QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

HIPRA › Ecco perché l'effetto della vaccinazione Mhyo è maggiore |  Pigbusiness.nl

HIPRA › Ecco perché l'effetto della vaccinazione Mhyo è maggiore | Pigbusiness.nl

A livello mondiale, il Mycoplasma hyopneumoniae rientra nella categoria degli agenti patogeni difficili da trattare e che causano molti danni economici. Il danno economico deriva da scarsi risultati di produzione, alti costi dei farmaci e mancanza di standardizzazione. L'impatto della vaccinazione Mhyo è maggiore se personalizzi attentamente la tua strategia di vaccinazione per adattarla alla situazione della tua azienda.

Molte ricerche sono ancora in corso su questo batterio perché la vaccinazione senza misure aggiuntive non sembra sufficiente a ridurre i danni. Tra i risultati più importanti raggiunti dalla ricerca scientifica ricordiamo i seguenti:

  • L’infezione da Mio riduce le difese locali, consentendo ad altri agenti patogeni di causare danni ai polmoni.
  • Le misure di biosicurezza, come un lavoro accurato e approfondito e l’uso di servizi di pulizia e disinfezione, sono importanti per mantenere bassa la pressione delle infezioni.
  • La vaccinazione ha valore aggiunto solo se utilizzata in modo tempestivo.
  • I maialini sono la fonte di infezione per i suini.

I maialini sono spesso una fonte di infezione da micoplasma in un allevamento di suini

Trasmissione dell'infezione da Polmonite da micoplasma Si verifica per contatto naso a naso e per brevi distanze attraverso l'aria. In pratica, troviamo che i suinetti sono solitamente la principale fonte di infezione dei suini. Pertanto l'origine dell'infezione da Mhyo in un allevamento di suini risiede effettivamente nell'allevamento, dove il batterio viene trasmesso da maiale a maialino e poi da maialino a maialino. Più cucciolate infette ci sono nella sala parto, prima e più velocemente l'infezione si diffonderà nei suinetti svezzati.

Per ridurre il ruolo dei suini come fonte di infezione, è essenziale creare un allevamento di suini stabile. Un allevamento di suini stabile significa che non ci sono infezioni Meio attive e quindi i maiali non espellono il batterio. Possono essere necessari fino a più di 200 giorni affinché Mhyo venga escreto da un maiale infetto. Le scrofette sono spesso libere da Mhyo quando arrivano all'allevamento di suini. Se poi vengono infettati da Mhyo in stabulazione in gruppo, possono espellere i batteri per lungo tempo e diffondere così l'infezione ad altri suini con uno stato immunitario inferiore e anche ai suinetti nel recinto di allevamento. Ciò crea una situazione instabile.

READ  Vincent van Gogh nel podcast Psicopatologia | Bill e Messa

Cosa aspettarsi dalla vaccinazione Mhyo?

I vaccini non sono una panacea, ma fanno parte del pacchetto di misure necessarie per ridurre i danni causati da questa malattia infettiva. La vaccinazione non può prevenire l’infezione da Mhyo, ma comporta meno sintomi clinici, danni polmonari meno gravi e quindi minori perdite di produzione. Anche la vaccinazione svolge un ruolo nel ridurre la pressione delle infezioni sull’azienda

Il vaccino Mhyo è ora una vaccinazione standard per i suini. Nelle società di diffusione, l'ordine proviene solitamente dall'acquirente. La vaccinazione Mhyo fa parte del programma di vaccinazione standard negli allevamenti indoor. In condizioni pratiche, un piccolo numero di suini viene sempre infettato. Con una bassa pressione di infezione, un buon clima stabile, un’occupazione normale, ecc., i disturbi clinici e le perdite di produzione saranno minori. Minore è la mescolanza e il minor numero di animali nella gabbia, più lenta è la diffusione dell'infezione da miagola.

Come possiamo migliorare la vaccinazione Mhyo?

Per scegliere la strategia di vaccinazione adeguata nell'allevamento, è importante sapere quando si verifica l'infezione da Mio, quanto è alta la pressione dell'infezione, da dove proviene l'infezione e in che misura i suinetti sono protetti dall'infezione. Possiamo rispondere ad alcune di queste domande con esami del sangue. La quantità di anticorpi nei suinetti, nelle scrofe, nei suinetti e nei suini da ingrasso di diverse età ci dice quali gruppi di animali hanno acquisito l'immunità, quanta immunità materna assorbono i suinetti e il momento approssimativo dell'infezione.

Il primo aspetto da tenere in considerazione è il tempo previsto dell’infortunio. È preferibile vaccinare almeno quattro settimane prima dell'infezione in modo che i suini abbiano tempo sufficiente per sviluppare l'immunità. Il rovescio della medaglia è che si vuole vaccinare il più tardi possibile per provare il minor disagio possibile derivante dall’intervento materno. Ciò significa che gli anticorpi materni anti-Mhyo che i suinetti assorbono attraverso il colostro possono ridurre l'efficacia del vaccino Mhyo. La quantità di anticorpi materni nel sangue del suinetto diminuisce con l'età. Quando vaccinato a quattro settimane di età, qualsiasi intervento materno è molto meno probabile rispetto a quando viene vaccinato a due settimane di età.

READ  L'effetto del vaccino antinfluenzale è migliore del previsto

Sebbene un suinetto sia già infetto nel recinto parto, la maggior parte dei suinetti sembra essere stata infettata da Mhyo solo alla fine del periodo in batteria e nell'area di alimentazione. In questi casi, i tempi di vaccinazione dei suini possono dipendere principalmente dal livello di immunità materna. Se le scrofe e le scrofe trasmettono molti anticorpi attraverso il colostro (anche a causa dell'effetto della vaccinazione dei suinetti), è meglio che i suinetti vengano vaccinati in età leggermente successiva, ad esempio intorno alle quattro-cinque settimane di età.

Vaccinazione intradermica

Esistono vaccini che possono essere somministrati per via intradermica senza ago e provocano solo una reazione vaccinale minore o nessuna reazione. Il vaccino viene iniettato nella pelle utilizzando un dispositivo di iniezione. Poiché non è presente l'ago, i suini sperimentano meno stress e dolore e c'è meno rischio di diffondere germi. Inoltre, la pelle contiene molte cellule immunitarie, il che significa che il vaccino viene assorbito immediatamente, determinando una risposta immunitaria rapida ed efficace.

Se sei interessato a conoscere l'impatto della vaccinazione sulla tua azienda o sulla condizione del tuo allevamento di suini: contatta uno dei nostri specialisti; Josine Beck +31 6 8299 1395 oppure Erik van Esch +31 6 1431 0007