QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Il governo sta preparando un tappeto rosso per l’influenza aviaria e costruire una nuova natura deve essere diverso”

Il numero di aziende colpite dall’influenza aviaria quest’anno è salito a quasi trenta. Giovedì è stata aggiunta una società di Barneveld. Più di due milioni di animali sono già stati uccisi quest’anno in allevamenti infetti o sospetti. La maggior parte si trova in zone umide, afferma Bart Jan Oblatt, presidente dell’Associazione olandese degli allevatori di pollame. Qui sta il problema.

Oplate vi supplica Radio NOS 1 Notizie Per creare una nuova natura in un modo diverso. “Nuove aree vengono messe da parte a destra e a sinistra ovunque, i fiumi vengono ampliati, ma sono tutti progettati in modo tale da fungere da magneti per gli uccelli acquatici. Smettila, perché ora il governo sta solo stendendo il tappeto rosso per più vittime. Più oche in Olanda che polli. “.

Secondo lui, è possibile progettare una nuova natura bagnata in modo che non sia attraente per le oche. Sono anche uccelli migratori come le oche che diffondono l’influenza aviaria. Oplaat segnala un massiccio aumento degli uccelli acquatici negli ultimi 30 anni. Secondo la ricerca di Sovonne Bird, ora sono circa 75 milioni.

La sua attrattiva contrasta con una proposta della Animal Protection Society. colui il quale All’inizio di quest’anno il governo ha chiamato Per lavorare su un approccio più strutturale all’influenza aviaria. I Paesi Bassi stanno attualmente affrontando la più grande epidemia di influenza aviaria dal 2003. L’organizzazione ha suggerito di vietare gli allevamenti di pollame dalle zone umide, perché qui il rischio di influenza aviaria è maggiore. La proposta sulla protezione degli animali è stata firmata, tra gli altri, da un gruppo di scienziati di varie università olandesi.

READ  Corona virus. "Attenzione ai falsi positivi nell'autotest all'aperto"

Non esiste ancora il vaccino

Una procedura favorita sia da Dierenbescherming che da Oplaat è il programma di vaccinazione. Secondo Oplaat, ci deve essere un nuovo vaccino con cui il mondo intero può vaccinare il pollame. C’è un vaccino, ma non impedisce la trasmissione del virus tra gli animali. “Quindi proteggi l’animale dall’ammalarsi, ma nel frattempo il virus si sta diffondendo. Questo è il problema più grande, quindi devi tenerlo nella stalla”.

“Un vaccino deve fare entrambe le cose: proteggere dalle infezioni e prevenire la trasmissione, fino alla morte del virus. Finché non esiste un vaccino del genere, non possiamo fare assolutamente nulla. Se la scienza scopre come il virus entra nella stalla, possiamo chiudere gli agricoltori stanno facendo tutto ciò che possono in base a ciò che sappiamo ora.

Negli ultimi anni, l’impegno di restrizione è stato più efficace. “All’epoca era ancora possibile avere un focolaio occasionale da qualche parte, ma l’impegno a rimanere in una gabbia era sempre la risposta. Ora vediamo che il virus sta ancora entrando nell’ovile nonostante il dovere di stare in una gabbia, si comporta in modo leggermente diverso.” Ha anche una forma diversa rispetto all’anno scorso”.

peggio in altri paesi

Tuttavia, i Paesi Bassi si comportano molto meglio di altri paesi. Rispetto a Francia, Italia, Regno Unito e Germania, qui ci sono pochi focolai. “Questa è la nostra sicurezza biologica. Gli agricoltori sono molto consapevoli del rischio di presentarsi e portare il virus anche a qualcun altro. I visitatori devono anche “fare il bagno” e “fare il bagno”, e tutti sono molto attenti”.

READ  Primo caso confermato di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti, dozzine di casi sospetti in Canada

Questo è diverso negli altri paesi. “In Francia si vedono più di 1.100 infezioni, e lì si vedono trasferite da un’azienda all’altra e non è affatto così qui. Stiamo lavorando molto bene su questo”.

Secondo Oplaat, i Paesi Bassi hanno imparato molto dalla peggiore epidemia qui, nel 2003, quando 241 aziende sono state infettate e 1.100 sono state eliminate per precauzione.

L’obbligo di mantenere le gabbie porta anche alla chiusura del patibolo per le aziende che non sono state colpite dall’influenza aviaria. Anche l’industria delle uova sta soffrendo. Dopo 16 settimane le uova di allevamento all’aperto non possono più essere vendute come tali: le uova devono essere classificate come uova di allevamento all’aperto, che sono più economiche. Ciò significa una perdita di reddito per gli agricoltori. Secondo Oplaat, l’azienda costa in media 3.000 euro a settimana.