QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Giappone scaricherà in mare più di un milione di tonnellate di acqua radioattiva di Fukushima all’estero

Il Giappone prevede di scaricare in mare più di 1 milione di tonnellate di acque reflue radioattive dalla centrale nucleare di Fukushima distrutta. Lo ha annunciato oggi il governo. La decisione non è stata ben accolta dai paesi vicini, Cina e Corea del Sud.




L’acqua è stata utilizzata, tra le altre cose, per raffreddare il reattore della centrale nucleare quando è stato colpito da un forte terremoto e tsunami nel 2011. L’acqua di raffreddamento è attualmente in enormi serbatoi di stoccaggio. Ora sono più di mille e si prevede che nel prossimo anno non ci sarà spazio sufficiente per ospitare più carri armati. Ogni giorno vengono aggiunti circa 140 metri cubi di acqua irradiata.

500 piscine olimpioniche

Con l’attuale quantità di acqua inquinata, si possono riempire circa 500 piscine di 50 x 25 metri in confronto. I costi annuali di stoccaggio dell’acqua sono stimati in 100 miliardi di yen (oltre 766 milioni di euro).

Lo hanno riferito i media giapponesi la settimana scorsa Tutto sui piani. Oggi è ufficialmente confermato dal governo del Paese asiatico. Lo scarico inizierà tra circa due anni, secondo il governo, e l’intero processo richiederà decenni. “Sulla base del rigoroso rispetto delle normative applicabili, scegliamo di scaricare nell’oceano”, ha detto una dichiarazione ufficiale del governo.

Poco impatto sulla salute

L’acqua contaminata deve essere filtrata nuovamente per evitare isotopi dannosi e sarà diluita per soddisfare gli standard internazionali. Il Giappone garantisce che il drenaggio dell’acqua sia sicuro. L’Agenzia internazionale per l’energia atomica la pensa allo stesso modo. C’è consenso tra gli scienziati sul fatto che “l’impatto sulla salute è minimo”, dice Michiyaki Kai, un esperto di radiazioni presso l’Università giapponese di Oita, ha detto all’AFP.

READ  "La NASA sceglie la compagnia spaziale Elon Musk per una missione con equipaggio sulla luna" | Scienza

La decisione arriva tre mesi prima dei Giochi Olimpici in programma a Tokyo. Alcuni eventi si svolgeranno a soli 60 chilometri dalla centrale nucleare distrutta.

Venti contrari

La Cina e la Corea del Sud hanno già espresso le loro preoccupazioni sul piano. Un funzionario del ministero degli Esteri sudcoreano ha affermato che la decisione di Tokyo “potrebbe influire direttamente e indirettamente sulla sicurezza dei nostri residenti e sull’ambiente”. Il ministero degli Esteri cinese parla della decisione “estremamente irresponsabile”. Secondo un portavoce, la Cina ha esortato il Giappone a “risolvere il problema dello scarico delle acque reflue dalla centrale nucleare di Fukushima in modo ragionevole e responsabile”.


citazione

Con questa decisione, i diritti umani e gli interessi delle persone a Fukushima, nel resto del Giappone e nella regione Asia-Pacifico vengono completamente ignorati.

Area verde

Anche i cacciatori giapponesi non sono entusiasti di questo. Temono che una misura del genere possa essere dannosa per il loro settore. Ad esempio, dopo il disastro nucleare, la Corea del Sud ha smesso di importare pesce dall’area vicino a Fukushima. “Ci viene detto che non svuoteranno l’acqua in mare senza il sostegno dei pescatori”, ha detto Kanji Tachia a nome della pesca locale. Secondo lui, il governo ha rinunciato a questa promessa.

Greenpeace si oppone fermamente a questa decisione. “Con questa decisione, i diritti umani e gli interessi delle persone a Fukushima, nel resto del Giappone e nella regione Asia-Pacifico vengono completamente ignorati”, ha detto l’organizzazione ambientalista.

Il Giappone è stato colpito da un violento terremoto e tsunami l’11 marzo 2011. Circa 100.000 persone sono fuggite e quasi 19.000 sono state uccise. A seguito del disastro naturale, la centrale nucleare di Fukushima è stata danneggiata. È stato il peggior disastro nucleare dai tempi di Chernobyl nel 1986.