppi pregiudizi al riguardo. Mi ha fatto sentire inferiore agli altri, semplicemente non lo ero” t bene. Era abbastanza. Non mi sentivo soddisfatto. Trovavo difficile sentire che ero “diverso”.

Ma questo presto si trasformò in sollievo. “Ho capito che era utile solo sapere come funzionava il mio cervello in modo da poterlo tenere in considerazione”. Dice che è stato molto più privato dalla diagnosi. “Prima ero un attaccante e dovevo fare tutto da solo. Per molto tempo ho avuto un insegnante severo e meschino nella mia testa che aveva molte critiche su tutto ciò che facevo. Ora è molto meno, almeno perché lo so da dove vengono i miei problemi. Devo conoscermi una volta. Altro “.

Melissa si descrive come disordinata, impulsiva e facile da distrarre. “Posso attirare la mia attenzione solo se trovo qualcosa di interessante.” Si dimentica anche molto. “Ad esempio, ho dimenticato questa data per la chiamata. Se non la scrivo, non la ricorderò. Spesso dimentico di portare le cose con me e perdo tutto ad ogni turno.” Le scadenze sono un’altra cosa. Ad esempio, una volta ho perso un lavoro part-time come mentore della creatività perché era troppo tardi per apprezzare il lavoro. “Mi sono stancato molto, perché era davvero il mio genere. Non approfitto molto bene di alcune occasioni”.

Melissa non ha ancora preso alcun farmaco ma vuole provarlo, comunque. “Solo nei periodi di punta, ad esempio.” Al momento, ha acquistato uno smartwatch per utilizzare tutti gli appuntamenti e le attività. “Mi aiuta davvero molto.”

“Adesso posso perdonarmi un po ‘di più.”

Desiree van Ouhelen (47 anni) è stata diagnosticata intorno ai 40 anni. “Quando mi sono seduto con il mio ex da uno psichiatra – prima di lui – e lo psichiatra ha iniziato a parlare di ADHD, ho pensato, ‘Si tratta di me. Ho fatto un test online ed è arrivato al 100%”. All’inizio l’ho lasciato così: “Ho pensato cosa farne”. Ma quando a uno dei suoi figli è stato diagnosticato l’ADHD (l’ADHD è una condizione ereditaria, ED), le è stato consigliato di far controllare anche lei. All’UMC Utrecht, uno psichiatra ha confermato ciò che già sapeva: aveva l’ADHD.

READ  Quello che sappiamo sulla malattia polmonare da Covid

E sì, è stato un enorme sollievo, dice. “Molti pezzi del puzzle andavano a posto. Spesso mi condannavo per il disordine che stavo provando. Ho sempre perso tutto; le mie chiavi, il mio portafoglio, i miei documenti”. Da bambina trovava difficile concentrarsi, soprattutto al liceo, era difficile per lei finire le cose. “Dopo aver ricevuto HAVO, ho avuto molti problemi a completare i corsi e niente è andato bene. Una volta ottenuta la diagnosi, sono stato in grado di perdonarmi un po ‘di più”.

Dal momento che sa di avere l’ADHD, è anche sotto controllo in misura leggermente maggiore. “In precedenza, ad esempio, potevo lavare i piatti e poi scoprire che avevo bisogno di uno strofinaccio pulito, che era in lavatrice, poiché pensavo che la biancheria da letto dovesse essere lavata, poi l’ho fatto e ho completamente dimenticato che stavo lavando i piatti. Ero sempre impegnato con il lavoro di 12 A contemporaneamente e nessuno ha finito. Ho ancora quella tendenza, ma riesco a gestirla un po ‘meglio “.

Grave attacco di panico

Ho preso il farmaco per un momento per controllare l’ADHD, ma si è fermato molto rapidamente. “Non ho osato usarlo dopo un attacco di panico molto violento. Senza di esso funziona bene. Aiuta davvero a sapere da dove vengono le mie lamentele”. Ad esempio, ha scoperto che l’esercizio era un ottimo modo per perdere le sue energie e liberare la mente. “Se non lo facessi, potrei rimanere bloccato nella mia testa tutto il giorno.” Ora ha anche posti permanenti per le cose che ha sempre perso. “Solo quel punto permanente cambia così tanto, quindi lo perdo ancora …”

READ  Oggi è la Giornata europea dell'ictus. Cos'è un ictus, può essere prevenuto e cosa fare?

Desiree ha trovato un modo per conviverci e non nascondere il fatto di avere l’ADHD. “Ci sono sempre persone che pensano che l’ADHD sia una cosa di moda e reagiscono in modo strano quando lo dico, lascialo così. Non mi influenza. So cosa è per me.”

“Il pericolo è che ti nascondi dietro.”

Christina (34 anni, non è il suo vero nome) è meno aperta sull’ADHD. Vuole solo parlare di lei con un nome falso, perché i suoi colleghi ancora non lo sanno. “C’è ancora un piccolo stigma associato all’ADHD. Non che me ne vergogni, solo i miei amici lo sanno, ma temo che i miei colleghi mi guarderanno in modo diverso quando glielo dico. Pensa, ah, è a causa dell’ADHD “Ce l’hai, o se è più probabile che si accorga se hai consegnato o dimenticato qualcosa in ritardo.”

Nella maggior parte dei casi, le persone con ADHD hanno anche un altro disturbo, come un disturbo d’ansia, un disturbo alimentare o una dipendenza. I problemi di sonno sono particolarmente comuni nelle persone con ADHD. Questo è anche il caso di Christina. In giovane età sono andato da un neurologo a causa di un disturbo del sonno. Poiché i disturbi del sonno sono spesso associati all’ADHD, un neurologo li ha indirizzati a uno psichiatra.

Diagnosi in età avanzata

Significa ADHD sindrome da deficit di attenzione e iperattività. È un disturbo da deficit di attenzione associato a iperattività e impulsività. Non puoi semplicemente “sviluppare” l’ADHD in età avanzata. Uno dei criteri per soddisfare la diagnosi è che i problemi sono stati presenti fin dall’infanzia. Può essere diagnosticato solo più tardi nella vita, come nelle donne in questo articolo. Sono stati diagnosticati dopo un esame approfondito, ma questo non si applica a tutti.

Fabbrica di ADHD

Ho segnalato all’inizio di questo mese Cordiali saluti Sopra Centro ADHD “Fabbrica ADHD”Gli adulti vengono diagnosticati entro un giorno. Solo un paziente su sette non è classificato come ADHD e il resto inizia con il trattamento, sempre con i farmaci. Secondo gli ex dipendenti, l’istituto sta effettuando una diagnosi eccessiva per trarne vantaggio finanziario. ADHDcentraal ha detto di non essersi identificato nelle accuse.

READ  Un numero leggermente inferiore di bambini a Utrecht Heuvelrug riceve vaccinazioni complete | Testa

(Fonte: Brain Foundation, Trouw)

All’età di 23 anni, a Christina è stato diagnosticato l’ADHD. Questo spiega molto, dice. “Forse più per il mio ambiente che per me.” Ecco perché era così ansiosa, spesso dimenticava cose importanti ed era sempre stata una sognatrice in passato. “A volte mi sentivo così stupido. Ciò che era facile per gli altri, richiedeva un certo sforzo. Spesso mi sentivo come se stessi fallendo. Era bello sapere da dove veniva”. Tuttavia, non userà mai il suo ADHD come scusa, dice. “Il pericolo è che ti nascondi dietro.”

La prognosi inizialmente è cambiata un po ‘per Christina. Non voleva la droga e non voleva parlarne. “Non ne avevo voglia. Ho continuato la mia carriera come avevo sempre fatto. Fino ad allora, è stato sempre un bene per me”. Solo più tardi ha provato a prendere dei farmaci, ma per lei non funzionava. “Ho perso molto peso dalle prime pillole che ho provato, da altre pillole ho notato che la mia testa si calmava un po ‘, ma una volta smesso sono diventato subito doppiamente ansioso. Non mi sentivo a mio agio, volevo farlo meglio senza farmaci. Accetto semplicemente che le cose stiano. A volte è più complicato per me. “

Altrimenti cablato

Pensa che l’ADHD possa essere più una forza che un difetto. “Non c’è niente di sbagliato nel tuo cervello quando hai l’ADHD, sei semplicemente connesso in un modo diverso. E anche questo ha i suoi vantaggi. Vedo connessioni che le altre persone non vedono e sono molto creativo. Non lo sono. quello che ha voglia di pianificare in giro, ma penso molto Fuori dalla scatola E sono sempre così eccitato. Questo è di grande valore in qualsiasi organizzazione “.