QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli antibiotici appositamente progettati riducono l’infiammazione negli esami della prostata

Il cancro alla prostata viene diagnosticato da una biopsia prostatica, in cui vengono prelevati piccoli pezzi di tessuto dalla prostata. Durante tale biopsia, nella maggior parte dei casi il medico forerà la prostata attraverso l’intestino. I batteri intestinali possono causare infiammazione della prostata o delle vie urinarie. Per prevenire l’infezione, ai pazienti viene somministrato profilatticamente l’antibiotico ciprofloxacina. Ma questo farmaco non funziona per tutti i pazienti, perché i batteri intestinali stanno diventando sempre più insensibili ad esso. Il risultato è più infezioni dopo una biopsia prostatica, mettendo i pazienti a rischio di malattie gravi. Ciò può portare a setticemia, ricovero in ospedale e, in rari casi, morte.

Quindi i ricercatori del Radboud University Medical Center volevano vedere se sarebbe stato meglio prescrivere antibiotici appositamente progettati a pazienti i cui batteri intestinali sono resistenti al trattamento standard. Questo si è rivelato essere il caso, afferma la ricercatrice Dr. Sophie Topes: “Un gruppo di pazienti ha ricevuto un trattamento standard con ciprofloxacina. Nell’altro gruppo, abbiamo esaminato le persone che avevano batteri intestinali insensibili a questo farmaco. Quei pazienti hanno ricevuto antibiotici”. secondo gruppo, abbiamo visto il 2,5% delle infezioni entro sette giorni dalla biopsia, nel gruppo di trattamento standard il 4,3%.

Sei volte il rischio di infezione

Quando i ricercatori hanno esaminato solo il gruppo che ha ricevuto l’antibiotico standard, è emersa una chiara differenza. Lì, il 14,7% degli uomini con batteri intestinali non sensibili è stato infettato, rispetto al 2,4% degli uomini con batteri intestinali sensibili. Ciò significa che i pazienti con batteri intestinali refrattari che hanno ricevuto l’antibiotico standard avevano sei volte più probabilità di sviluppare un’infezione dopo una biopsia prostatica rispetto ai pazienti con batteri intestinali sensibili. C’è una grande differenza, concorda Tobs. “Questo indica che gli antibiotici dedicati possono contribuire a ridurre l’infiammazione dopo una biopsia prostatica”.

READ  Vivere con l'acufene: ``Non vorrei che potesse succedere al mio peggior nemico.''

Tuttavia, alcuni pazienti che hanno utilizzato un antibiotico dedicato hanno ancora lottato con l’infezione. Taubs e i suoi colleghi sospettano che ciò sia dovuto alla quantità di batteri intestinali. “Vogliamo indagare ulteriormente su questo. C’è anche un altro modo per ridurre il rischio di infezione. Si è dimostrato efficace per pulire l’intestino con iodio prima dello studio. E non lo stiamo facendo abbastanza. Se combiniamo questo con antibiotici appositamente progettati , può ridurre significativamente il rischio.” Questo è importante non solo nei Paesi Bassi, ma anche nel resto del mondo, dove la resistenza agli antibiotici è un problema enorme in alcune parti.”

Scritto da: Manuale di assistenza nazionale