QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il sogno di Wim in Italia si è rivelato costoso: ’10…

Il sogno di Wim in Italia si è rivelato costoso: ’10…

notizia
Ricreazione e Turismo

L’imprenditore Wim van Gelderen aveva un sogno: un resort di lusso nella regione meridionale italiana della Puglia. Si è rivelato essere un incubo burocratico. Ora quindici anni dopo è senza un resort e povero di molti soldi.

Angelo Van Schaeck

11 maggio 2023

L’uomo d’affari olandese Wim van Gelderen vive un incubo burocratico in Puglia, nel sud Italia. Foto: immagine personale

Un sogno si trasforma lentamente in un sogno, un sogno costoso. “Adesso ho investito 10 milioni di euro”. Scrive che la costruzione dell’hotel di lusso di Van Gelderen è stata bloccata per anni da seccature burocratiche. È ANNO DOMINI. Un errore del comune di Fasano ha messo i bastoni tra le ruote e non c’era giunta regionale che potesse rimediare all’errore. Anche un po’ del ministero della Cultura di Roma e una lettera dell’ambasciata olandese non hanno aiutato.

Nel 2007, l’ormai settantenne imprenditore olandese ha trovato il posto perfetto per realizzare il suo sogno: un allevamento di polli abbandonato alla periferia di Fasano, un appezzamento di terreno di 8 ettari in leggera pendenza con decine di ulivi, alcuni dei quali secolari vecchio. “La Puglia è di una bellezza straordinaria, con una natura meravigliosa”, dice Van Gelderen via Skype. “La Valle d’Itria ai piedi dell’Appennino è particolarmente bella.”

Leggi anche: Crescere all’estero più facile e veloce: 4 consigli

Insomma, la location ideale per il Barco de Mileto, come van Gelderen ama definire il suo resort di lusso. Nel 2008, un uomo d’affari olandese ha acquistato un pezzo di terra. Sarà un boutique hotel a cinque stelle circondato da sette appartamenti, 33 ville e diverse piscine. “Il progetto mira principalmente ad attrarre un turismo di qualità”. Quando il resort sarà pronto, potrà dare lavoro a più di cento persone della zona.

READ  Esportazioni britanniche di zucchine e cavolfiori in Spagna, Italia e Scandinavia

Permesso di costruzione

Il sindaco de Bari è stato entusiasta e ha concesso un permesso di costruzione nel 2010. Van Gelderen ha iniziato demolendo i capannoni fatiscenti dei polli e ripulendo circa 8.000 metri quadrati di amianto in conformità con le normative ambientali. Fin qui tutto bene.

Poi è arrivato un rapporto nel 2012. Anonimo. ,, ho un sospetto da dove provenga, ma fino a quando non avrò prove concrete, non dirò nulla al riguardo.”

Un esempio del progetto. © Immagine personale

Regole progettazione del paesaggio Italia

Alla fine del secolo scorso sono state introdotte nuove regole per la progettazione del paesaggio, che richiedono l’approvazione del governo regionale oltre al comune per alcuni progetti. Il comune di Fasano lo ha trascurato nella concessione edilizia rilasciata a Van Gelderen. “Credo che sia stato fatto in buona fede.”

Van Gelderen è stato accusato e il suo cantiere è stato confiscato. Era l’inizio di un sogno. A causa dei tribunali protratti, il caso era prescritto, ma la proprietà di Van Gelderen aveva dei timbri, un “sequestro preventivo”. Questo è il 2017.

“Uno dei miei avvocati non ha mai avuto un’esperienza come questa prima”, ha scritto.

Ricerca per la proprietà del Parco di Mileto

Il cambiamento ha peggiorato le cose Piano Pacacistico, Progetto Natura. Un fiume paludoso è indicato come un’acqua pubblica, il che significa che gli edifici devono trovarsi a una distanza maggiore. Il Parco di Mileto è vicinissimo.

Van Gelderen ha presentato ricorso, ma anche la Corte d’appello di Lex si è presa il suo tempo. Ha dovuto aspettare più di due anni per il verdetto. Dopo un’indagine, la guardia di finanza è giunta alla conclusione che Van Gelderen non era il proprietario del Parco di Mileto. Potrebbe essere il direttore di un fotovoltaico italiano, ma non nei Paesi Bassi, ha detto la polizia.

READ  Come stanno le economie italiane e degli altri 'paesi problematici'?

Leggi anche: L’imprenditore Jellie, 32 anni, gestisce sei hotel (il settimo aprirà presto)

In pratica, il settantenne olandese possiede sia un’azienda italiana che una olandese. Ma questo, erroneamente, è il motivo per cui la Corte d’Appello non si è pronunciata nel merito della causa, confermando la decisione del giudice di merito, e chiudendo rapidamente il caso. “Il tribunale ha semplificato le cose. È oltraggioso.” Van Gelderen ride un po’ goffamente. “Uno dei miei avvocati mi ha scritto in seguito che non aveva mai sperimentato nulla di simile in 25 anni come avvocato”. Infine, nel 2022, il sequestro è stato ribaltato in appello alla Corte di Cassazione di Roma.

investitore americano

L’imprenditore olandese non è l’unico investitore straniero a dover fare i conti con la pesante burocrazia pugliese. L’americana Alison Dayton ha investito più di 70 milioni di euro per trasformare un uliveto trascurato a Nardo, poco distante, in un resort di lusso, ma non le è stato concesso il permesso.

Il motivo di questo rifiuto, come nel caso di Wim van Gelderen, è tanto vago quanto ostinato, la burocrazia spesso incomprensibile. Sorge la questione se si tratti di un caso di «molestie nei confronti di uno straniero». “Potrebbe essere un bene. La gelosia ha un ruolo nella cultura del sud Italia. “Le indagini al comune di Fasano e alla regione Puglia non hanno portato a nulla. L’attuale sindaco di Fasano non ha risposto, né il presidente della regione, Michele Emiliano, ha risposto al telefono.

Leggi anche: Questo miliardario ha lavorato in un parco divertimenti per 10 anni ma non ha ottenuto altro: “Più lavoro di quanto pensassi”

READ  Anche i Red Devils hanno perso contro l'Italia

Van Gelderen rompe le barriere

Dal 2014 al 2018 rispondeva al telefono l’unico assessore all’Urbanistica della Regione Puglia, Anna Maria Curcurudo. È scioccata quando le viene chiesto cosa sia e cerca di minimizzare il suo ruolo. “Non sono responsabile di questo file. Non ne so molto”, dice prima di riagganciare scusandosi.

Quindici anni dopo, Wim van Gelderen è ancora a mani vuote e il suo sogno sembra a portata di mano. Non voleva arrendersi. “L’imprenditorialità mi è stata instillata fin dalla giovane età e non importa quanti ostacoli mi si presentano, mi diverto ancora”.