QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’uomo sbagliato legato all’attacco di Peter R. de Vries: ‘È iniziato come uno scherzo, ma è sfuggito un po’ di mano’ | notizia

Poco dopo l’attacco a Peter R. de Vries, Bergerent ha distribuito una descrizione del tiratore. Si dice che sia un uomo piccolo e snello, che al momento della sparatoria indossava un cappotto verde scuro con macchie mimetiche e un cappello nero. Gli amici di Alex lo hanno riconosciuto nella descrizione e hanno inviato una sua foto in un gruppo WhatsApp con la didascalia “Haha, Alex è il colpevole”. A loro volta, i membri del gruppo hanno pubblicato di più la foto e improvvisamente la foto è diventata virale sul servizio di chat di Telegram. “È iniziato come uno scherzo, ma è sfuggito un po’ di mano”, ha detto Alex.

Il gruppo ha poi chiamato la polizia stessa. Un amichevole agente di polizia locale verrà da loro, in modo che possano chiarire l’intera situazione. Con loro grande sorpresa, 20 minuti dopo, otto poliziotti armati fino ai denti si trovavano nella piazza. Alex ei suoi quattro amici hanno dovuto sdraiarsi sul pavimento e sono stati perquisiti. Dopo l’ispezione, hanno spiegato cosa era successo. La polizia gli ha creduto subito, anche perché si sono sparati.

La polizia olandese sottolinea che tali battute sono inaccettabili: “Dopo un tale attacco, dobbiamo elaborare un’enorme quantità di informazioni in un periodo di tempo molto breve e non possiamo affrontarlo”.

READ  La Cina mantiene il controllo su Hong Kong: il Parlamento approva un emendamento radicale del sistema elettorale | all'estero