QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I vacanzieri D66 vogliono un test di impegno | BNR Notizie RadioNR

“I test al ritorno sono troppo pochi, troppo tardi”, afferma il rappresentante D66 Jan Paternotte. Paternote risponde ai piani del ministro Hugo de Jong, che vuole mettere alla prova tutti al ritorno dalle vacanze. Paternote sostiene misure più rigorose in un contesto europeo e test obbligatori.

“Il test è sempre una buona idea, la domanda è se è troppo poco, troppo tardi. Testerai le persone quando tornano a casa, e ci sono paesi che lo fanno in modo diverso, come la Germania. Se vieni dal Portogallo, dovresti essere testato e all’arrivo andrai anche in quarantena. , i Paesi Bassi non fanno nulla di tutto ciò, ma invece puoi fare un autotest attraverso la cassetta delle lettere, e questo è un approccio un po’ diverso. Penso che sarebbe più efficace se lo coordiniamo a livello europeo e lavoriamo insieme.

ascolta di nuovo | Barare con CoronaCheck

Secondo il deputato, ogni paese ora ha il proprio approccio e i Paesi Bassi, come al solito, sono “un po’ in ritardo per intervenire quando vediamo che stanno arrivando molti contagi”. Paterott pensa che sia meglio fare il test prima di tornare indietro, o dimostrare di aver fatto la vaccinazione completa. “E poi si impedisce al virus di tornare a casa con una variante, che è colpa dell’estate scorsa”.

ascolta di nuovo | L’HORECA dovrebbe controllare meglio il biglietto d’ingresso

Paterott sostiene l’obbligo di test. Da domani funzionerà il Certificato Corona Europeo.

READ  Un dipendente dell'OMS inviato a Wuhan racconta come la Cina gli abbia impedito di lavorare; Intanto Pechino continua ad isolarsi