QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il rischio di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo è stato evitato per ora, ma resta la vigilanza: il mondo

La Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha annunciato la fine ufficiale dell’ultima epidemia di Ebola nel Paese dell’Africa centrale. Lo scoppio della malattia mortale è stato spazzato via nella sua infanzia in tempi relativamente brevi, ma gli osservatori chiedono cautela sui nuovi casi.

Il Paese fa questo annuncio 42 giorni dopo aver annunciato la guarigione dell’ultimo malato di Ebola. Questo è circa il doppio del periodo di incubazione massimo per un’infezione da Ebola.

Lo scoppio nel Nord Kivu, provincia nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo dove nelle ultime settimane sono scoppiate violenze in vari luoghi, si considera terminato dopo tre mesi. In totale, sono stati rilevati 11 casi confermati e 1 caso probabile. Sei delle persone infette sono morte a causa della malattia.

Malattia grave

Secondo Medici Senza Frontiere, il virus estremamente pericoloso – circa la metà dei malati di Ebola non sopravvive, non esiste una cura per esso – era sotto controllo, tra le altre cose, un vaccino del gigante farmaceutico Merck. Sono stati vaccinati più di 1.600 civili che si sono occupati dei casi confermati.

L’ebola può causare febbre alta, emorragie interne, vomito, diarrea e insufficienza d’organo. I sintomi di solito compaiono tra due e tre settimane dopo essere stati infettati dal virus. Il virus si diffonde agli esseri umani attraverso i fluidi corporei.

Il governo locale e le organizzazioni umanitarie internazionali sono solo cautamente ottimisti. È il quarto focolaio in tre anni, con un totale di 12 focolai di Ebola da quando la malattia è stata diagnosticata per la prima volta nel paese. Nel corso degli anni, l’epidemia di Ebola ha ucciso più di 2.200 persone nella Repubblica Democratica del Congo tra il 2018 e il 2020.

READ  Il farmaco esistente per la pressione sanguigna migliora l'elaborazione della stimolazione nei bambini autistici

Vigilanza richiesta

Ci sono diversi motivi per rimanere particolarmente vigili sui nuovi focolai. Il primo è che il virus può nascondersi nel corpo di un paziente di Ebola guarito da tempo. Nella Repubblica Democratica del Congo orientale, ci sono attualmente almeno 1.100 persone sopravvissute alla malattia.

“Una vigilanza continua e un forte sistema di rilevamento sono necessari poiché le esplosioni sono possibili nei prossimi mesi”, ha detto l’Organizzazione mondiale della sanità in un comunicato stampa.

Ma mantenere un sistema di monitoraggio completo non è normale nel Nord Kivu, a causa dell’instabilità nella regione. È molto pericoloso in alcuni posti; L’infrastruttura sanitaria è scarsa ed è anche un’area con molta mobilità e confini porosi.

Rafforzare l’infrastruttura sanitaria

Ora si tratta di testare il virus in caso di morte sospetta nei prossimi mesi e di condurre indagini di contatto. Ma la Croce Rossa Internazionale, tra le altre, ha già avvertito che è necessario un maggiore sostegno internazionale per rafforzare abbastanza infrastrutture sanitarie interne per gestire il compito.

Un’altra epidemia di Ebola è attualmente in corso in Guinea, nell’Africa occidentale, anch’essa iniziata nel febbraio di quest’anno.

Il Paese fa questo annuncio 42 giorni dopo aver annunciato la guarigione dell’ultimo malato di Ebola. Questo è circa il doppio del periodo di incubazione massimo per un’infezione da Ebola. Lo scoppio nel Nord Kivu, provincia nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo dove nelle ultime settimane sono scoppiate violenze in vari luoghi, si considera terminato dopo tre mesi. In totale, sono stati rilevati 11 casi confermati e 1 caso probabile. Sei delle persone infette sono morte a causa della malattia. Secondo Medici Senza Frontiere, il virus estremamente pericoloso – circa la metà dei malati di Ebola non sopravvive, non esiste una cura per esso – era sotto controllo, tra le altre cose, un vaccino del gigante farmaceutico Merck. Sono stati vaccinati più di 1.600 civili che si sono occupati dei casi confermati. L’ebola può causare febbre alta, emorragie interne, vomito, diarrea e insufficienza d’organo. I sintomi di solito compaiono tra due e tre settimane dopo essere stati infettati dal virus. Il virus si diffonde agli esseri umani attraverso i fluidi corporei. Il governo locale e le organizzazioni umanitarie internazionali sono solo cautamente ottimisti. È il quarto focolaio in tre anni, con un totale di 12 focolai di Ebola da quando la malattia è stata diagnosticata per la prima volta nel paese. Tra il 2018 e il 2020, l’epidemia di Ebola durata un anno ha ucciso più di 2.200 persone nella Repubblica Democratica del Congo. Ci sono diversi motivi per rimanere particolarmente vigili sui nuovi focolai. Il primo è che il virus può nascondersi nel corpo di un paziente di Ebola guarito da tempo. Nella Repubblica Democratica del Congo orientale, ci sono attualmente almeno 1.100 persone sopravvissute alla malattia. “Una vigilanza continua e un forte sistema di rilevamento sono necessari poiché le esplosioni sono possibili nei prossimi mesi”, ha detto l’Organizzazione mondiale della sanità in un comunicato stampa. Ma mantenere un sistema di monitoraggio completo non è normale nel Nord Kivu, a causa dell’instabilità nella regione. È molto pericoloso in alcuni posti; L’infrastruttura sanitaria è scarsa ed è anche un’area con molta mobilità e confini porosi. Sta ora per eseguire lo screening per il virus in caso di sospetta morte e per condurre indagini di contatto nei prossimi mesi. Ma la Croce Rossa Internazionale, tra gli altri, ha già avvertito che è necessario un maggiore sostegno internazionale per rafforzare le infrastrutture sanitarie locali abbastanza per gestire il compito. Un’altra epidemia di Ebola è attualmente in corso in Guinea, nell’Africa occidentale, anch’essa iniziata nel febbraio di quest’anno.

READ  I gemelli appena nati Feri Somogyi sono stati ricoverati in ospedale