QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli scienziati trovano un uomo con tratti diabolici sul viso

Gli scienziati trovano un uomo con tratti diabolici sul viso

L'uomo in questione soffre di una condizione piuttosto rara – chiamata “prosopometamorfopsia” – in cui i volti vengono visti distorti (a volte in modo grave). Ciò che rende speciale quest'uomo è che vede i volti sulla carta o sullo schermo così come sono. Ciò ha suscitato l'interesse degli scienziati.

La prosopometamorfopsia è una condizione in cui le persone vedono i volti in modo distorto. Ad esempio, queste persone possono percepire la forma, la dimensione, il colore e anche la posizione dei tratti del viso (come gli occhi, la bocca e il naso) in modo diverso da quanto percepiscono in realtà. Le persone possono sviluppare la condizione più o meno spontaneamente e quindi può colpirli per giorni, settimane o talvolta anche anni.

Fisicamente e sullo schermo
Normalmente, per le persone affette da cecità facciale, tutti i volti che vedono sono distorti. Ma gli scienziati hanno ora scoperto un paziente di 58 anni che ha una percezione distorta dei volti delle persone che incontra fisicamente – i loro volti assumono tratti diabolici, ad esempio con occhi e bocca ampiamente estesi – ma vede i volti sullo schermo o sulla carta come sono.

Opportunità
È speciale. Ma non solo; Fornisce anche opportunità. In questo modo il paziente permette ai ricercatori di ricostruire esattamente cosa vede l’uomo quando vede un volto turbato. “Negli studi precedenti su questa condizione, i pazienti con deturpazione facciale non erano in grado di valutare quanto la percezione della loro deturpazione ora corrisponda a ciò che vedono, perché anche la percezione è un'immagine del viso e quindi anch'essa distorta dai pazienti.” spiega il ricercatore Antonio Melo.Ma il paziente di 58 anni, intervistato di recente dai ricercatori, vede i volti sullo schermo così come sono, e può quindi giudicare bene se la percezione del volto disturbato visualizzato sullo schermo corrisponde ai volti disturbati delle persone che incontra fisicamente nella sua percezione.

READ  Il più forte attacco militare da dicembre

Visualizzazione
E così i ricercatori si sono messi al lavoro. Hanno scattato una foto del volto della persona. Hanno poi messo quella persona nella stanza con il paziente di 58 anni, in modo che lo incontrasse fisicamente e vedesse così il suo volto in modo distorto. Allo stesso tempo, al paziente è stata mostrata l'immagine catturata sullo schermo e ha dovuto descrivere in che modo il volto (non disturbato) nell'immagine differiva dal volto (disturbato) della persona che aveva incontrato fisicamente. I ricercatori hanno quindi utilizzato un software per computer per regolare l'immagine in base alle differenze riportate dal paziente in modo che assomigliasse sempre più al volto distorto che il paziente di 58 anni vedeva quando guardava la persona nella vita reale. Il risultato è stato una visualizzazione molto accurata del volto distorto che il paziente vedeva.

Qui vedete le immagini generate al computer del volto sfigurato di un uomo (in alto) e del volto di una donna (in basso), come visto dall'uomo di 58 anni in questo studio. Foto: A. Melo et al.

notizia in anticipo
Ricerca – pubblicata sulla rivista Il bisturi – Pertanto, rivela in modo molto accurato come un paziente con dismorfismo facciale vede i volti. Questa è la prima volta, secondo i ricercatori. Ci fornisce anche una visione unica di ciò che devono affrontare i pazienti con deformità prosopometriale. Perché può fare molta paura vedere volti (seriamente) disturbati da un momento all'altro. Inizialmente era scomodo anche per il 58enne, ha detto ai ricercatori. Ma ormai – soffre di prosopagnosia da circa 31 mesi – ci è abituato. Non è chiaro cosa gli abbia causato lo sviluppo del prosopometamorfismo.

I ricercatori sperano che il loro studio susciti maggiore interesse per il fenomeno della prosopometamorfopsia. Questo è assolutamente necessario; Questa condizione è così rara che persino gli specialisti a volte non sanno cosa farne. “Abbiamo sentito parlare di molte persone con disabilità visive a cui è stata diagnosticata la schizofrenia da psichiatri e a cui sono stati prescritti antipsicotici anche se la loro condizione rappresenta un problema con il sistema visivo”, ha detto il ricercatore Brad Duchaine. “Inoltre, non è raro che le persone con prosopagnosia evitino di parlare agli altri dei loro problemi con la percezione facciale perché temono che gli altri pensino che le loro percezioni distorte indichino un disturbo psicologico. È un problema che le persone spesso non capiscono”.

READ  Il tribunale ha condannato in appello il proprietario olandese di due cani che mordono a una pena detentiva più severa al di fuori