QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tutto quello che c'è da sapere sulla nuova dichiarazione dei redditi

Tutto quello che c'è da sapere sulla nuova dichiarazione dei redditi

Il governo ha pubblicato la nuova dichiarazione dei redditi alla fine della scorsa settimana. Come sempre, alcune cose cambiano. Questa è la selezione di ciò che attira la nostra attenzione.

Nelle news: I dettagli sulla dichiarazione dei redditi di quest'anno sono noti. Per prima cosa faremo luce su questioni pratiche.

  • Chi compila la dichiarazione dei redditi in formato cartaceo ha tempo fino al 30 giugno per farlo. Per chi utilizza Tax-on-web la scadenza sarà posticipata al 15 luglio. Le autorità fiscali si aspettano che le dichiarazioni complesse arrivino nella loro casella di posta entro il 16 ottobre al più tardi.
  • Quest'anno non è più possibile accedere a Tax-on-web utilizzando un token. Puoi comunque accedere con itsme o con la tua carta d'identità elettronica.

Ingrandire: Ci sono anche una serie di cambiamenti sostanziali.

  • Ciò significa che l'annuncio contiene 10 codici in meno. Trenta leggi sono scomparse grazie alle misure fiscali scadute. D’altro canto, le nuove misure fiscali portano a 20 nuove leggi sulla dichiarazione dei redditi”, osserva Jeff Wellens, specialista fiscale presso Wolters Kluwer, in un’analisi preliminare.
  • D'ora in poi vige l'obbligo di rendicontazione per gli inquilini che desiderano presentare il proprio affitto come spesa professionale. Gli inquilini devono fornire alle autorità fiscali informazioni, tra le altre cose, sull'ubicazione, sull'affitto e sulla parte di affitto che si desidera detrarre dalle spese aziendali. Le autorità fiscali hanno preparato un modello di documento (allegato 270 MHL), in cui devono essere indicati i dati identificativi dell'inquilino, del proprietario e dell'immobile.
  • L’anno scorso le aziende che hanno ottenuto profitti “elevati” o “eccezionalmente elevati” nel 2022 sono state autorizzate a regalare buoni consumo ai propri dipendenti. Questo aumento è esentasse fino a 750€. Chi ha ricevuto una somma maggiore dovrà pagare le tasse sul premio. Ecco perché è necessario includere la ricevuta di ammortamento nella dichiarazione dei redditi.
  • Per gli anni di reddito 2023 e 2024, l’importo netto del reddito che un figlio può percepire è stato aumentato per poter essere ancora considerato “a carico” ai fini fiscali. Per l'anno di reddito 2023 tale importo sale a 7.010 euro e nel 2024 a 7.290 euro.
  • D'ora in poi norme più severe varranno anche per chi opera nel campo del diritto d'autore. Il numero di professionisti, compresi gli specialisti informatici, che potevano contare su questo sistema fiscale favorevole era limitato. Inoltre il sistema è stato sistemato anche per chi può ancora utilizzarlo. L'anno scorso potevi contribuire fino a (massimo) il 50% del compenso come diritto d'autore. Quest’anno è al 40%, l’anno prossimo al 30%.
  • Il Federal Housing Bonus scomparirà dopo quest’anno fiscale. Si tratta di un vantaggio fiscale per chi acquista una seconda casa. In questo modo potrai detrarre ai fini fiscali fino al 30 per cento delle rate del capitale (max. 2.350 euro).
    • La cancellazione si applica solo ai prestiti stipulati a partire dal 1° gennaio 2024. I contratti esistenti rimangono idonei al Bonus Federale per l'Alloggio per l'intera durata.
    • Gli interessi pagati sul mutuo della seconda casa continueranno a fornire una detrazione fiscale dopo il 1° gennaio 2024. Verranno detratti dal reddito imponibile dell'immobile dichiarato, grazie alla cosiddetta detrazione federale degli interessi regolari. Gli interessi possono essere detratti anche dal reddito imponibile netto di altri patrimoni da dichiarare. Questo credito non deve soddisfare alcuna condizione specifica.
    • per non parlare di: Il vantaggio fiscale esiste ancora per i depositi nel contesto delle normali polizze di assicurazione sulla vita (Tak21 e Branch23). In altre parole, se risparmiate a lungo termine attraverso il terzo pilastro di previdenza riceverete un piccolo extra.
  • Chiunque utilizzi la bicicletta per recarsi al lavoro ha diritto a un'indennità per bicicletta esentasse più elevata. Per l’anno di reddito 2023 ciò ammonta a 0,27 euro al chilometro, rispetto allo 0,25% nel 2022. Tale importo sarà aumentato l’anno prossimo a 0,35 euro al chilometro. Questa esenzione si applicherà solo se non detrai alcuna spesa professionale effettiva.
READ  Un nuovo edificio per un'azienda familiare in rapida crescita

Vuoi rimanere aggiornato su tutto ciò che accade nel mondo finanziario? Niels Silence, giornalista con la passione per la finanza, segue tutto da vicino. durante questo link Puoi iscriverti alla sua newsletter quotidiana.