QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

È necessaria una maggiore diversità negli studi sui farmaci per l’emicrania

È necessaria una maggiore diversità nella ricerca clinica sui farmaci antiemicranici. Lo hanno riferito gli scienziati dell’emicrania Antoinette Maasen van den Brink e Linda Al-Hassani del Dipartimento di Medicina Interna dell’Erasmus MC. Hanno pubblicato i loro risultati in un articolo di opinione su Lancetta per neuroscienze.

Emicrania

I farmaci per l’emicrania di nuova generazione sono stati per lo più testati su una popolazione omogenea. Questo è composto principalmente da donne americane bianche con un BMI medio di 30+. Ciò rende l’effetto del farmaco su persone di sesso, statura, etnia ed età opposte piuttosto imprevedibile.

farmacocinetica

La razza, il sesso, l’IMC e l’età influenzano principalmente la farmacocinetica. Tuttavia, caratteristiche come il sesso influiscono anche sulla farmacodinamica del corpo. Il corpo di una donna americana di 50 anni reagisce in modo diverso rispetto a quello di un uomo giapponese di 35 anni piccolo e magro.

inclusione

Quindi Al-Hasani e Masen van den Brink sostengono che gruppi di pazienti più diversi siano inclusi negli studi sui farmaci. La richiesta di una maggiore diversità nella ricerca scientifica su malattie e medicinali è stata ascoltata da tempo. L’emicrania colpisce molti pazienti. “Ci sono più di 1 miliardo di persone nel mondo che soffrono di emicrania e si verificano allo stesso modo in tutto il mondo”, affermano Maasen van den Brink e Al Hasani.

READ  Pillole anticoncezionali sicure per le giovani donne a rischio di cancro al seno