QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ciclismo classico della Milano-Sanremo è l'inizio della primavera

Il ciclismo classico della Milano-Sanremo è l'inizio della primavera

Di: Louis Bowie e Evert de Rooij

La Milano-Sanremo si tenne per la prima volta nel 1907. È stato il frutto dell'ingegno del regista Armando Cougnet La gazzetta dello sport, il quotidiano sportivo più influente d'Italia. La regata è stata un grande successo con la sua lunga corsa finale nel Mar Mediterraneo. La corsa lunga quasi 300 chilometri ha molti soprannomi La classicissima E La Primaveraa, a causa della sua associazione con l'avvicinarsi della primavera. Sedersi il 16 marzo.

Armando Cougnet aveva una residenza di campagna a Sanremo. Su un terrazzo ha iniziato a parlare con il sindaco di una località balneare. Ha detto che il suo comune sta andando male economicamente. L'anno precedente, una gara automobilistica milanese si era conclusa a San Remo. Solo due auto sono sopravvissute alla dura prova. Un disastro! Tornato a Milano, il giornalista Tullo Morcagni, dopo aver ascoltato il racconto del suo datore di lavoro, propose di organizzare una corsa ciclistica da Milano a San Remo invece di una corsa automobilistica. E anche quello in un giorno! Hanno risposto con entusiasmo Cougnet ed Eugenio Costamagna, il caporedattore La gazzetta dello sportA Morcagni fu affidato il compito di sviluppare ulteriormente il progetto.

La Primavera

Alfredo Pinta vinse la Classica nel 1927

Sede Centrale, Milano La gazzetta dello sport Stabilito, che diventerà sicuramente il punto di partenza della corsa, il soprannome La Primavera Fatto. Perché il Classico avviene all'inizio della primavera. Dal 1935 al 1953 la corsa si è svolta sempre il 19 marzo, festa di San Giuseppe. Da qui il suo altro soprannome, St. Joseph Classic.

Per il primo numero del 14 aprile 1907, quasi annunciato Osteria della Conca Fallata A Milano, alle 4.30, 33 corridori al via. Le condizioni meteorologiche sono abominevoli. Nevicava e faceva molto freddo. Solo 14 piloti arrivarono alla finale di San Remo e il primo vincitore fu Lucien Petit-Breton, che completò 286 chilometri ad una velocità media di 26,206 km/h. Nello stesso anno, Petit-Breton vinse anche il Tour de France. Un'impresa ripetuta nel 1908. Allo scoppio della prima guerra mondiale, Petit-Breton si arruolò nell'esercito francese. Combatté al fronte con le truppe d'élite e, poco prima del Natale del 1907, Lucian morì in un incidente stradale vicino a Troyes. Ha solo 35 anni.

READ  "Non è un caso che ci sia permesso di mostrare ora"

Strade scivolose

Il ciclismo classico della Milano-Sanremo è l'inizio della primavera

Cyril van Havard ha firmato per la vittoria nella seconda edizione. La sua vittoria ha avuto un profondo effetto sul Belgio. Il clima rigido, comprese strade scivolose e bufere di neve, non gli ha impedito di andare in battaglia da solo. Ha ignorato il gruppo e ha corso in testa per quasi 200 chilometri.

Durante il suo monologo, il gestore di un passaggio a livello ha minacciato di mettergli i bastoni tra le ruote. Il brav'uomo chiaramente non era un sostenitore del belga; Un connazionale voleva vederlo tagliare per primo il traguardo. Quando Van Havart apparve nel suo campo visivo, abbassò le barriere ferroviarie, anche se nessun treno si avvicinava. Il corridore in avanti strisciò sotto le barriere ferroviarie. Con la bava alla bocca, il capostazione è corso verso il cavaliere minacciandolo con una pistola. “Ti sparerò”, disse. L'impavido fiammingo andò su tutte le furie e gli offrì qualche pugno.

“Ti sparerò”

A La gazzetta dello sport Lo straniero è un grande vincitore. Il primo vincitore olandese si chiamava Arie den Hartag. Nel 1965 lasciò in Via Roma gli italiani Vittorio Attorni e Franco Palmamion. Due anni dopo, Amstel divenne anche il primo vincitore olandese della Gold Race.

Eppure Den Hartog non è diventato una stella. Si sentiva molto a suo agio come servo padrone. Persone come John Janssen che hanno regalato al nostro Paese la prima vittoria in un tour nel 1968. Successivamente, anche John Ross (1977) e Henny Khyber (1985) aggiunsero i loro nomi all'albo d'onore. Nel 1966 apparve nel cielo una nuova stella. Under 20 dal Belgio, Eddy Merckx. Un uomo un po' timido di uno dei sobborghi di Bruxelles. Pubblicherà un totale di sette edizioni La Primavera Successo, un altro risultato!

READ  L'Italia sbarra la strada ai Lupi Rossi verso il Mondiale

Aspettando Poggio

Il ciclismo classico della Milano-Sanremo è l'inizio della primavera
Monte Poggio

Ha nevicato nel 2013. Ed era congelato fino a scoppiare! I corridori hanno protestato contro il maltempo e l'organizzazione ha interrotto la corsa a Owada dopo 120 chilometri. Dopo essersi consultati con i capigruppo, si è deciso di portare la carovana in pullman ad Arenzano, cittadina costiera vicino a Genova. Lì la corsa è ripresa con i corridori non ancora a casa. Ciolek, uno sconosciuto tedesco, ha battuto nello sprint a San Remo sei suoi compagni di fuga.

2020-2023

Nel 2020, il coronavirus sembrava aver messo i bastoni tra le ruote, ma alla fine la gara si è svolta in una data diversa, con un percorso modificato – e senza spettatori. L'8 agosto il belga Wood van Aert vinse un'edizione di ben 306 chilometri.

Nel 2021 ha vinto anche il belga Jasper Stuyen dopo un attacco nella discesa del Poggio di San Remo. A pochi chilometri dall'arrivo in Via Roma questa pompa determina spesso questa lunga classica. Tradizionalmente al Poggio si sale ben poco. I “piccoli” a volte riescono a prendere un vantaggio, ma all'inizio della finale vengono quasi sempre superati da un gruppo che ha aumentato notevolmente il ritmo. Poi diventa emozionante. Come spettatore ti siedi sul bordo della sedia davanti alla televisione. Perché la Milano-Sanremo è stata uno spettacolo ciclistico dal grande valore di intrattenimento.
Nel 2022 ha vinto lo sloveno Matej Mohoric, davanti ai grandi Wout van Aert, Tadej Pogacar e Mathieu van der Poel.

Mathieu van der Boël!

L'anno scorso Mathieu van der Poel vinse il torneo, 62 anni dopo che lo vinse suo nonno Poupou (Raymond Poulidor). Sarebbe stato un anno fantastico, in cui avrebbe vinto al meglio anche il titolo mondiale. Quest'anno il tuttofare avrebbe vinto il campionato del mondo di ciclocross con un primo posto per causa di forza maggiore. Si prevede che difenderà il suo titolo durante la Milano San Remo di quest'anno il 16 marzo.

READ  Nella foto. Vacanze, giorni di viaggio: il gruppo di ciclisti si sposta dall'Ungheria a Ziro, in Italia

I re della bicicletta classica

Il ciclismo classico della Milano-Sanremo è l'inizio della primavera

A parte Tour, Giro e Vuelta, gran parte dell'attenzione nel ciclismo è rivolta alle classiche. Queste razze ODI hanno una lunga storia di lotta ed eroismo. Una grande vittoria è fama eterna. Nel libro I re della bicicletta classicaScritto dai giornalisti sportivi Louis Bowie, Evert de Rooij e Roy Schreimer, il focus è su cinque monumenti del ciclismo: Milano-Sanremo, Giro delle Fiandre, Parigi-Roubaix, Liegi-Bastogne-Liegi e Giro di Lombardia. Qual è l'origine di questi grandi abbinamenti e quali sono le loro caratteristiche comuni? Completano il libro i ritratti di 35 famosi ciclisti, tutti vincitori di classiche. I re del ciclo classico,

Per ordinare

Edicola Editore, 224 pagine. Prezzo: 21,95 € ISBN 9789493201316