QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il CEO Peter Verbeek rompe il silenzio ora che l’Anderlecht è in crisi: ‘Ma non siamo una squadra malata’ | Jupiler Pro League

Dopo 13 partite di campionato su 30 e una sconfitta europea contro il West Ham, la temperatura si è alzata ad Anderlecht. Tuttavia, il CEO Peter Verbeke, 39 anni, sta cercando di mantenere la calma e di fare un’analisi razionale. “Licenziare l’allenatore ora non è la risposta”.

Rimase a lungo in silenzio nei consigli di amministrazione dell’Anderlecht. Il capo dei Wouter Vandenhaute si è rivolto al gruppo di giocatori il mese scorso dopo la sconfitta contro Westerlo, ma è rimasto in silenzio davanti al mondo esterno.

Dopo le sconfitte contro West Ham e Charleroi, il CEO Peter Verbeek ha rotto il silenzio. “Certo che sono preoccupato per la valutazione”, ammette. “Ora siamo a 6 punti dai primi 4. Questo divario non dovrebbe aumentare”.

Ma il pulsante antipanico non viene premuto nelle sale riunioni viola e bianche. “Solo l’analisi razionale aiuta. Licenziare l’allenatore e prendere un nuovo allenatore? Questo non lo risolve. Questa non sarebbe una forma di buona gestione essere.”

I nostri giocatori devono rendersi conto che non vinceranno le partite solo sulla qualità e sul talento. Devono giocare con il coltello tra i denti in ogni partita.

Pietro Verbeke

“Non vediamo il superamento di una squadra in condizioni critiche”, afferma Verbeke. “La nostra rosa di calcio sta salendo: i dati mostrano che stiamo facendo molti passi avanti”.

“Ma se non c’è intensità non funzionerà. Contro Gent e Westerlo abbiamo giocato molto basso e senza pressione. Ci è mancata l’aggressività. Contro Charleroi e West Ham c’è stato un miglioramento, anche se abbiamo perso entrambe le partite”.

“I nostri giocatori devono rendersi conto che non vinceranno partite solo sulla qualità e sul talento. Devono giocare ogni partita con il coltello tra i denti, altrimenti sarà difficile”.

READ  Djokovic ammette "errori" ma critica la "disinformazione" | Open d'Australia

“Ora vogliamo solo battere il KV Mechelen. I giocatori devono rendersi conto che ogni partita è una specie di guerra adesso”.

“Matsu non può semplicemente spostare la partita Etihad sull’Anderlecht”

L’allenatore Phyllis Matsu sa bene che la partita di domenica contro il KV Mechelen è molto importante. Ma ha già il supporto del consiglio di amministrazione.

“A volte sento dire che Matsu è un allenatore molto difensivo. L’anno scorso, come allenatore dell’Al Ittihad, aveva le migliori statistiche offensive del campionato. In 4 partite contro l’Anderlecht, la sua squadra ha segnato 9 gol”.

“Durante l’allenamento, senti l’allenatore parlare di nient’altro che ‘giocare in avanti’ e ‘basta giocatori in area di rigore’. Quindi si inserisce in un gioco aggressivo giorno e notte”.

“Mazzu ha abbastanza DNA RSCA? C’è differenza tra Kompany e Mazzu quando si parla di calcio diretto e verticale. Ma si vede anche che l’allenatore bussa sempre più ai gironi, che è anche in linea con il nucleo del giocatore che abbiamo avere.”

“Ovviamente non può semplicemente portare la partita dell’Etihad all’Anderlecht. Ora sta cercando il giusto equilibrio tra calcio e calcio in diretta. Mostra flessibilità”.

“Vedi anche che i giocatori supportano l’allenatore al 100%. Quindi sei ancora sulla strada giusta”.

“Esposito non ha ancora consegnato quello che ci aspettavamo”

Matsu potrebbe ancora insistere per attaccare il calcio, ma al momento Fabio Silva è uno dei pochi giocatori che riesce a farsi strada in porta. Esposito al momento non sembra essere in grado di riempire i panni di Zerkezi e Kwame.

“Avevamo la stessa cifra contro lo Charleroi Obiettivi attesi Come il Club Brugge contro il KV Michelin. Ma Klopp segna tre volte e siamo a zero. Dobbiamo diventare più efficienti”.

“Ho sempre temuto il giorno in cui avremmo attirato un attaccante che non avrebbe giocato subito. Kuma era proprio lì, anche Zirkzee e Nemeka… Esposito non c’era ancora e lo sentiamo subito”.

“Al momento non sta offrendo ciò che ci aspettavamo. Stiamo guidando Esposito nel miglior modo possibile e continuiamo a credere nel suo potenziale. Ha solo 20 anni, quindi speriamo che stia bene”.

“Abbiamo un nucleo migliore rispetto allo scorso anno? Le domande vengono poste proprio su questo”

Naturalmente, anche Peter Verbeek oserebbe mettere in discussione il suo lavoro durante la finestra di mercato estiva. “Ci siamo prefissati una politica rigorosa Fair play finanziario imposto. Abbiamo speso una frazione di quello che hanno speso Anversa e Nadi e anche molto meno per Genk e Gand”.

“Questo non è il comportamento di Calimero, questo è il contesto in cui lavoro da due anni”.

“All’inizio del mercato, abbiamo chiarito che credevamo pienamente nei giovani: Deast, Kanna, Arnstad, Sadeghi e Stroykens erano in vantaggio alla fine della scorsa stagione”.

“Siamo di gran lunga la squadra più giovane del Belgio. Troppo giovane? Questa è una domanda giusta. Con Van Crombrugge, Vertonghen, Hoedt, Trebel, Refaelov e Raman, c’è ancora un po’ di esperienza. Versherien, Delcroix, Achimero, Amozu e Murillo hanno anche qui da un po’”.

“Ma forse avremmo dovuto assumere un giocatore esperto invece di ingaggiare giocatori per il futuro come Ishaq Abdul Razak e Nelson Angulo. Anche se non è facile trovare un giocatore esperto con questo budget”.

Forse avremmo dovuto coinvolgere un giocatore esperto piuttosto che attirare i ragazzi per il futuro.

Pietro Verbeke

Tuttavia, Peter Verbeek comprende anche le critiche ad alcune delle acquisizioni. Speravamo che Isaac stesse andando avanti. Pensavamo che sarebbe stato molto difficile per Murillo”.

“Murillo ha bisogno di più motivazione: al suo meglio è il miglior terzino destro del Belgio, ma non sempre raggiunge il suo livello. Penso che Isaac abbia solo bisogno di un periodo di adattamento”.

“Credo anche nelle qualità di Diawara, ma ha bisogno di più ritmo delle partite”.

“Abbiamo un nucleo migliore rispetto allo scorso anno? Sono state davvero sollevate domande. Spero che i nuovi arrivati ​​impareranno qualcosa di più presto”.

Altrimenti attacco durante il Mercato invernale? “No, non possiamo ottenere improvvisamente cinque rinforzi a gennaio.”