QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il presidente russo Putin festeggia 70 anni: da ex spia a temibile tiranno, sette momenti chiave della sua vita

Il presidente russo Putin festeggia 70 anni: da ex spia a temibile tiranno, sette momenti chiave della sua vita

1. Cultura macho Putin

Vladimir Putin è nato a Leningrado nel 1952, nel bel mezzo della Guerra Fredda. È cresciuto in un quartiere desolato nel centro di Leningrado. La città fu inondata dalla violenza delle bande durante quel periodo, che portò, tra le altre cose, Putin a prendere lezioni di sambo, uno sport da combattimento popolare russo. Putin era un po’ un combattente a scuola. Un caro amico ha affermato che “può litigare con chiunque perché non ha paura di nessuno”. Più tardi, Vladimir Putin iniziò anche il judo. Era molto fermo e disciplinato, cosa che gli ha dato una cintura nera in combattimento all’età di diciotto anni.

L’esperienza di Putin negli sport da combattimento fa parte di un’immagine maschilista accuratamente elaborata che il presidente tiene per sé. È una parte importante della visione di Putin. Quando un combattimento è inevitabile, dice che devi colpire per primo, così forte che il tuo avversario non può più stare in piedi. L’immagine che Putin invia nel suo mondo, spesso fotografato con cura e catturato dai paparazzi, incarna questa visione. Nel 2007 Putin è stato fotografato in topless mentre cacciava e nel 2009 appare a cavallo sulle montagne siberiane.

Vladimir Putin va a cavallo sulle montagne siberiane mentre è in vacanza

2. Vladimir Putin come spia del KGB

Quando aveva 16 anni, il giovane Vladimir Putin aveva bisogno di una nuova sfida. Sperava di trovarlo con il KGB, il servizio di sicurezza dello stato russo. Tuttavia, quando si è registrato presso l’addetto alla reception, gli è stato detto che aveva bisogno di un addestramento militare o di una laurea in giurisprudenza. Da allora, Putin è stato determinato a ottenere una laurea in giurisprudenza. Riuscì e fu arruolato nel KGB russo. Tuttavia, la sua carriera nel servizio di sicurezza non è decollata fino a quando non ha preso lezioni di tedesco. Improvvisamente parlando fluentemente tedesco, è stato trasferito a Dresda, nella Germania dell’Est nel 1985.

Ha vissuto una vita agiata lì come agente sotto copertura, fino al crollo del regime della Germania dell’Est nel 1989. Nello stesso anno, il quartier generale del KGB a Dresda era circondato da una folla inferocita. Senza successo, Putin ha chiesto aiuto alla guarnigione più vicina dell’Armata Rossa, ma non gli è stato permesso di intraprendere alcuna azione senza il permesso di Mosca. Quel permesso non è mai arrivato, qualcosa che Putin incolpa ancora l’allora leader sovietico Mikhail Gorbaciov. È scampato per un pelo alla morte quel giorno.

Vladimir Putin era una spia del KGB

3. La vita privata segreta di Putin

Si sa molto poco della vita familiare del presidente russo. Putin e la sua amministrazione sono desiderosi di rilasciare informazioni sulla sua famiglia. “Ho una vita privata in cui non permetto interferenze. Questo deve essere rispettato”, ha detto. Nel 1983 ha sposato un’ex assistente di volo Lyudmila Shkrebneva. Dopo trent’anni di matrimonio, la coppia si è sciolta nel 2013. Hanno detto di aver rotto con una buona relazione, anche se Lyudmila ha lasciato intendere che suo marito non aveva molto tempo per lei. Era molto impegnato con il suo lavoro di leader mondiale.

Insieme hanno avuto due figlie: Maria e Katerina. La vita delle due figlie è molto riservata. Hanno persino usato pseudonimi per iscriversi all’università e non si sa con certezza in quale paese risiedano attualmente le ragazze. A volte Maria viene definita “la figlia segreta di Putin” perché non avrebbe dovuto essere fotografata durante il governo di Putin. Tuttavia, la sua ex moglie ha definito Lyudmila Putin un padre amorevole. “Non tutti i genitori trattano i loro figli così amorevolmente come lui”, ha scritto nella sua autobiografia.

Putin in piedi con sua moglie Lyudmila davanti al Taj Mahal nel 2000

Tuttavia, un’indagine dell’agenzia di stampa russa Proekt ha affermato che Vladimir Putin ha una relazione segreta con Svetlana Krivonozhikh. Questo potrebbe essere successo dal suo tempo con il KGB. Secondo l’indagine di Proekt, il presidente Putin sarebbe il padre di sua figlia di 17 anni, Elizaveta Krivonozhikh. Il presidente nega la relazione con Svetlana. Ora vive in un quartiere di San Pietroburgo dedicato agli amici intimi del presidente russo.

Foto di famiglia di Vladimir Putin, sua moglie Lyudmila e la figlia Maria

4. La politica come settore redditizio

A dire il vero, la sua carriera politica non ha danneggiato Putin. Secondo gli esperti, il valore del presidente russo è di 200 miliardi di euro. Ciò renderebbe Putin l’uomo più ricco del mondo. Il presidente russo ha scoperto all’inizio della sua carriera politica che la politica può essere molto redditizia, quando ha lavorato come assistente del sindaco di San Pietroburgo. Nel 1992 è stato incaricato di istituire il “Programma Oil for Food” per sostenere la popolazione dopo il crollo dell’economia. L’obiettivo di questo programma era di sostituire 100 milioni di dollari di petrolio e minerali con il cibo. Ma praticamente nessuno ha visto il cibo, perché il denaro è scomparso nelle tasche di Putin e dei suoi compagni.

Il presidente vive ancora nel grande lusso. Il complesso del palazzo, soprannominato “Palazzo di Putin” e situato sul Mar Nero, sarebbe costato almeno 1,4 miliardi. Il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny accusa il presidente in un video di furto e corruzione nella costruzione dell’imponente struttura. Il video è stato visto più di 100 milioni di volte.

Guarda: ecco come appare il palazzo di Putin, secondo Navalny:

5. Un signore della guerra imprevedibile…

Quando il presidente Putin è entrato in carica nel 2000, inizialmente sperava di stabilire un rapporto positivo con l’Occidente. Oggi non è rimasto molto di quel rapporto positivo. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, le relazioni tra Russia e Occidente si inasprirono. Tuttavia, le relazioni diplomatiche hanno già sofferto gravemente.

Nel 2008, il presidente georgiano Mikheil Saakashvili ha annunciato che il suo paese voleva entrare a far parte della NATO, l’alleanza militare occidentale. Putin non ha mai acconsentito. La Russia ha usato il tentativo della Georgia di riprendere il controllo dell’Ossezia del Sud, una regione separatista dallo stato sostenuto dalla Russia, come un errore per invadere il paese. L’esercito russo impiegò solo cinque giorni per sconfiggere l’esercito georgiano. Il raid si è concluso con un umiliante trattato di pace. L’Occidente ha risposto ferocemente al raid. Tuttavia, per Putin era chiaro che, nonostante le parole dure, l’Occidente si sarebbe sempre inchinato se avesse perseverato.

Una donna piange i soldati morti dopo l'invasione russa dell'Ossezia del Sud nel 2008


AFP o licenziatari

6. Morte per COVID-19

Il presidente russo aveva molta paura di contrarre il COVID-19. Putin si è isolato da tutti gli altri. Solo pochi consiglieri sono riusciti a raggiungere il presidente. Chiunque avesse incontrato il presidente è stato messo in libertà vigilata per due settimane. Quindi hanno dovuto passare un’apposita sala che disinfettava a fondo gli ospiti del presidente con raggi ultravioletti e disinfettanti. Anche ospiti importanti, come il presidente francese Emmanuel Macron, hanno dovuto sedersi a un lungo tavolo per non ferire il presidente.

Dal momento che solo i consiglieri più fedeli avevano accesso al presidente, Putin non aveva orecchio (ancor meno) per punti di vista alternativi. Durante quel periodo potrebbe essere giunto alla conclusione che tutti i suoi pregiudizi sull’Occidente erano corretti. Fu piantato il seme che in seguito portò all’invasione dell’Ucraina. C’era poco che potesse far cambiare idea a Vladimir Putin.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha dovuto sedersi a un tavolo molto lungo durante la sua visita in Russia.


Sputnik

7. “I giornalisti scomparsi”

Durante il suo regno, Putin (e la sua amministrazione) è stato più volte accusato di corruzione, furto e persino omicidio. In particolare, Alexei Navalny, il leader dell’opposizione che è in prigione da più di un anno, ha raggiunto milioni di telespettatori con i suoi video sulla corruzione all’interno dell’élite russa. Successivamente, Navalny fu avvelenato con novichok dal servizio di sicurezza russo del KGB e dovette recarsi in Germania per farsi curare. Al ritorno in Russia nel 2021, è stato imprigionato.

Anche per i giornalisti che hanno un’opinione diversa, la situazione in Russia è spesso pericolosa. Nel corso degli anni, si dice che centinaia di giornalisti siano stati uccisi o misteriosamente scomparsi. La morte di Anna Politkovskaya, giornalista e attivista per i diritti umani russa, ha suscitato clamore in tutto il mondo. All’età di 48 anni è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nell’ascensore del condominio in cui alloggiava. Il colpevole si è rivelato essere un ex agente di polizia Dmitry Pavlyuchnikov. Fu condannato a undici anni in un campo penale. Tuttavia, il governo russo è sospettato di essere responsabile dell’omicidio, sebbene ciò non sia stato ancora confermato.

READ  Una coppia canadese uccisa dall'attacco di un orso ha cercato di avvertire un familiare | al di fuori