QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Fototerapia contro la fatica nei sopravvissuti (non) Hodgkin

Il 24 marzo, Danielle Starrfield ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Leiden per la sua tesi dal titolo: “Terapia della luce per la fatica correlata al cancro nei sopravvissuti al linfoma (non) di Hodgkin”. I suoi supervisori sono la Prof. Dr. Emma Bleecker, la Prof. Dr. Er. FE Van Leeuwen. Il lavoro del Dott. L. Daniels come co-supervisore. Danielle Starrfield è attualmente ricercatrice post-dottorato presso Erasmus MC.

Qual è l’obiettivo della tua ricerca di dottorato?

La stanchezza dopo il cancro è comune nei sopravvissuti al linfoma di Hodgkin o al linfoma diffuso a grandi cellule B. Trattamenti come l’attività fisica e la terapia cognitivo comportamentale sono efficaci nel ridurre questo affaticamento. Lo svantaggio di questi trattamenti è che richiedono molta stimolazione da parte del paziente e/o una costosa guida professionale. Per questo motivo, è ancora interessante ricercare trattamenti alternativi. All’interno dello studio SPARKLE, abbiamo considerato la possibilità di utilizzare la terapia della luce come trattamento efficace per l’affaticamento persistente dopo il trattamento di questi tumori.

Cosa vorresti che l’ematologo sapesse della tua visita?

Abbiamo condotto uno studio randomizzato in cui metà dei partecipanti è stata esposta a una luce bianca brillante (interferenza) e l’altra metà a una luce bianca fioca (controllo). I nostri partecipanti sono stati trattati in media per 13 anni e avevano sempre affaticamento cronico. Questo ha un enorme impatto sulla loro vita quotidiana. Ci aspettavamo che l’intervento riducesse questo affaticamento, ma siamo rimasti sorpresi nel vedere che sia i partecipanti al gruppo di intervento che i gruppi di controllo hanno sperimentato una riduzione del loro affaticamento. Per una percentuale significativa di partecipanti, questa diminuzione era clinicamente rilevante. Questa diminuzione nell’intero gruppo è ovviamente molto importante, ma dobbiamo indagare ulteriormente quali parti del nostro protocollo di studio hanno portato a questo risultato positivo.

READ  I ricercatori vedono un aumento significativo della varicella tra i bambini

Qual è stata la parte più difficile della tua ricerca?

La parte più difficile di questa ricerca è stata, e rimane, la complessità della fatica post-cancro. Non conosciamo ancora realmente i fattori che assicurano che il paziente A svilupperà affaticamento dopo la diagnosi e il trattamento e che il paziente B no. Il fatto che non abbiamo riscontrato differenze tra il gruppo di controllo e quello di intervento può essere dovuto al fatto che l’orologio circadiano non è più interrotto nei sopravvissuti con affaticamento cronico dopo il cancro. I risultati positivi della fototerapia sono probabilmente dovuti alla sincronizzazione della luce tra l’orologio biologico e il mondo esterno. Quindi, se l’orologio biologico è già sincronizzato, non c’è molto spazio per rimettersi in forma. Tuttavia, è del tutto possibile che l’orologio biologico venga interrotto dal trattamento del cancro e che ciò influisca sullo sviluppo della fatica. In tal caso, la fototerapia durante il trattamento può aiutare a ridurre o prevenire l’affaticamento dopo il cancro.

Qual è stato il momento/l’intuizione che ha fatto la svolta?

Abbiamo anche condotto un questionario su sopravvissuti stanchi e non stanchi per vedere se i ritmi del sonno dei sopravvissuti stressati sono diversi da quelli di quelli non stanchi. Se l’orologio circadiano è disturbato e la fototerapia lo ripristina al mattino, ti aspetteresti che il ritmo del sonno delle persone stanche venga ritardato. Tuttavia, i risultati del nostro studio del questionario hanno mostrato che non c’era differenza nel ritmo del sonno dei sopravvissuti con o senza affaticamento. Abbiamo riscontrato differenze nella qualità del sonno. Quindi questo può svolgere un ruolo più significativo nell’affaticamento cronico nelle persone che sono state trattate per un periodo di tempo più lungo prima della diagnosi.

READ  Modifiche ai consigli RIVM: vaccinare le donne incinte con Moderna e Pfizer

Che cos’è per te una pubblicazione “da leggere”?

Il capitolo principale della mia tesi è l’articolo che descrive i risultati più importanti dello studio SPARKLE: “Terapia della luce per l’affaticamento correlato al cancro nei sopravvissuti al linfoma (non) Hodgkin: risultati di uno studio randomizzato controllato”.