QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il braccio destro e in seguito il più grande critico del leader sovietico Gorb …

Legachev era meglio conosciuto come l’uomo dietro l’allora leader sovietico Mikhail Gorbachev (foto).
Foto: AFP

Il politico russo Igor Legachev è morto venerdì a Mosca all’età di 100 anni. Lo ha riferito l’agenzia di stampa statale russa STAS. Legachev è meglio conosciuto come l’uomo dietro l’allora leader sovietico Mikhail Gorbachev, da cui prese le distanze dopo la caduta dell’Unione Sovietica.

Legachev è, tra le altre cose, la mente dietro la campagna di Gorbaciov contro l’alcol negli anni ’80, che il popolo sovietico apprezzava solo moderatamente. Era tenuto in grande considerazione nel PCUS e nel Politburo, e presto divenne il secondo uomo al Cremlino dopo Gorbaciov.

Ma quando ha iniziato la sua politica più liberale di glasnost e perestrojka – apertura e riforma – si è rivoltato contro il leader sovietico ed è diventato uno dei suoi accaniti critici. Ha descritto il suo sostegno a Gorbaciov, ora 90enne, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, come il suo “più grande errore personale”.

Anche quando Boris Eltsin salì al potere, Legachev rimase uno spaventoso critico del Cremlino. Ad esempio, si diceva che si fosse rivolto all’allora leader a una conferenza del partito con la frase “Boris, ti sbagli” dopo aver fatto un’analisi politica, ha detto Legachev. Legachev è morto venerdì sera in un ospedale di Mosca.

READ  Nuova ricerca: "Gli esseri umani usavano già tre quarti della Terra 12.000 anni fa" | Scienza e pianeta