QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il designer di mobili realizza mobili in cartone e questo è il risultato  al di fuori

Il designer di mobili realizza mobili in cartone e questo è il risultato al di fuori

Nel quartiere Mayfair di Londra, la Fume Gallery, uno spazio di design contemporaneo, presenta una nuova collezione di mobili. Ciò non sarebbe una sorpresa se non fosse per il materiale insolito di cui sono fatte queste sedie e tavoli: il cartone.

“Box” è stato progettato dal designer di mobili britannico Max Lamb e utilizza scatole di cartone che ha accumulato nel suo studio. “Trovo molto difficile liberarmi delle cose”, ha detto, seduto su una delle sue creazioni. Ha aggiunto che trova la bellezza “nella spazzatura, o nelle cose che già esistono e sono già state buttate via”.

Sebbene il materiale sia debole, i pezzi sono progettati per resistere all’uso pratico. La sua forza deriva dal modo in cui Lamb ha costruito strati di cartone ondulato (il tipo più resistente agli urti) e ha utilizzato una miscela simile a colla di grano e acqua.

Il nuovo lavoro di Lamb si inserisce nella narrativa in corso dei mobili in cartone, un primo esempio del quale è la “Wiggle Side Chair” di Frank Gehry del 1972, parte della serie “Easy Edges” dell’architetto che esplora la forza inaspettata e le possibilità scultoree degli strati di cartone ondulato. Da studente, Lamb si è ispirato al lavoro di Jerry con il cartone e in seguito ha creato un tavolo di cartone nel 2000 che, secondo lui, i suoi genitori usano ancora oggi.

(Leggi di più sotto l’immagine)

Immagine per chiarimenti. ©Zucker. Crema in una scatola

Altri designer di mobili in cartone

Recentemente, un altro famoso architetto ha utilizzato questo materiale per realizzare mobili. Dopo aver utilizzato il cartone in progetti architettonici innovativi, Shigeru Ban lo ha utilizzato per creare la collezione “Karta” (1998-2015). Pan ha progettato le sedie, le panche, le chaise longue e i tavoli utilizzando sottili tubi di cartone trattati con resina per renderli impermeabili, ma abbinati a materiali più tradizionali come il multistrato di betulla e il vetro.

READ  Marie Verholst risponde per la prima volta al clamore per l'uscita di Alberto: 'Ho avuto l'impressione che Quinn fosse d'accordo' | mondo dello spettacolo

Dal 2020, l’artista e designer ucraino residente a Berlino Ilya Goldman Gobin rinforza scatole di cartone distorte con resina e fibra di vetro, trasformandole in straordinarie sedie, tavoli e scaffali. La serie “Cardboard” in corso è iniziata sulla scia della pandemia di COVID-19, quando Jubin ha iniziato a sperimentare creazioni che offuscavano i confini tra arte e oggetti funzionali. “Volevo aggiungere una nuova dimensione alla mia arte, qualcosa che fosse accessibile e che le persone potessero toccare senza permesso”, ha spiegato in una e-mail al sito di notizie della CNN.

Jubin ha “bei ricordi” di quando giocava con scatole di cartone da bambino e costruiva case e automobili immaginarie. “Il cartone sembra semplice, ma è speciale”, ha detto. “Tutti prima o poi hanno avuto tra le mani una scatola di cartone. Ora volevo che la scatola stessa avesse un nuovo scopo, cioè sostenerci.” Gobin ama descrivere l’idea alla base del progetto come: “Ciò che una volta trasportavamo può ora portaci”.

Ogni pezzo è unico. Usa il suo peso corporeo per modellare le scatole in diverse forme ricci. Anche se sembrano sculture luccicanti, le scatole funzionano perfettamente come sedie o tavoli. “Sebbene (i pezzi) sembrino delicati, sono forti”, ha spiegato Jubin. “Volevo creare qualcosa che sorprendesse lo spettatore.”

Attenzione tramite TikTok

Dal provocatorio al pratico, il marchio Room in a Box, fondato nel 2013, offre in vendita mobili semplici e modulari in cartone, promossi come convenienti e buoni per il pianeta. Utilizzando cartone ondulato di alta qualità, il marchio tedesco promette che i suoi pezzi (dalle reti dei letti alle sedie e ai tavoli) potranno durare fino a 10 anni.

READ  Iron Maiden @ Sportpaleis: Iron on Fire

Room in a Box ha attirato l’attenzione lo scorso anno con i post su TikTok, dove i video sui mobili in cartone sono stati visti più di 2,4 milioni di volte. Il marchio si rivolge a un gruppo target di giovani che sono in movimento e hanno bisogno di soluzioni leggere e facili da spostare, ma che non amano l’impatto ambientale dei “mobili veloci”.

Il co-fondatore Gerald Dessen ha dichiarato via e-mail alla CNN che i pezzi Room in a Box sono molto più sostenibili dei mobili realizzati con materiali tradizionali, con un’impronta di carbonio inferiore e un consumo energetico inferiore grazie alla natura riciclata e riciclabile del materiale e alla costruzione leggera. . E design standard.

(Continua a leggere sotto il video)

Il cartone come rifugio di emergenza

Ma proprietà come queste hanno reso il cartone una scelta popolare anche per i mobili di emergenza, soprattutto per i rifugiati. Nel 2011, i designer francesi NOCC, in collaborazione con l’imprenditore Julien Sylvain, hanno creato il “Paper Bed”, un letto di cartone progettato per l’uso nei campi profughi. Caratterizzato da un design semplice di assi pretagliate fornite con tutti gli strumenti e le parti necessarie per il montaggio, il lettino da campeggio è pubblicato da Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Ha collaborato anche il produttore di cartone coinvolto nella produzione del “Paper Bed”, Smurfit Kappa Aiuto diretto di Edimburgo (EDA) nel 2017 per inviare aiuti ai campi profughi al confine libanese-siriano in scatole di cartone che possono essere convertite in mobili di emergenza.

Ogni giorno, il cartone viene utilizzato come rifugio di emergenza ovunque si guardi. “Vediamo cartoni per strada; “Vediamo persone che lo usano come isolante”, osserva Lamb, riconoscendo come questo utilizzo contraddica il suo lavoro. “Qui realizzo solo mobili per la galleria.”

READ  La troupe del tour sostiene Lizzo dopo le accuse di molestie sessuali: “Le ballerine portano rancore” | celebrità

Sebbene le sue opere possano essere pezzi di design da collezione (prezzi disponibili solo su richiesta), afferma che il progetto è una riflessione critica sull'”essere un produttore di cose” e spera di mostrare la “bellezza e la durabilità” del cartone come materiale. “Può essere una parte permanente della nostra vita”, ha detto. “Non dobbiamo sbarazzarci di cose che sono secondarie rispetto a ciò che acquistiamo o che apprezziamo di più”.