QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli enormi depositi di fosfato della Norvegia potrebbero soddisfare la domanda globale di fertilizzanti, pannelli solari e batterie per auto elettriche “per i prossimi 50 anni”

Gli enormi depositi di fosfato della Norvegia potrebbero soddisfare la domanda globale di fertilizzanti, pannelli solari e batterie per auto elettriche “per i prossimi 50 anni”

In Norvegia è stato scoperto un enorme deposito sotterraneo di roccia fosfatica di alta qualità, descritto da Norge Mining come il più grande del mondo. Ci sarà abbastanza roccia fosfatica per soddisfare la domanda globale di fertilizzanti, pannelli solari e batterie per veicoli elettrici (EV) “per i prossimi 50 anni”.

Perché questo è importante?

Nei prossimi anni, sulle strade appariranno sempre più auto elettriche. Deve essere alimentato da energia rinnovabile. Tuttavia, per realizzare questo cambiamento sono necessarie enormi quantità di materie prime, compresi i fosfati. Dopotutto, il fosforo può essere prodotto da questo ed è un componente di pannelli solari, batterie per veicoli elettrici e soprattutto fertilizzanti.

Nelle news: In Norvegia sono stati scoperti depositi di fosfato per circa 70 miliardi di tonnellate. questo è il destino Tutte le fonti di fosfato conosciute nel mondo insieme.

  • Norge Mining ha effettivamente scoperto la roccia fosfatica nel 2018. Inizialmente si pensava che si trovasse a 300 metri sottoterra, ma alla fine la società ha scoperto che il deposito era almeno quindici volte più profondo, fino a circa 4.500 metri.
  • “Non appena l’abbiamo capito, abbiamo eseguito due programmi di perforazione in due regioni. E in quelle due regioni… abbiamo scoperto due fonti di livello mondiale, insieme che hanno fornito una fornitura di risorse per almeno 50 anni”, ha affermato Michael Wurmser , fondatore di Norge Mining. Euroattivo.
  • Ma potrebbero esserci più gemme. Tuttavia, al momento è impossibile perforare a profondità di 4.500 metri, quindi la valutazione è stata condotta solo a una profondità di 1.500 metri.
  • Oltre ai fosfati, nei sedimenti sono stati rilevati anche vanadio e titanio. Wurmser non ha menzionato le quantità ingerite. Il titanio, grazie alla sua elevata resistenza alla corrosione e alla sua capacità di sopportare grandi fluttuazioni di temperatura, viene spesso utilizzato nell’industria aeronautica e missilistica. Il vanadio è anche ampiamente utilizzato nell’aviazione e nella produzione di acciaio inossidabile.
READ  L'antiphishing sta dando i suoi frutti, ma attenzione: in aumento altre forme di frode | l'interno

Dai fosfati al fosforo

E adesso: Ora che le quantità in gioco sono state determinate, Norge Mining vuole passare alla fase mineraria.

  • disse Wurmser Euroattivo Tutti i prerequisiti per ottenere un permesso sono stati soddisfatti. Tra l’altro, l’azienda ha già condotto studi di fattibilità economica. Si dice anche che il governo norvegese abbia già dato la sua benedizione.
  • Secondo Wurmser, anche l’Unione Europea deve essere convinta dell’importanza strategica della scoperta. Sebbene la Norvegia non sia membro dell’Unione Europea, fa parte di una serie di progetti commerciali europei, tra cui l’Associazione europea di libero scambio (EFTA), lo Spazio economico europeo (SEE) e l’area Schengen.
  • La Commissione europea considera la roccia fosfatica secondo Legge sulle materie prime critiche (CRMA), un disegno di legge con cui l’Unione Europea cerca di tutelare l’approvvigionamento di materie prime chiave, in quanto “critiche”, piuttosto che “strategiche”. I progetti di estrazione di materie prime che rientrano in quest’ultima categoria ottengono i permessi più rapidamente.
  • Secondo Wurmser, anche i fosfati dovrebbero essere classificati come strategici, perché la sostanza consentirà all’Europa di diventare più indipendente. Inoltre, la lavorazione del fosfato in Europa può essere prodotta in modo più rispettoso dell’ambiente che in paesi come la Cina e il Vietnam, afferma.
  • Dopotutto, durante il processo viene rilasciato molto carbonio, ma poiché gli standard ambientali sono più elevati in Norvegia, durante la lavorazione verranno utilizzate tecnologie di cattura del carbonio, afferma Wurmser. “I fosfori provenienti da Cina, Vietnam e Kazakistan non rendono necessariamente i pannelli solari un prodotto ecologico”.
READ  Bloomberg: Apple posticipa il suo visore per realtà mista dopo problemi di sviluppo

(Acronimo II.)