QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il senatore democratico del West Virginia contrasta il piano climatico di Biden

La maggior parte dei piani climatici del presidente Biden rischia di essere schiacciata dal senatore democratico dell’opposizione al carbone del West Virginia. Ciò indebolirebbe la posizione di Biden al vertice sul clima di Glasgow, secondo i rapporti New York Times.

Biden vuole sostituire le centrali a carbone e gas con energia nucleare, solare ed eolica. Il suo programma di elettricità pulita dovrebbe costare 150 miliardi di dollari e ricompenserà le aziende energetiche che passano alle energie rinnovabili, punendo nel contempo gli inquinatori. Gli esperti hanno considerato il programma il piano climatico più ambizioso mai lanciato da un presidente degli Stati Uniti.

Ora è minacciato dall’opposizione di un uomo, Joe Manchin, l’ala destra tra i senatori democratici, che proviene da uno stato minerario e da un elettorato relativamente conservatore. Inoltre, l’altro senatore del West Virginia, il repubblicano Shelley Moore Capito, è “fortemente contrario” al piano di Biden, perché è “progettato per rimuovere carbone e gas dal nostro mix di elettricità, e questo sarebbe assolutamente devastante per il mio stato”.

Il senatore democratico Joe Manchin.Foto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente

Il supporto è necessario

Il piano climatico fa parte di un pacchetto da 3,5 trilioni di dollari di misure di riforma sociale e climatica in fase di negoziazione al Congresso. Il sostegno di Manchin è necessario perché i Democratici hanno solo una ristretta maggioranza al Senato, 50 seggi su 100, più il voto del vicepresidente Harris. Ma se Biden incontra Manchin, i democratici progressisti minacciano di ritirare il loro sostegno al pacchetto.

secondo New York Times Il piano dell’elettricità pulita sarà probabilmente tolto dal pacchetto. Potrebbe tornare come canone separato in un secondo momento, ma non è certo. Come risarcimento per i democratici progressisti, la Casa Bianca sta ora esaminando ogni sorta di misure più piccole per ridurre le emissioni di anidride carbonica.

Se il programma statunitense per l’elettricità pulita fallisce, anche la posizione del presidente Biden al vertice globale sul clima COP-26, che inizierà a Glasgow tra due settimane, si indebolirà. Gli Stati Uniti sono il più grande produttore al mondo di gas serra e hanno un presidente Donald Trump che non vuole avere niente a che fare con la politica climatica. Biden sembrava annunciare un cambiamento, ma cosa accadrebbe ai suoi piani è altamente discutibile. Biden dice le cose giuste e ha le giuste aspirazioni, ma minaccia di denunciare la situazione la prima volta che i suoi piani climatici vengono testati, ha dichiarato in una nota David Victor, ricercatore sul clima presso l’Università della California, a San Diego. New York Times. “Questo pone la domanda se puoi crederci.” Inoltre, il ritorno di Trump e la possibile vittoria delle elezioni repubblicane nel 2022 sono al di sopra del mercato.

Aumento del consumo di carbone

Ironia della sorte, il consumo di carbone è aumentato drasticamente sotto Biden, mentre è caduto sotto la guida di Trump, il campione dell’industria del carbone, ha riferito Bloomberg. Sotto Trump, molte compagnie energetiche sono passate dal carbone al gas più economico, mentre le energie rinnovabili come l’eolico e il solare sono diventate più economiche. La produzione di carbone è diminuita del 40% negli ultimi sei anni, secondo i dati della società di servizi finanziari BP. Riley Servizi.

Si prevede che le centrali elettriche statunitensi bruceranno il 23 percento in più di carbone quest’anno, il primo aumento dal 2013. La quota di approvvigionamento energetico del carbone è destinata a salire al 24 percento, dopo aver toccato il minimo storico del 20 percento nel 2020. Domanda di carbone è aumentato drasticamente a causa della carenza energetica globale dovuta alla ripresa economica post-coronavirus.

Secondo gli esperti, le prospettive future per il carbone non sono molto rosee, perché molte aziende non vogliono investire in un settore che rischia di perdere nel lungo periodo le energie rinnovabili. Ma per ora, il carbone funziona di nuovo bene. “I mercati hanno parlato”, ha detto a Bloomberg Rich Nolan della National Mining Association. “Vediamo il ritorno del carbone come fonte di energia primaria”.

READ  PS non vuole fermare il sostegno al Corona in questo modo: "Tutti devono uscire dalla crisi prima che ci fermiamo" | interni