QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il consiglio dell’Organizzazione Panamericana della Sanità discute l’accesso al vaccino contro il vaiolo delle scimmie nella regione – Dagblad Suriname

Poiché i casi di vaiolo delle scimmie continuano ad aumentare in molti paesi della regione panamericana, lunedì 8 agosto gli stati membri della Pan American Health Organization (PAHO) hanno tenuto una riunione speciale del consiglio per prendere in considerazione una risoluzione per affrontare l’epidemia, compreso il sostegno per un accesso equo ai vaccini per i gruppi vulnerabili pericolo nella regione.

Il 23 luglio, il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato che l’epidemia, iniziata a metà maggio e che ha colpito 89 paesi in tutte e sei le regioni dell’OMS, è un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. – PHEIC).

Dall’inizio dell’epidemia sono stati segnalati circa 10.000 casi di vaiolo delle scimmie in 24 paesi della regione panamericana. Ciò rappresenta il 36% dei casi globali.

“La dichiarazione di emergenza sanitaria primaria (PHEIC) è stata accompagnata da raccomandazioni dettagliate sia per i paesi che per i territori che non avevano ancora identificato casi e paesi e territori che avevano già importato casi o trasmissione nelle loro comunità”, ha affermato Carissa Etienne, direttrice del Pan American Organizzazione sanitaria.

“Riteniamo che quando le azioni raccomandate vengono eseguite correttamente, possiamo fermare la trasmissione del virus del vaiolo delle scimmie”.

Queste raccomandazioni, che la PAHO sta implementando con gli Stati membri, includono la comunicazione e il coinvolgimento con le comunità colpite, la diagnosi precoce e il monitoraggio, il trattamento e l’isolamento dei pazienti e il tracciamento dei contatti.

Tuttavia, il direttore ha aggiunto che “la vaccinazione post o pre-esposizione” potrebbe dover integrare altre procedure.

Durante l’audizione, il dottor Etienne ha osservato che attualmente esiste solo un vaccino contro il vaiolo delle scimmie di terza generazione, prodotto da una sola pianta.

READ  Ricerca: svolta nella separazione molecolare

Sebbene le scorte di questo vaccino siano molto limitate, l’Organizzazione Panamericana della Sanità ha avviato trattative con il suo produttore.

Alla luce di ciò, la risoluzione ha invitato il Direttore dell’Organizzazione Panamericana della Sanità a facilitare una risposta coordinata e ad adottare misure per supportare gli Stati membri nell’ottenere questo vaccino attraverso il Fondo rotativo PAHO. I paesi della regione panamericana sono inoltre invitati a continuare a riconoscere l’Organizzazione panamericana della salute e il suo fondo rotativo come il meccanismo tecnico regionale strategico più appropriato per fornire un accesso equo a questo e ad altri vaccini.

Le raccomandazioni del gruppo consultivo tecnico dell’APHO sulle malattie prevenibili con i vaccini, così come quelle del Comitato di emergenza per i regolamenti sanitari internazionali convocato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), richiedono ai paesi di dare priorità ai vaccini per determinati gruppi, come i contatti stretti di un persona confermata. caso del vaiolo delle scimmie, al fine di massimizzarne l’effetto data la limitata offerta di vaccini.

malattia del vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie è una malattia virale zoonotica causata dal virus del vaiolo delle scimmie. I sintomi includono febbre, forte mal di testa, linfonodi ingrossati, dolori muscolari e un’eruzione cutanea che forma vesciche e squame. L’eruzione cutanea è solitamente concentrata sul viso e sui palmi delle mani. Anche la bocca, i genitali e gli occhi possono essere colpiti.

I sintomi possono essere lievi o gravi e di solito durano diverse settimane, durante le quali uno può essere contagioso per gli altri. La maggior parte delle persone guarisce senza trattamento entro poche settimane.

Il vaiolo delle scimmie è stato segnalato regolarmente in nove paesi dell’Africa centrale e occidentale da quando è stato identificato per la prima volta nella Repubblica Democratica del Congo nel 1958. Tuttavia, da metà maggio 2022, è stato segnalato un numero crescente di casi di vaiolo delle scimmie, prima in diversi paesi in Europa e successivamente in altre regioni, comprese le Americhe.

READ  I linfociti T possono garantire che non si ottiene sempre la corona

Al 4 agosto 2022, 26.326 casi probabili e confermati in laboratorio sono stati segnalati all’OMS da 89 paesi in tutte e sei le regioni dell’OMS.