QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Expo Lumilar mostra i volti dietro l’AIDS: “Ai tempi di Johann… (Lommel)

“Johan era un bambino solare, letteralmente e figurativamente. Aveva una visione molto positiva della vita, ma amava andare al sud”, ha detto Alda Lodewijks (65 anni) alla fine della conversazione. Non deve pensare per un secondo sulla data e il luogo della morte di suo fratello: 8 febbraio 1997 A UZA a Edegem. Aveva solo 31 anni. Quasi un quarto di secolo dopo, le cicatrici emotive sono ancora grandi, ma Alda e suo fratello Eddie, che ha 11 anni più giovane, non stanno rimuovendo la memoria.

“Eravamo in cinque in casa”, spiega. Johan era un altro della classe. Un ragazzo talentuoso e creativo, ha lavorato come informatico presso Antwerp Animal Feeding. In gioventù ha avuto alcune amiche ma siamo stanchi Non è stato sorpreso quando ha dichiarato di essere gay a 19 anni. Hai gestito bene anche questo. Ma mio padre e Jays non hanno funzionato. Non poteva cedere. Johan non è riuscito a gestire la situazione a casa e se ne è andato nel cuore della notte sul tetto piatto. Aveva un amico vicino a Turnhout e si è trasferito da lui”.

Svizzera

La foto della sorella di Johann Alda è una delle foto nella galleria. © Bob Reigners

Nostro padre è morto nel 1989. A sessant’anni, poco dopo il suo pensionamento. Penso che siano stati due volti che si sono visti per l’ultima volta. Per quanto ne so, all’epoca furono dette parole dure. Poco dopo la morte di mio padre, Johann si trasferì in Francia perché aveva conosciuto un amico svizzero. Lasciò il lavoro ad Anversa e andò a vivere ai confini di Francia e Svizzera. È tornato ad Anversa per l’ultima volta. Là ha passato una notte…”

(Eddie appeso) “Poco dopo si è scoperto che Johann aveva l’HIV. Tuttavia, quell’amico svizzero è rimasto con lui. Johann veniva regolarmente all’Istituto di medicina tropicale di Idigim per le cure. Lì ha un amico, Geert. Può sempre andare da lui con i suoi sentimenti. Poiché gli era stato permesso di stare con lui durante quei trattamenti. In Francia, è rimasto con il suo amico svizzero che lo ha ospitato. Tuttavia, a lungo termine non è più così”.

Ore

Mio fratello è tornato in Belgio per trasferirsi da mia madre. Dopo la trasfusione di sangue, scoppia e si arrossa di nuovo, ma gradualmente si indebolisce. Alla fine ha sofferto molto. Soffriva di due tumori al cervello e convulsioni. La notte della sua morte rimasi con lui in ospedale. (silenzio ingiusto) È stato… difficile. Johan non voleva andarsene. Era un uomo vivace, pieno di umorismo. In vista del 2000, una volta ha venduto orologi che erano in declino perché molte persone avevano paura di annunciare il Millennium Bug”. (sorriso di controllo)

porcellino d’India

Alcune immagini dalla galleria

Alcune immagini dalla galleria “Exposed”, che può essere vista ad Anversa a partire da questo fine settimana. © Luc Delemance

(Alda riprende il comando) “Johan è nato prematuro. La medicina è migliorata sempre di più nel corso degli anni. L’AIDS non è ancora uscito dal mondo, ma le possibilità di sopravvivenza sono notevolmente aumentate. Era in un programma di miglioramento dei farmaci. È stato una cavia, ma non ci importa. Al contrario. , ci dà conforto. Penso che sia un peccato che l’AIDS non fosse praticamente menzionato all’epoca. Enormi tabù pendevano, come se un malato di AIDS avesse commesso un crimine. Johann era molto bella persona, e purtroppo ha vissuto una vita molto breve”.

“Essere gay equivale a HIV e morire giovani”

Il fotografo Bob Regenders:

Il fotografo Bob Reigners: “Quando ho scoperto della mia omosessualità negli anni ’90, ero terrorizzato”. © luc daelemans

Il titolo della mostra si riferisce all’anno in cui il mondo ha appreso dell’HIV e dell’AIDS (1981) e il 2021. “Quarant’anni dopo, l’HIV e l’AIDS esistono ancora, e più di quanto molti pensino”, afferma Bob Reignders (41). Quando ho scoperto la mia omosessualità negli anni ’90 e ho visto le foto di malati di AIDS, ero terrorizzata. Per me, essere gay all’improvviso equivale all’HIV e alla morte dei giovani. A quel tempo, mia madre morente – che aveva la sclerosi laterale amiotrofica – mi parlò di un cugino che aveva l’HIV. Questo cugino, era Johan. Era il suo modo di dire, so che sei gay e va bene così. La sua urna è nel cimitero di Lommel di fronte a Johann. Ho una relazione stabile da 21 anni ormai e questo argomento è passato un po’ in secondo piano, ma a causa della serie britannica È un peccato Circa tre giovani gay sono tornati. E a causa di Corona. Si sente spesso dire che il Covid-19 è il primo virus a infettare le persone in tutto il mondo, ma dimentichiamo che l’HIV era già lì”.

Marie Laga, professoressa e ricercatrice presso l’Istituto di Medicina Tropicale, è una delle persone fotografate. E lo dice giustamente: “La gente ha smesso di fare sesso, non osava più. C’era una sorta di ansia di gruppo. Alcuni dovevano andare al funerale di un amico o di un collega quasi ogni settimana”.

81 | 21 Esposto alle immagini di Bob Reigners e ai racconti di Kathleen Jennen, 4/12 a Shamil. 12/30 (ven-dom 12-18), Galerie Keen, Fuggerstraat 26, Anversa. Il libro della mostra costa 35 euro. Maggiori informazioni tramite Pagina Facebook #bobreijndersphotographer
Marie Laga, ricercatrice presso l'Istituto di Medicina Tropicale.

Marie Laga, ricercatrice presso l’Istituto di Medicina Tropicale. © Bob Reigners

READ  Come il Covid-19 è diventato un rischio latente ma accettabile - Politica