QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Giro 2024: Tadej Pogacar raddoppia sull'Europa

Giro 2024: Tadej Pogacar raddoppia sull'Europa

Domenica 5 maggio 2024 alle 17:09

Tadej Pogacar ha segnato una doppietta nella seconda tappa del Giro d'Italia. Lo sloveno si è rivelato il più forte nella scalata finale verso l'Europa e ha strappato anche la rosa a Jonathan Narvaez. Daniel Felipe Martinez è arrivato secondo nella classifica di tappa, e Geraint Thomas è arrivato terzo.

Nuova edizione di Rivista di equitazione È disponibile ora! La nostra nuova edizione primaverile di 188 pagine è ricca di affascinanti storie di ciclismo su Mathieu van der Poel, Lotte Kubicki, Demi Wohlring, Sepp Koss e Matej Mohorek. Assicurati la tua copia e Ordinalo online adesso A soli 9,95 euro. Desideri ottenere un RIDE ad un costo aggiuntivo? Allora iscriviti adesso E ottieni uno sconto del 20%!

La prima vera tappa di montagna del Giro d'Italia 2024 non si è fatta attendere. Nella seconda giornata, la tappa è stata un successo con l'arrivo al Santuario d'Europa (11,8 km con il 6,2%), dove sette anni fa vinse Tom Dumoulin. Alla fine ha vinto. Tadej Pogacar, che sorprendentemente ha dovuto chinare la testa davanti a Jonathan Narvaez nella fase iniziale, seguirà le sue orme?

Cinque italiani davanti
La seconda tappa del Giro d'Italia è iniziata senza Robert Gesink, che ha avuto un incidente nella tappa iniziale e si è rotto una gamba. Senza lo sfortunato olandese, i corridori hanno picchiato gli stivali sui pedali alle 12:55. Ben presto emerse un gruppo pionieristico (interamente italiano). I fuggitivi si chiamavano Christian Scaroni (Astana Kazakistan), Andrea Piccolo (EF Education-EasyPost), Davide Paes (Bulti Cometa), Filippo Fiorelli e Martin Marcellusi (entrambi VF Group-Bardiani CSF-Faizanè).

READ  AG Insurance-Soudal viene promossa al WorldTour, Bas Tietema diventa una squadra di professionisti | Ciclismo

Le cinque moto sono circa cinque minuti avanti al gruppo. Lì, i Granatieri INEOS che indossano la rosa del Narváez e i favoriti di Pogacar negli Emirati Arabi Uniti dettano il ritmo. In vista del primo sprint intermedio della giornata, a 65 chilometri dal traguardo, le squadre di corridori si sono fatte avanti. Dietro il gruppo di testa, dove Filippo Fiorelli ha preso il massimo e ha aumentato ulteriormente il suo bottino, c'erano ancora tre punti, due punti e un punto da conquistare. Quelli sono andati rispettivamente a Caden Groves, Olaf Kueg e Caleb Ewan.

Fiorelli è arrivato terzo nella classifica a punti, ma è stato autorizzato a partire in viola – Foto: Cor Vos

Quigg si è schiantato
Non molto tempo dopo, lo stesso Quigg si innamorò, tra gli altri, di Eddie Dunbar. L'olandese è riuscito a proseguire per la sua strada, ma ha riportato danni, tra l'altro, al ginocchio e al gomito. Quindi ha dovuto farsi curare nell'auto del medico di gara. Visma | Successivamente il noleggio di una bicicletta vide anche la caduta di Attila Walther. Proprio come Quigg, l'ungherese è riuscito a continuare.

Nel frattempo è iniziata la seconda parte, la più difficile, con la prima salita della giornata. I punti Intergiro possono essere guadagnati in cima alla seconda pista. Anche qui Fiorelli è arrivato primo. Allora Andrea Piccolo ha pensato che fosse giunto il momento di volare. Il corridore di EF Education-EasyPost è partito da solo e ben presto si è trovato ben davanti ai suoi ex compagni.

Pogacar non vedeva l'ora – Foto: Cor Vos

Anche Piccolo inizialmente ha iniziato a rimanere indietro rispetto al gruppo. Ma quando gli INEOS Grenadiers sono finalmente subentrati agli Emirati Arabi Uniti – in particolare nella persona di Filippo Ganna – il gruppo si è rapidamente avvicinato di nuovo. In cima alla Nelva (3 km al 6,6%), penultima salita della giornata, Piccolo aveva ancora 1 minuto e 45 secondi da percorrere. C'è stato un altro incidente su questa salita. Domenico Pozzovivo è caduto per il secondo giorno consecutivo. L'italiano ha dovuto aspettare a lungo una nuova moto prima di poter dare la caccia.

READ  Visma-Lease a Bike aggiusta tattica: “Noi guardiamo dalla seconda fila, ma Van der Poel è ancora possibile”

Cade anche Pogacar
Questa non sarebbe stata l'ultima caduta, perché poco prima della salita finale… Tadej Pogacar è caduto. Il leader degli Emirati Arabi Uniti ha forato una gomma e ha richiesto una nuova ruota, poi è scivolato in ingresso di curva. INEOS Grenadiers è rimasto davanti, ma non sembrava aumentare il ritmo per approfittare della situazione. In uno sprint medio appena prima del piede, Geraint Thomas ha guadagnato altri due secondi. Pogacar è rientrato poco dopo e ha ripreso a muoversi agevolmente nei primi metri crescenti.

Lo ha fatto con l'aiuto di alcuni suoi colleghi, che hanno poi sostituito i Granatieri INEOS alla testa del plotone. Hanno aumentato un po' il ritmo, il che ha portato Piccolo a crollare a soli sei chilometri dal traguardo. Sarà tra i candidati in Europa. Daniel Felipe Martinez non sembrava essere in lizza per la vittoria, con il colombiano già alle corde mentre Rafal Majka stava ancora dettando il ritmo.

Pogacar attacca
Il polacco ha fatto questo per iniziare l'attacco di Pogacar. Lo sloveno ha accelerato a 4,5 chilometri dal traguardo. Ben O'Connor è stato l'unico che ha provato a resistere, ma il tentativo è stato di breve durata. Pogacar gettò rapidamente in mare l'australiano. Il leader degli Emirati Arabi Uniti ha continuato da solo, mentre Thomas è tornato da O'Connor. I due hanno visto il favorito allontanarsi lentamente ma inesorabilmente e tornare indietro dietro un gruppo di corridori.

Foto: Cor Foss

Uijtdebroeks è stato il primo a unirsi di nuovo, seguito da Michael Storer, Jan Hirt, Einer Rubio, Lorenzo Fortunato, Juan Pedro López e Daniel Felipe Martínez. C'era di nuovo anche Florian Lebowitz. Il tedesco ha iniziato a precedere Martinez.

READ  In diretta (mercoledì, 19:00). Hein Vanhaysbrouck ha grandi timori: “C'è un po' di panico, a gennaio le cose potrebbero mettersi terribilmente male” | Tazza di schizzo

Doppio colpo di Pogacar
Nel frattempo, O'Connor si è ritrovato… Il corridore del Decathlon AG2R è stato costretto a lasciare il secondo gruppo, così come prima avevano fatto Romain Bardet, Thimin Arensmann, Damiano Caruso, Antonio Tiberi e la maglia rosa Narvaez. L'ecuadoriano cederà la rosa a Pogacar. Lo sloveno ha tagliato il traguardo da solo con ampio margine, ben piazzandosi così nella classifica generale.

Di questi concorrenti, è stato Martinez – dopo un ottimo lavoro di Lebowitz – ad avere più forza nelle gambe nell'ultimo chilometro. È scattato al secondo posto davanti a Geraint Thomas. Sono arrivati ​​27 secondi dietro Pogacar. Fortunato e Liebowitz finirono nello stesso momento. Storer, Uijtdebroeks e Rubio hanno avuto mezzo minuto.