QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I tre principali arbitri che offrono lo scoop dei Mondiali: “I calciatori di solito sono più tranquilli con me. Le regole sono le stesse ovunque” | Coppa del Mondo

Coppa del mondo di calcioLa FIFA ha annunciato gli arbitri, gli assistenti arbitrali e gli assistenti video (VAR) che dovrebbero arbitrare la Coppa del Mondo in Qatar alla fine di quest’anno. Tre arbitri donne. Presentazione di Stephanie Frappart, Yamashita Yoshimi e Salima Mukansanga.

Per la prima volta, tre arbitri donne prenderanno parte alla più grande festa calcistica del mondo. Questo onore va a Yamashita Yoshimi dal Giappone, Stephanie Frappart dalla Francia e Salima Mukansanga dal Ruanda. Con il ritorno di Nyoza dal Brasile, Kathryn Nesbitt dall’America e Karen Diaz Medina dal Messico, sono stati nominati anche tre assistenti arbitrali.


citazioni

Mi auguro che in futuro la selezione delle arbitri femminili per i tornei maschili sia vista come una normalità e non più qualcosa di entusiasmante. Meritano di essere in Coppa del Mondo perché si esibiscono costantemente ad alto livello.

Pierluigi Colina

“Siamo lieti di poter selezionare per la prima volta nella storia arbitri donne”, ha dichiarato Pierluigi Collina, Presidente della Giuria FIFA. “Questa è la fine di un lungo percorso iniziato diversi anni fa con la nomina di arbitri donna per i tornei junior e senior. In questo modo confermiamo che per noi è importante la qualità e non il genere di una persona. Mi auguro che nel In futuro la selezione delle arbitri femminili nei tornei maschili sarà vista come normale e non più entusiasmante. Meritano di essere in questo Mondiale perché si esibiscono costantemente ad alto livello”.

Chi sono Frappart, Yoshimi e Mukansanga?

Stephanie Frappart La partita finale tra Stati Uniti e Olanda all’ultima Coppa del Mondo femminile del 2019 ha fischiato ed è considerata una delle migliori, se non la migliore arbitro donna al mondo. Ma anche la 38enne francese non è pronta per essere testata nel calcio maschile. A livello nazionale, ha già guidato 129 partite in Ligue 2 e Ligue 1, i due campionati di calcio più alti in Francia. Tra gli altri, Marsiglia Lione, un classico spesso caldo, completato con successo.

La penetrazione internazionale era inevitabile. Nel 2019 Frappart, meglio conosciuto come il cannibale in campo, è stato selezionato per la Supercoppa Europea tra Liverpool e Chelsea. Jurgen Klopp ha poi elogiato, dicendo: “Se avessimo giocato e avesse fischiato, avremmo vinto 6-0”. Il vertice è arrivato nel contesto del club un anno dopo: il 2 dicembre 2020 è diventata la prima donna ad arbitrare una partita di Champions League, ovvero Juventus e Dynamo Kyiv.

“La discussione da uomo a uomo a volte è difficile. Frappart spiega la differenza tra arbitri donne e uomini. “Per me, i giocatori di football di solito sono più calmi”. Non si sente una pioniera. “Scrivere la storia e abbattere le barriere, questo è non quello che faccio. Sto solo facendo il mio lavoro”.

Stephanie Frappart. © Reuters

Stephanie Frappart è stata una pioniera in Europa, Yamashita Yoshimi Lei è la sua controparte asiatica. La 36enne giapponese è stata la prima donna ad arbitrare una partita della AFC Champions League il mese scorso. In precedenza ha anche giocato con il Tottenham Hotspurs nel calcio femminile, inclusa la Coppa del Mondo 2019 in Francia.

Un nuovo passo è stato subito seguito dalla programmazione dei Mondiali in Qatar. Yoshimi ha iniziato a governare nel 2016 all’età di 30 anni e si dice che non sia timido nel pescare carte. Dall’inizio della sua carriera, è stata solitamente assistita da due assistenti permanenti Makoto Bozono e Naomi Teshirogi.

Non saranno presto in Qatar, ma con Neuza Back, Kathryn Nesbitt e Diaz Medina ci sono anche 3 donne su 69 assistenti designate per la Coppa del Mondo. Yoshimi sa che lo standard è alto. “Prepararsi per le gare maschili non è facile mentalmente e fisicamente, ma faccio del mio meglio in ogni partita”.

L’arbitro capo Pierluigi Collina ha detto che la nomina di arbitri donne come Yoshimi è solo l’inizio. “Spero che in futuro diventi più normale per le donne guidare le partite importanti degli uomini. Se lo meritano presto i tre arbitri che parteciperanno ai Mondiali. “La qualità ha la precedenza sul genere”, dice Collina.

Yamashita Yoshimi.

Yamashita Yoshimi. © Reuters

Nessun sogno è troppo grande per lui Salima Mukansanga (33). La prima arbitro donna assegnata a una partita in un importante torneo internazionale di calcio maschile. Alla Coppa d’Africa all’inizio di quest’anno, ha guidato Zimbabwe-Guinea nella giusta direzione, tranne per quel momento in cui voleva dare un cartellino giallo al portiere dello Zimbabwe che ha perso tempo, ma non è riuscita a trovare quello. Poco prima, era caduto dalla tasca del suo petto. Il Ruanda ha partecipato in precedenza ai Giochi Olimpici di Tokyo e ai Mondiali femminili in Francia.

La Federcalcio ruandese ha rifiutato Mukansanga come calciatore attivo in gioventù perché era ancora troppo giovane – andava ancora a scuola – quindi ha deciso di studiare lei stessa le regole del gioco. Un anno dopo, ha ricevuto il suo badge come arbitro, oltre a un diploma in infermieristica e ostetricia. Pian piano è cresciuta: nel 2008, all’età di vent’anni, era già in testa alle partite della Premier League ruandese.

Ha raccolto buone segnalazioni anche a livello internazionale, anche se ha risposto non certificando il suo premio di Coppa d’Africa. “Ho pensato che forse avevano sbagliato il nome”, ha detto. “Ma so di potercela fare. E voglio mostrarlo al mondo intero. Una donna può fischiare con successo una partita maschile. Dopotutto, le regole del gioco sono le stesse ovunque. Spero che la mia storia ispirerà altre donne ora .”

Salima Mukansanga.

Salima Mukansanga. © Reuters

Ecco una panoramica completa di tutte le referenze:

Chiunque cerchi rappresentanti belgi nell’elenco seguente, che consiste in 36 riferimenti principali, 69 ausiliari e 24 VAR, vale la pena. Così, i nostri Red Devils sono diventati gli unici belgi che hanno dovuto preservare l’onore nazionale in Qatar. L’ultimo arbitro belga presente al Mondiale è stato Franck de Bleecker. Fischio per i Mondiali 2006 e 2010.

†

© FIFA


READ  Il giovane Ethan Vernon ottiene una rapida vittoria con una mossa Alpha Vinyl in Catalogna | Tour della Catalogna 2022