QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

E se tutta l’Olanda mangiasse vegan?

E se tutta l’Olanda mangiasse vegan?

“Quindici milioni di persone, su quel piccolissimo pezzo di terra…” è stata cantata dagli artisti Floitsma e Van Twain nel 1996. Ora abbiamo 17,5 milioni di persone. Sono molte persone, ma il numero non è niente in confronto al numero di animali che vivono in questo piccolo paese. spazioso 115 milioni di animali da fattoria Prende Quasi la metà del territorio olandese confisca. Si tratta di circa 21.000 chilometri quadrati attualmente dedicati all’allevamento del bestiame, un’area grande quanto, ad esempio, le province di Limburgo, Zelanda, Brabante Settentrionale, Olanda Settentrionale, Groningen, Olanda Meridionale e Iggselmeer messe insieme.

Ora immagina la seguente situazione – completamente irrealistica al momento. Nei Paesi Bassi è vietato utilizzare terreni per la produzione di alimenti per animali, carne o latticini. Non c’è più carne o latticini nei supermercati e negli esercizi di ristorazione e nessuno mangia prodotti animali. Come sarà il nostro paese dopo? È una domanda puramente ipotetica, ma molto rilevante. Le scelte che facciamo riguardo al cibo hanno un enorme impatto non solo sulla nostra salute, ma anche sullo stato della natura e sul clima.

Supponiamo che la scelta del cibo sia già stata fatta: tutti mangiano vegetariani. Cosa cambierà nei Paesi Bassi vegani? Nella nostra serie di articoli “Vegetariani nei Paesi Bassi” spiegheremo questo esercizio mentale nei prossimi mesi.

La carenza di alloggi sarà risolta se avremo bisogno di meno terra per l’agricoltura?

Usa il terreno in modo diverso

Il nostro progetto di serie ci ha ispirato Olanda Vegetariano Scritto dall’architetto paesaggista Berno Strootmann e dal professore di sostenibilità ambientale Jan Willem Erismann dell’Università di Leida, in cui esplorano un futuro basato sul presupposto che mangeremo tutti vegani. Se guardi solo i terreni agricoli, niente di meno 71,9% della superficie È destinato all’allevamento del bestiame, come pascolo e alla coltivazione di colture foraggere verdi come il mais da foraggio. Il restante trenta per cento è destinato all’agricoltura e all’orticoltura per il consumo umano. E se tutta quella terra fosse liberata dall’allevamento del bestiame?

READ  Il Board of Health afferma che un bambino sano di età inferiore ai 12 anni non ha bisogno di un colpo di corona

“Come paese, abbiamo molto da fare: adattamento climatico, alloggi, biodiversità, problema dell’azoto e transizione energetica”, spiega Strootman. “Il cibo vegetariano può essere un ciclo divertente per aiutare a risolvere tutti i tipi di sfide che affrontiamo nei Paesi Bassi. Puoi utilizzare la terra che non usi più per allevare il bestiame in altri modi. Cosa comporta? Un’Olanda vegetariana può contribuire alla giustizia climatica , un tema importante del nostro tempo. Nel nostro Paese, l’onere del cambiamento climatico ricade spesso in modo sproporzionato sulle persone a basso reddito. Le cose cambierebbero se i Paesi Bassi diventassero vegetariani?”

Presentato dagli editori

astronomia

Più ci addentriamo nell’universo, più ci sembra strano

biologia

Sull’evoluzione: gli esseri umani non sono al top

informatica

Dalla fame di dati alla trasformazione digitale

piano di lavoro? Analisi dei dati, studi di mappe, brainstorming tra di noi e con altri esperti, creazione di grafici, calcoli e visualizzazioni, in modo da poter fornire idee entro la fine di quest’anno. Pensiamo che i Paesi Bassi sarebbero una versione migliore di se stessi se tutti seguissero una dieta vegana. Esploreremo se questo è davvero il caso”. Con la loro ricerca, Strootman ed Erisman vogliono fornire informazioni sulle conseguenze del consumo di vegetariani nei Paesi Bassi, in modo che noi come società possiamo avere una migliore discussione su spazio e clima. Esplorando davvero la domanda “e se”, dice Strootman.

Perché lo facciamo

L’uso del suolo e i cambiamenti del paesaggio associati alla vegetazione sono principalmente presi di mira da progettisti e ricercatori su larga scala. NEMO Kennislink va per la sua strada e amplia l’argomento. Approfondiamo anche le conseguenze sulla salute pubblica dell’alimentazione vegana, ad esempio, oi rischi di malattie che passano dagli animali all’uomo (zoons). Oppure prendi il Mare del Nord. Cosa accadrebbe alla biodiversità se non ci fossero più attività di pesca?

READ  Attenzione: ecco come possono essere dannosi i pfas per la fertilità femminile

Non preoccuparti, questo thread non è una pubblicità per uno stile di vita vegano. Non è nostra intenzione incoraggiare te, nostro lettore, ad eliminare immediatamente tutti i prodotti di origine animale. Non realizziamo questa serie perché crediamo sia possibile o auspicabile che tutti mangino solo vegani. Si tratta di riflettere, per farsi un’idea di come potrebbero essere i Paesi Bassi se cambiassimo il nostro attuale modo di mangiare. Perché allarga lo sguardo e ci fa guardare al presente e al futuro in modo diverso.

Buono anche a sapersi: nei nostri articoli di approfondimento, interviste e rapporti, presumiamo che tutti mangino già vegani. Quindi non parleremo di quanto sia difficile cambiare il tuo comportamento, o di cosa dovresti fare con l’annuale barbecue di quartiere quando non ci sono più hamburger al supermercato. Riguarda il quadro più ampio: regolamentazione e salute nel nostro paese. Cosa accadrebbe se l’intera Olanda diventasse vegana? Scoprilo con noi.