QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I potenti assoli di Longo Borghini per vincere alla Parigi-Roubaix polverosa | Parigi-Roubaix Donne 2022

La campionessa italiana Elisa Longo Borghini ha vinto la seconda Parigi-Roubaix. Il ciclista Trek-Segafredo è stato intelligente, potente e si è fermato in un istante quando ha appena catturato un gruppo di testa con Lotte Kopecky. L’italiano non ha permesso a nessuno di tornare. Lotte Kobeki è scattata al secondo posto nel gruppo di inseguimento.

Parigi-Roubaix in poche parole

  • Il vincitore di oggi: Elisa Longo Borghini è stata senza dubbio la donna più potente in gara. Il suo team Trek-Segafredo ha controllato gran parte della gara e ha protetto la moto della modella italiana, tanto che la finale non è stata proprio entusiasmante.
  • Il perdente di oggi: Lotte Kubicki è stata chiaramente la prima a vincere, ma ha preso il secondo posto. La nostra connazionale ha lanciato l’attacco lei stessa, ma ha avuto pochissima libertà di movimento e ha avuto solo il supporto di Chantal van den Broek-Black all’interno di SD Worx.
  • notevole: Con Lizzie Deignan (Gravidanza) e Marianne Vos (Corona), mancavano i numeri 1 e 2 della prima edizione della Paris-Roubaix for Women. Longo Borghini è arrivata terza sul podio nell’ottobre dello scorso anno, quindi la logica è stata rispettata con la sua vittoria di oggi.

La corsa ha slancio dall’inizio

Poco prima dell’inizio, Vos ha dovuto ritirarsi a causa di un test corona positivo. Sfortuna per uno dei principali contendenti, ma la gara non aspetta nessuno. Allo stadio locale di Denin, corri sul posto.

Cinque piloti hanno fatto un giro insieme, a circa due minuti di distanza. Dopo tre sezioni acciottolate, rimase solo Irat e non vivrà a lungo. Van Dijk ha schiacciato il tedesco, il che ha reso la gara estremamente difficile per l’impressionante team Trek-Segafredo.

La formazione ha dovuto cambiare i suoi piani quando lo stesso Van Dyck ha forato un pneumatico e ha sprecato secchi di carburante per tornare in testa. SD Worx, quell’altro potente blocco, ha preso il comando in vista della famigerata striscia di Mons-en-Pévèle. Van den Broek-Blaak ha aperto le discussioni sui big.

Fortissimo Longo Borghini e Trek Segafredo

Kopecky ha aggiunto agli sforzi del suo compagno di squadra. Solo Bastianelli e con un po’ di ritardo Brand sono riusciti a rispondere all’attacco del nostro connazionale. Tuttavia, gli inseguitori si sono resi conto del pericolo e hanno tenuto corto il gruppo di testa.

Intanto Balsamo è deragliato. Dopo la sfortuna, il campione del mondo è rimasto appeso a una bottiglia d’acqua per troppo tempo e gli è stato permesso di fare le valigie. Anche Trek-Segafredo non ha superato quella battuta d’arresto. Quando il gruppo di Kopecky fu catturato, Longo Borghini lanciò un altro attacco. In un istante, ho ricevuto un bonus di mezzo minuto.

SD Worx non aveva abbastanza persone per organizzare adeguatamente l’inseguimento. È rimasto con i power-up di Kopecky e Van den Broek-Blaak, con Trek Watchdogs Brand e Van Dijk al collo. Longo Borghini non si è indebolito per un secondo, nemmeno al Carrefour de l’Arbre, ed è partito senza essere minacciato dalla vittoria.

Longo Borghini: “Pensavo di non essere pronto”

Elisa Longo Borghini si è allontanata dopo il finale. “Sembra incredibile. È stato difficile perché ho avuto la sinusite per un mese. Non potevo esibirmi come volevo. Sapevo di poter fare di meglio ed è stato frustrante”.

“Prima di tutto devo ringraziare il mio amico Jacobo (Mosca) e i miei genitori e nipoti. Mi hanno tenuto alto il morale. Voglio anche ringraziare Trek-Segafredo per aver continuato a fidarsi di me. Pensavo di non essere pronto per questa gara , ma hanno detto che potevo. E avevano ragione. “

“Spero di portare tutti i miei compagni di squadra sul podio – ha detto Longo Borghini – è stata davvero una buona prestazione di squadra”. “Anche un po’ per Elisa (Balsamo), che è stata lasciata fuori. Le regole sono regole, ma a volte basta una bottiglia di Collet così”.

Brand: “Cano Longo Borghini sarà pronto”

Lucinda Brand, compagna di Lungo Borghini, è partita con Kubicki e Marta Cavalli. Di per sé è stato bello iniziare su alcune delle sezioni acciottolate di quel gruppo”, ha detto Brand. “Questo risparmia molta tensione. Non ero sicuro di come avrei potuto vincere questo girone. A questo proposito, non era la situazione ideale per noi come squadra. Quando siamo stati riportati indietro, Elisa è partita subito. Perfetto .”

“Siamo molto felici con 1 e 3. Devo dire che sapevo che sarebbe stata pronta. Una settimana senza gare e stare a casa le avrebbe fatto bene”.

Controlla i commenti:

  1. 15:00 46. Kopecky 2°. Kopecky sfrutta la sua esperienza in pista e conquista il secondo posto e il marchio completa il podio. †
  2. 15h45 La partita è finita
  3. 15:45 Elisa Longo Borghini vince il secondo Campionato Femminile Parigi-Roubaix.

    Elisa Longo Borghini vince il secondo campionato femminile Parigi-Roubaix

  4. 15 ore 44. Longo Borghini si gira in pista. Marcia della vittoria per l’italiano, che completerà la sua carriera solista di circa 35 km. †
  5. 15 ore 40. Conto alla rovescia per chilometri. Gli inseguitori sono secondi e Longo Borghini si sta già divertendo. †
  6. 15h 37. L’ultimo selciato di quel giorno è alle nostre spalle. Longo Borghini in viaggio verso i fiori. †
  7. Williams Hem. Longo Borghini va a ritmi molto equilibrati e continua a difendere con vigore i suoi progressi. † 15:00 34.
  8. 15 ore 31. Van den Broek-Blaak si riprende gli inseguitori, ma ha già dato molto. Dieci chilometri dalla fine non bastano. †
  9. 15 ore 28. Solo la sfortuna o un incidente possono impedire a Elisa Longo Borghini di vincere la partita Parigi-Roubaix. La differenza ora si somma rapidamente. †
  10. 15:00 27. Qualcuno di Trek-Segafredo guida costantemente tra noi. Questo è frustrante. nel mezzo.
  11. 15 27. Van Dijk e Brand sono i portieri perfetti per Longo Borgini a Gruson.

    Van Dijk e Brand sono perfetti osservatori di Longo Borghini in Gruson

  12. Groson. Van Dijk e Brand sono le guardie del corpo perfette per Longo Borghini. Kopecky deve cercare l’appoggio di Cavalli, mentre Trek-Segafredo ha la strada alle pinze. † 15 h 26.
  13. 15 ore 24. Kopecky ci prova al Carrefour de l’Arbre, ma Longo Borghini resiste.

    Kopecky ci prova al Carrefour de l’Arbre, ma Longo Borghini resiste

  14. 15 ore 23. Nessun segno di debolezza a Longo Borghini. Van den Broek-Blaak sembra essersi arreso e Kopecky sta essenzialmente portando con sé le persone di Trek-Segafredo. †
  15. Carrefour de l’Arbre. Scotch e ricci sono le pietre di Carrefour de Larp. Se gli stalker volevano sistemare le cose, potrebbe essere necessario farlo qui. Kubiki se ne rende conto. † 15 h 22.
  16. 15 ore 20. La frusta non ha rallentato molto Longo Borghini del resto. Le pietre di Camphin-en-Pévèle non facevano davvero la differenza. †
  17. 15h 20. Campin-in-Biffel perde, Porgini sbaglia l’angolo e va a sbattere contro Peloton.

    Campvin-in-Biffel subisce una sconfitta, sbaglia Borghini in angolo e va a sbattere contro Peloton

  18. Campvin su Bevel. Mentre Van den Broek-Blaak scava ancora una volta più a fondo nel suo arsenale, Longo Borghini perde il suo ruolo. Questo costa energia e tempo agli italiani. † 15 h 18.
READ  Biglietti distribuiti: quando i club belgi accederanno al Campionato Europeo? † Jupiler Pro League