QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Giuseppe (59) e Saskia (60), detto Pino, portano l’Italia ad Anlu.  Un nuovo ristorante italiano apre le sue porte

Giuseppe (59) e Saskia (60), detto Pino, portano l’Italia ad Anlu. Un nuovo ristorante italiano apre le sue porte

Giuseppe ‘Pino’ Camera (59) e Saskia Schreiner (60) hanno trasformato un popolare caffè rustico in un ristorante italiano. Venerdì apre un nuovo punto di ristoro ad Anloo.

Un lungo bancone in legno, decine di bottiglie di vino italiano e quadri con mucche alle pareti fanno sentire gli ospiti come se fossero lì. La Fornacia Un connubio tra atmosfere italiane e trentine.

L’accattivante Vespa blu brillante di sessant’anni del ristorante si trova di fronte al bar. Meno evidente è il topo impagliato bollente, coperto da una lastra di vetro sotto il pavimento della cucina. Questa scena è un cenno Ratatouille E rappresenta i resti scoperti del rinnovamento: un topo morto.

Chiunque entri nell’edificio nel cuore del villaggio non riconoscerà il vecchio e popolare caffè del villaggio Popken-Hollander. Per più di 26 anni, l’ex proprietario John Peter Sikkema e sua moglie Tida hanno gestito il pub, che ti riporta indietro nel tempo.

Nel 2021 Sikkema ha deciso di mettere in vendita la proprietà a causa della sua età e della morte della moglie. Purtroppo non potrà più godere dei risultati della ristrutturazione. La scorsa settimana, una settimana prima dell’inaugurazione, è morto inaspettatamente.

Non molti osano rinnovare un bar datato. La proprietà rimase in vendita per un anno e mezzo prima che Giuseppe Camera diventasse il nuovo proprietario nel 2022.

Nonostante una grande e pesante ristrutturazione durata otto mesi, la telecamera e la fidanzata Saskia Schreiner sono esauste. “Stanco? No. Entrambi facciamo attività fisica e non fumiamo. Neanche beviamo molto. Se lavori nel settore della ristorazione, non riesci a tenere il passo”, afferma Camera.

READ  Quest'anno l'Italia sostituirà la Spagna nella distribuzione di mini angurie

Quarant’anni di esperienza

Dovrebbe saperlo, perché con quasi quarant’anni di esperienza, Kamera è un vero uomo della ristorazione. L’italiano è nato a Roma, dove ha frequentato la scuola alberghiera.

Quando arrivò nei Paesi Bassi, trovò lavoro come pizzaiolo presso Cantini a Groningen, la prima pizzeria nel nord dei Paesi Bassi. “Stavo mangiando una pizza quando il proprietario mi si è avvicinato. Sono italiano, mi ha chiesto se so fare la pizza. Quando ho risposto sì, sono stato subito assunto. Non mi vedo lavorare senza di lui.

Nove anni dopo, ha aperto il suo ristorante, Pizzeria Il Lago, vicino a Hornsmeer a Groningen. Uno stabilimento enorme con oltre 300 tavoli e tanto personale. Dopo 28 anni al timone, ha deciso che era abbastanza buono. Il figlio Daniel rileverà il negozio da dicembre.

“Era molto affollato. Ogni sera tornavo a casa stanco. Ho notato che non mi piaceva più. Quindi non mi piaceva più”, riflette la telecamera.

Non il solito ristorante italiano

Quindi la coppia del catering ora intende prendere le cose un po’ più facilmente. A differenza del Lago, Anlu può ospitare circa 36 persone. Non il solito ristorante italiano, ma di dimensioni più piccole e con un po’ più di qualità, la fotocamera e lo screener lo adorano. Per quattro giorni, dal giovedì alla domenica, si può mangiare lì.

“Più gente non entra, meglio è”, spiega. “Non lo facciamo per i soldi, ma per la passione. E per il divertimento. Altrimenti non durerai”

Vecchia cucina

Nome La Fornacia, Il termine “cibo antico” si riferisce ai piatti classici serviti. Scegli non da un menu infinitamente lungo, ma da alcuni tipi di pasta, pizza e dessert riconoscibili.

READ  L'Italia respinge con veemenza l'accordo dei due stati per Cipro razzialmente segregata

Niente asporto o consegna, promette Camera. “È spaventoso”, dice, consegnare il cibo su uno scooter. “E poi alla fine del viaggio c’è la pizza su un lato della scatola.”

Un milione di pizze

L’idea è che la fotocamera e lo screener funzionino prima in cucina. Fino a quando non sarà disponibile uno chef fisso. Il forno per la pizza diventa un punto fermo italiano. “Sono un bravo pizzaiolo”, dice con orgoglio. “Ho girato più di un milione di copie nella mia vita”, stima.

La coppia ha molti progetti per il futuro. Nei fine settimana oltre alla cena verrà eventualmente aggiunto il pranzo. In primavera ci sarà più spazio sulle due terrazze davanti e dietro l’edificio. Presto ci saranno quattro monolocali all’ultimo piano dove gli ospiti potranno pernottare. Oltre alle feste e ai matrimoni, la coppia vuole offrire anche un luogo di incontro per le associazioni del villaggio.

Come molte altre aziende di ristorazione, Camera and Screener è alla ricerca di dipendenti. Lo si vede anche dal grande poster giallo che ora adorna la vetrina. Lo sportello conta attualmente quindici dipendenti, soprattutto giovani dei villaggi di Anlu e Annen. La coppia vive nell’ultimo posto da un anno. Schreiner gestisce lì il suo bed and breakfast.

“Presto sarò solo”

Da venerdì prossimo accoglieranno gli ospiti. Nonostante anni di esperienza, la fotocamera è ancora entusiasmante.

“Non per possibili reazioni, intendiamoci. Ce n’è sempre una negativa. Fa parte del problema”, dice. “Ma sono particolarmente nervosa per il mio lavoro in cucina. Sono abituato a lavorare con otto persone. Ma presto sarò solo lì.

READ  Per una riunione d'emergenza a Mendes Italia, Ronaldo offre

Ma hanno piena fiducia in esso. Fioccano già le prenotazioni per le prime settimane. “L’ambiente guarda avanti. La gente è interessata e vuole venire a vedere”, dice Schreiner. “Tra poco qui non siederà più nessuno.”