QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’amministrazione Trump ha raccolto segretamente dati telefonici da …

Il quotidiano americano ha riferito che l’amministrazione Trump ha ottenuto segretamente tabulati telefonici dai giornalisti del Washington Post, che hanno scritto sulle accuse di interferenza russa nelle elezioni presidenziali del 2016.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha inviato una lettera ai giornalisti Ellen Nakashima e Greg Miller, nonché all’ex reporter Adam Entous, affermando di aver ricevuto dati personali e aziendali su rete fissa e cellulare per il periodo dal 15 aprile 2017 al 31 luglio 2017, Lo ha riferito il Washington Post.

Alla fine di quel periodo, i tre giornalisti scrissero una storia sulle agenzie di intelligence statunitensi in cui suggerivano che Jeff Sessions, che sarebbe poi diventato procuratore generale sotto Donald Trump, discutesse della campagna Trump con l’ambasciatore russo. Mosca è stata accusata di sostenere in modo ingannevole la nomination di Donald Trump del 2016, con l’obiettivo di fargli vincere.

“molto turbato”

Il caporedattore Cameron Barr ha detto che il giornale è “estremamente preoccupato per l’uso da parte del governo dell’autorità per accedere alle comunicazioni dei giornalisti”. “Il ministero della Giustizia deve indagare immediatamente su questa interferenza con le attività dei giornalisti, che sono protetti dal Primo Emendamento”, ha detto.

L’organizzazione per i diritti civili, l’American Civil Liberties Union, ha affermato che il Dipartimento di Giustizia “spiava” i giornalisti “per capriccio del governo”. “Non sarebbe dovuto accadere”, ha detto l’Unione per le libertà civili. “Se il governo spia i giornalisti e le loro fonti, sta mettendo in pericolo la libertà di stampa”.

Il ministero della Giustizia ha affermato di aver seguito “procedure standard” per quanto riguarda la domanda. I messaggi ai giornalisti non spiegavano il motivo della confisca dei dati.

READ  La vita marina muore in massa nell'ondata di caldo degli Stati Uniti: "Annunciare le conseguenze del cambiamento climatico"