QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ancora una volta, ci sono molti motivi per cui non dovresti indossare una maschera per la bocca.

L’anno scorso sono state adottate misure rigorose e obbligatorie in tutto il mondo volte a prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2. Non ci sono prove convincenti che queste misure siano sicure ed efficaci. A causa dell’uso accelerato di dispositivi di protezione individuale, comprese maschere per la bocca, guanti, disinfettanti, materiali diagnostici, biodiversità e Sistema immunitario normaleSotto la pressione dell’uomo e della natura. L’esposizione a lungo termine a sostanze tossiche, biocidi e nanoparticelle non degradabili porta a fatica e perdita di elasticità. Ciò significa un aumento del rischio di nuove varianti di virus, malattie infettive (zoonosi) e malattie croniche gravi. Tutto questo è il risultato di una misura di stagione virus Subito IFR è di circa lo 0,15%. L’IFR può variare in base al paese, all’età e alla località. Il professor Van DeSel ammette alla Camera dei Rappresentanti, dopo una domanda del parlamentare FvD Van Haga, che l’IFR per SARS-CoV-2 non è molto più alto di quello per il virus dell’influenza stagionale. È tempo che l’umanità studi l’efficacia delle misure adottate e le conseguenze a lungo termine del tenere sotto controllo la SARS-CoV-2.

Perdita di biodiversità

È noto da decenni che le azioni umane sono la causa principale dell’aumento del rischio di focolai di malattie zoonotiche; Malattie infettive derivanti dalla trasmissione di agenti patogeni dagli animali all’uomo. La ragione principale di questo rischio è legata alla perdita di diversità in tutte le forme di vita, dai geni alle specie agli ecosistemi. La grande diversità significa che il sistema immunitario funziona meglio negli esseri umani, negli animali e nelle piante e quindi protegge efficacemente dai disturbi. Gli esseri umani sono responsabili dell’estinzione di tutte le specie da migliaia di anni. Dal 1970 in poi, il numero di uccelli, mammiferi, anfibi, rettili e pesci è diminuito del 30% e la loro sopravvivenza è minacciata. Anche la diversità di piante, alberi ed erbe è diminuita. Man mano che muoiono più specie, aumenta la pressione dei virus e di altri organismi per sopravvivere ad altre specie. A causa della perdita di biodiversità e della maggiore interazione uomo-animale, è molto probabile che l’agente patogeno virale venga trasmesso all’uomo. La pressione esponenziale di cambiare host sta guadagnando un vantaggio evolutivo. Gli esempi includono HIV, Ebola, SARS, MERS e forse ora SARS-CoV-2. Tuttavia, l’origine esatta di SARS-CoV-2 non è stata ancora stabilita.

Le maschere per il viso nascondono una grave minaccia alla diversità biologica degli esseri umani e della natura

Si credeva che le bottiglie di plastica fossero entrate nel mercato negli anni ’50, il che rappresenta un progresso importante. Consumiamo una media di 1 carta di credito a settimana in plastica, secondo il rapporto ‘Valutazione dell’ingestione di plastica dalla natura alle personeOgni anno vengono prodotte più di 300 milioni di tonnellate di plastica, la maggior parte delle quali finisce nell’ambiente naturale. Il 50% viene riciclato nei Paesi Bassi, ma molto meno nel resto del mondo. L’organizzazione governativa australiana CSIRO ha dimostrato che 80 specie diverse di animali tra cui balene e delfini e le tartarughe sono a rischio mentre sopravvivono. La quantità di plastica contribuisce ogni anno alle emissioni di anidride carbonica di 400 milioni di tonnellate.

READ  Radboudumc ha un'IA che predice il rischio di cancro ai polmoni

Dal 2020, ogni mese vengono aggiunti 129 miliardi di maschere per il viso all’impatto ambientale. Sono 3 milioni di bocchini al minuto. Uno studio della School of Medicine di Brighton e Sussex ha calcolato che l’Inghilterra ha utilizzato 3 miliardi di dispositivi di protezione individuale tra febbraio e agosto 2020, che equivale a 106.000 tonnellate di equivalenti di anidride carbonica. Sono 27.000 volte le emissioni medie di anidride carbonica per persona al giorno. La maggior parte dei tappi per la bocca usa e getta hanno tre strati; Poliestere, polipropilene o polistirene e uno strato intermedio di materiale assorbente come il cotone. Il polipropilene è una delle plastiche più problematiche a causa delle sue proprietà impermeabili e del suo alto peso molecolare Scarsamente degradabile. Le fibre di polipropilene vengono scomposte in particelle fini più piccole di nanoparticelle di 1 nm. Queste nanoparticelle si trovano in luoghi che non ci si aspetterebbe: Antartide, Groenlandia, Pirenei e Groenlandia. Si stima che circa 1,56 miliardi di maschere facciali siano finite nell’oceano. I ricercatori danesi hanno stimato che ci vorranno 450 anni prima che queste nanoparticelle si degradino.

Sostanze tossiche nelle maschere per il viso

Scienziati internazionali tra cui il professor Michael Brautgarn (direttore dell’Istituto ambientale di Amburgo e fondatore Dalla culla alla culla Standard ambientale) riguardano la grande quantità di sostanze tossiche presenti nell’esame delle maschere orali. Sono state riscontrate concentrazioni aumentate di PFC (perfluorocarbon), 2-butanone ossina, diisocianato, anilina (colorante), formaldeide, acetaldeide, tiram, ftalati, bisfenolo A e altre sostanze potenzialmente contaminate e cancerogene. Alcuni dei materiali trovati sono soggetti a severe restrizioni sul loro utilizzo. Ad esempio, il tiram non è consentito all’interno dell’Unione europea a causa dell’alto rischio per i mammiferi. PFC ha anche limitazioni sul suo utilizzo. La presenza di formaldeide può causare irritazione agli occhi, naso e gola, tosse, starnuti, vomito, affaticamento e irritazione della pelle. Gli ftalati influenzano l’equilibrio ormonale. A seguito dell’esposizione sono stati segnalati sviluppi anomali del cervello, della mammella e della prostata. Può anche verificarsi una diminuzione della fertilità animale. Ciò è stato osservato tra gli altri in balene, renne, lontre e orsi.

di recente in laboratorio Lo studio suggerisce che l’esposizione a pesticidi organofosfati può aumentare il rischio di Covid19 a causa dell’aumento dei recettori ACE2. SARS-CoV-2 entra nella cellula tramite il recettore ACE2. Nell’aprile 2020, i ricercatori dell’Università di Harvard e della Banca Mondiale hanno pubblicato un collegamento statistico tra i livelli di inquinamento atmosferico e le morti per Covid-19. Anche nei Paesi Bassi, un tasso di mortalità più elevato si riscontra nelle regioni con un contenuto di PM più elevato. È stato dimostrato un legame tra l’inquinamento atmosferico e un aumento del rischio di malattie croniche come l’asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva, la demenza e le malattie cardiovascolari. In seguito agli articoli pubblicati, RIVM ha avviato le proprie indagini, i cui risultati dovrebbero apparire nel 2023.

READ  Perché la politica improvvisamente offre un arsenale di facilitazione: il Belgio

Una maschera di nanoparticelle può essere più dannosa

Nell’ottobre 2020, zeolite d’argento, zeolite d’argento e rame sono state trovate nelle maschere facciali a marchio DIM. Questi principi attivi hanno proprietà antimicrobiche (biocide). Sul mercato europeo si possono trovare maschere con ossido di zinco argento o nanoparticelle di rame, biossido di titanio, nanoparticelle di grafene, carta antivirale trattata con zinco-argento o disinfettante nanostrutturale. In vari paesi (tra cui Belgio e Canada), il governo ha ritirato dal mercato maschere per la bocca contenenti sostanze tossiche in nanoparticelle. In Germania, 2 milioni di test rapidi sono stati ritirati dal mercato a causa della presenza di sostanze tossiche con potenziali rischi per la salute. Inoltre, testare le persone senza lamentele è fuorviante e uno spreco di denaro. I comuni gel per le mani possono contenere anche sostanze tossiche, incluso l’alcol (etanolo), che può causare l’esposizione a concentrazioni molto elevate.

La conoscenza della tossicità e degli effetti sulla salute a medio e lungo termine non è nota. Le nanoparticelle possono diffondersi attraverso il sistema linfatico e nervoso ad altri tessuti e organi del corpo, compreso il cervello. I biocidi possono anche rappresentare un rischio di aumentare la resistenza batterica. L’uso di biopesticidi non è conforme alle linee guida del Parlamento europeo. Dopotutto, è essenziale che gli antibiotici che funzionano bene rimangano disponibili per curare le infezioni batteriche. Una comune infezione batterica è stata trovata anche con la forma grave di Covid19, come accadde durante la pandemia del 1918.

È previsto un investimento nella nanotecnologia guidato dall’epidemia con una rapida crescita delle nanopelle antimicrobiche e antivirali nei prossimi cinque anni. A causa degli effetti negativi ancora sconosciuti, 14 organizzazioni internazionali hanno presentato richieste all’agente chimico europeo per una guida legale e sulla gestione dei rischi per l’uso di biopesticidi e nanoparticelle. I belgi RIVM e Sciensano hanno avviato un’indagine.

Ricercatori senior come il professor Brautgarn si chiedono se i potenziali rischi di sostanze nocive derivanti dall’indossare maschere per la bocca per lungo tempo non siano altro che un’infezione da Coronavirus. Soprattutto per gli scolari, il personale di assistenza, i dipendenti del negozio e i parrucchieri che indossano maschere per la bocca da molto tempo e questo richiede un’attenta considerazione. L’85% delle maschere per la bocca utilizzate in tutto il mondo sono prodotte in Cina. Nel 2020 sono stati registrati 70.000 nuovi stabilimenti in Cina. La catena di produzione delle maschere non mediche è scarsamente controllata. In Cina non ci sono etichette ambientali, le persone usano ciò che pensano funzioni.

BLe maschere per la bocca si accumulano dannose

Indossare maschere per molto tempo Potrebbe causare danni. Secondo il professor Kapstein, aumenta il rischio di infezione da virus, batteri e funghi, il che aumenta il rischio di sviluppare polmonite. Lavarsi le mani prima e dopo l’uso di una maschera per la bocca non è praticamente possibile.

READ  Il nuovo test mostra: 1 donna su 20 continua a bere durante la gravidanza

Una meta-analisi pubblicata di recente su 65 Revisione tra pari E articoli scientifici sugli effetti negativi hanno concluso che indossare maschere può portare a danni psicologici e fisici. La linea rossa nei sintomi riscontrati è Sindrome da esaurimento indotto dalla copertura della bocca (MIES Sindrome da burnout indotta da maschera). I sintomi vanno da un rischio di basso livello di ossigeno, un aumento del livello di anidride carbonica, vertigini, respiro accelerato e frequenza cardiaca, tossicità, infiammazione e aumento dei livelli dell’ormone dello stress a un aumento degli zuccheri nel sangue. Indossare maschere per la bocca provoca ansia, rabbia, mal di testa, disturbi del pensiero e sonnolenza. Questi risultati sono coerenti con i sintomi riportati da oltre 25.000 bambini nello studio tedesco Co-Ki.

C’era una volta medici e infermieri che creavano maschere mediche solo per brevi periodi in determinate circostanze. La ricerca scientifica ha dimostrato di non ridurre le infezioni della ferita indossando maschere per la bocca durante le operazioni. Le maschere hanno principalmente lo scopo di fermare gli schizzi e vengono utilizzate solo per brevi periodi. Non sono destinati a rimanere umidi e rugosi nella tasca dei pantaloni, causando l’erosione delle fibre e la crescita dei batteri. L’erosione delle fibre può portare a sostanze nocive simili all’amianto. Il centro ha concluso in un rapporto pubblicato a febbraio che non c’erano prove convincenti dell’efficacia di indossare maschere facciali.

Una bussola etica per una prospettiva umana e sostenibile

Dutch Healthcare chiede al Governo di 10 miliardi di euro per ottenere una riduzione del 95% delle emissioni di anidride carbonica. Nel frattempo, miliardi di euro vengono spesi per protezione personale, disinfettanti, test rapidi e autotest che mancano dell’uso e dell’urgenza che aumentano le emissioni di anidride carbonica e mettono a rischio la salute. Magazzini pieni di dispositivi di protezione individuale che non possono essere utilizzati.

Lo stato attuale dell’uomo e della natura richiede che il governo e la politica governino moralmente sulla base di prove scientifiche nel contesto dell’efficacia e della sicurezza. Solo allora sorge la possibilità che le persone e la natura possano riparare i danni nell’interesse di un mondo più sano. Un arresto immediato alle misure dannose e all’imminente comunità di test è la decisione giusta per smantellare una bomba a orologeria.

Puoi trovare l’articolo originale qui:

https: // tpo.

Dott. Infrared Carla Peters è una fondatrice e proprietaria Una buona cura del copala sembra migliore. Ha conseguito un dottorato in immunologia, ha lavorato su malattie infettive e vaccini presso RIVM ed è stata manager di diverse istituzioni sanitarie.